10 cose che non sapevi riguardo al Super Bowl.

10 cose che non sapevi riguardo al Super Bowl

Ogni anno, più di 100 milioni di persone guardano il Super Bowl. Tuttavia, ci sono pochi fan che conoscono queste 10 cose riguardo alla partita più importante dell’anno.

Se sei un fan sfegatato o guardi lo spettacolo fatto di esibizioni e spot pubblicitari durante la fine del primo tempo, questi fatti ti stupiranno. Quanto è costato il primo biglietto del Super Bowl? Qual’è stato l’annuncio pubblicitario più costoso? Quante ali di pollo gli americani mangiano il giorno della partita? Le risposte a queste ed altre domande le troverai qui sotto!

1. NBC ha perso il calcio d’inizio dopo l’intervallo durante il primo Super Bowl.

L’anno era il 1967 e la tecnologia era quella che era. Durante la fine del primo tempo, NBC trasmetteva un’intervista in diretta con il comico Bob Hope, ma poi non è riuscita a tornare in tempo alla partita ed ha fatto perdere il calcio d’inizio ai telespettatori. Una cosa da RAI.

2. La leggenda vuole che il nome “Super Bowl” è nato dal giocattolo per bambini conosciuto come “Super Ball”.

Quando il nome “Super Bowl” ha avuto origine c’è stato un lungo punto di contesa. Lamar Hunt, fondatore della American Football League, disse però: “La mia sensazione è che probabilmente avevo registrato nella mia testa questo nome perché mia figlia e mio figlio (Sharron e Lamar Jr.) avevano un giocattolo per bambini chiamato “Super Ball” e probabilmente ho unito la fonetica.

3. I film “Space Jam” e “Piccoli campioni” sono nati da spot di successo andati in onda al Super Bowl. Ecco quali:

4. Nel 1989, il giocatore Stanley Wilson ha perso il Super Bowl a causa di un abuso di cocaina la sera prima.

La sera prima della partita tra Bengals e San Francisco, valevole per il Super Bowl XXIII, Wilson aveva detto che doveva andare a prendere il suo playbook prima di una riunione della squadra. Quando non tornò, l’allenatore Jim Anderson lo trovò in una stanza da bagno, strafatto. Gli fu vietato dalla NFL di giocare ed i Bengals perserò la partita. Anche oggi, Anderson afferma che le sue azioni hanno influenzato negativamente la storia della squadra.

5. Gli arbitri che dirigono il Super Bowl ottengono ugualmente gli anelli.

Solo i migliori arbitri vengono scelti per dirigere il Super Bowl, ed è un risultato che la NFL festeggia concedendo ai giudici di gara il famoso anello. Mike Perelra di Fox Sports ha spiegato: “I funzionari ottengono gli anelli del Super Bowl proprio come i giocatori. Non sono grandi come gli anelli dei giocatori, ma sono ugualmente preziosi. Questi anelli significano molto per i funzionari che li indossano con tanto orgoglio.”

6. Si stima che circa 1,5 milioni di lavoratori americani si mettono in malattia dopo il Super Bowl.

Probabilmente ha qualcosa a che fare con i 325 milioni litri di birra che bevono il giorno della grande partita. Questi 1,5 milioni che si mettono in malattia sono in buona compagnia. Secondo Fox Sports, altri 7,5 milioni arrivano in ritardo a lavoro e 10,5 milioni si prendono la giornata libera in anticipo. Considerando tutto questo, alcuni hanno suggerito di rendere il Lunedi dopo il Super Bowl una festa nazionale.

7. I primi biglietti per il Super Bowl costavano tra i 6 ed i 12 dollari.

Questi sono stati considerati come i “prezzi di Broadway,” ed il New York Times ha riferito che i fan sono arrabbiati perché la NFL ogni anno aumenta i prezzi. Oggi, i biglietti vanno dai 1.200 dollari per i sedili ai 9.000 dollari per i posti sulla linea delle 50 yard.

8. Gli americani mangiano 1,3 miliardi di ali di pollo nel giorno del Super Bowl.

Che si traduce in 162,5 milioni chili di ali, abbastanza per consegnarne quattro ad ogni cittadino degli Stati Uniti.

9. Il più costoso spot del Super Bowl fino ad oggi è stato fatto da Chrysler.

Lo spot di due minuti nel 2011 è costato alla società 12.4 milioni di dollari. Ne valeva la pena? Secondo Forbes, Rob Siltanen, fondatore dell’agenzia pubblicitaria che ha prodotto lo spot, lo ha definito un “game-changer” ed ha sostenuto che le vendite della società sono salite del 54 per cento nei mesi successivi allo spot.

10. Dion Rich, conosciuto come “World’s Greatest Gate Crasher,” si è intrufolato in più di 30 Super Bowl.

Rich ha anche partecipato alle Olimpiadi ed agli Oscar, un esperto delle imbucate insomma. Riguardo al Super Bowl detiene un vero e proprio record. E’ stato in 21 dei primi 22 Super Bowl, senza pagare, ma non riesce più ad intrufolarsi dal 2002. Oggi, la sicurezza è troppo attenta, anche per lui.

Autore

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

X