AnimazioneRecensioni Film

Il re leone 2 – Il regno di Simba, la recensione


TITOLO: Il re leone 2 – Il regno di Simba

TITOLO ORIGINALE: The Lion King II: Simba’s Pride

REGIA: Darrell Rooney, Rob LaDuca

PAESE: USA, Australia

ANNO: 1998

GENERE: animazione, musicale, avventura, sentimentale

DURATA: 81 minuti


 

DOPPIATORI ITALIANI: Riccardo Rossi, Manuela Cenciarelli, Francesco Pezzulli, Sergio Fiorentini, Sandro Tuminelli, Laura Boccanera, Roberto Pedicini, Alessandro Quarta, Paola Tedesco, Mirko Pontrelli

DOPPIATORI ORIGINALI: Matthew Broderick, Neve Campbell, Andy Dick, Robert Guillaume, James Earl Jones, Moira Kelly, Nathan Lane, Jason Marsden, Suzanne Pleshette, Ernie Sabella


 

TRAMA: Gli animali delle Terre del Branco celebrano la nascita di Kiara, figlia di Simba e Nala. La cucciola cresce sotto l’occhio vigile e attento del padre ma, proprio a causa di un’iperprotettività da parte di questo, la piccola leonessa, enormemente irritata, diviene testarda e disobbediente.
Il compito di tenerla sotto osservazione viene assegnato segretamente a Timon e Pumba che, però, essendo molto maldestri si fanno subito scoprire. A questo punto Kiara riesce a sfuggire alle attenzioni del duo e finisce involontariamente nelle Terre di Nessuno dove fa la conoscenza di Kovu, piccolo leoncino erede al trono di Scar. I due cominciano a giocare e scoprono di essere in completa sintonia ma, a rovinare tutto, ci pensa Simba che interviene trattando con odio e diffidenza il cucciolo indifeso. Indifeso per modo di dire perché di lì a poco emerge anche Zira, madre di Kovu, che li stava spiando da un cespuglio. Tra i due adulti nasce un diverbio alimentato ulteriormente da vecchi rancori, Zira, difatti, ricorda al suo interlocutore come quelle fossero le terre in cui lui aveva esiliato Scar e i suoi seguaci. Simba, infuriato, fa ritorno a casa con la figlia e ne approfitta per farle una seria predica a proposito dell’accaduto. Allo stesso tempo anche Zira sgrida il proprio cucciolo ma si rimangia tutto quando capisce di poter utilizzare tale amicizia per eliminare definitivamente la famiglia reale delle Terre del Branco.
Gli anni passano e i due cuccioli crescono fino a raggiungere l’età appropriata per la caccia. Kiara esce in battuta, finalmente sola ma, per colpa di una trappola di Zira e della sua famiglia, rimane intrappolata in un incendio da cui viene salvata da Kovu, d’accordo con gli altri.
Questo pretesto viene usato per tentare di entrare nelle grazie di Simba che, nonostante inizialmente ponga una certa notevole resistenza, pian piano si lascia andare.
Nel frattempo fra Kiara e Kovu nasce non solo una profonda amicizia ma anche l’amore. I due, sollecitati dalla scimmia Rafiki, scoprono di avere dei sentimenti reciproci e si legano sempre più.
Anche il rapporto tra Kovu e Simba migliora, soprattutto dopo che al giovane viene raccontata la vera storia di Scar che non era quella di cui era a conoscenza.
A questo punto Kovu è in una situazione difficile e pericolosa, da un lato si sente in colpa per aver tradito segretamente la fiducia della sua nuova famiglia, dall’altra non sa nemmeno come gestire il tutto con Zira. Proprio quando si decide e opta per rivelare tutto a Simba, i rinnegati delle Terre di Nessuno attaccano, svelando il piano segreto escogitato dalla famiglia di Kovu fin dall’inizio.
Comincia uno scontro violento tra i due popoli con, da una parte, Zira in cerca di vendetta e, dall’altra, Simba, arrabbiato per l’offesa e il tradimento subiti.
Saranno proprio i giovani, Kiara e Kovu, a fare da pacieri e risolvere il conflitto dando vita ad una nuova comunità pacifica formata dall’unione dei due popoli.
La serenità scenderà sulla Rupe dei Re e Kovu e Kiara potranno finalmente unirsi, dimostrando che l’amore trionfa sempre.

“Con il tempo scoprirai ci son cose che mai potrai capire. Qualche volta un tuo progetto che sembrava perfetto può non riuscire. Guarderai in avanti senza avere mai rimpianti, noi saremo al tuo fianco, lo sai…con orgoglio e lealtà siamo un’unica realtà. E nessuno la spezzerà mai.”

Il re leone 2 recensione – sembra una scena già vista!!?!

 

COMMENTO: Il re leone II – Il regno di Simba è il sequel de Il re leone, uscito quattro anni prima. La storia è incentrata su Kiara, figlia di Simba e Nala, che si innamora follemente e inaspettatamente di Kovu, un giovane leone allevato dai seguaci di Scar. Il loro amore ricorda per certi versi il dramma shakespeariano di Romeo e Giulietta.
Kiara e Kovu, difatti, sono ostacolati dalle proprie famiglie: Simba non reputa Kovu all’altezza della figlia e, per di più, nutre molti pregiudizi verso il suo popolo di rinnegati, da lui stesso esiliato dalle Terre del Branco per confinarlo nelle Terre di Nessuno. D’altro canto, Zira, la madre di Kovu, prova un odio profondo per Simba, colui che ha distrutto Scar. Insomma, un amore destinato a non funzionare a causa dei parenti.

Le avventure di Kiara e Kovu che tenteranno di dimostrare la veridicità del loro amore, i sempre amati e apprezzati personaggi secondari come Timon e Pumba, l’animazione straordinaria e le canzoni pazzesche faranno divertire tutta la famiglia, da non perderselo!

“Io non voglio avere quello che hanno gli altri. Forse non son forte ed ho paura ma dentro al cuore son sicura. L’amore troverà la via, non mi perderò con te, mi sentirò a casa mia. Due note fanno un’armonia che nasce dentro al cuore, per noi due l’amore troverà la via.”

[review] Il re leone 2 recensione – il figlio di Simba assomiglia al padre?

Il Verdetto

Voto Globale - 8

8

Voto

Le avventure di Kiara e Kovu che tenteranno di dimostrare la veridicità del loro amore, i sempre amati e apprezzati personaggi secondari come Timon e Pumba, l’animazione straordinaria e le canzoni pazzesche faranno divertire tutta la famiglia, da non perderselo!

User Rating: Be the first one !
Tags

Serena Grosso

Ciao a tutti, sono Serena Grosso (25.02.1993) e scrivo da Torino. Mi occupo della sezione cinema e serie televisive dal momento che vivere come in un film é la mia filosofia di vita.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close