Calcio

Italia-Liechtenstein: per gli azzurri l’imperativo è vincere a suon di goal

formazioni Italia Liechtenstein giugno 2017

Questa sera, alle ore 20:45, nella cornice della “Dacia Arena “ di Udine, gli azzurri guidati dal c.t. Giampiero Ventura affronteranno il modesto Liechtenstein, gara valevole per le qualificazioni al mondiale di Russia 2018.

La sfida appare ben delineata sulla carta, con l’Italia largamente favorita per la conquista della vittoria, che però dovrà provare a siglare il maggior numero di goal possibili, per ridurre il gap con la Spagna, prima in classifica nel girone G e con una migliore differenza reti rispetto agli azzurri. Approdati in terra friulana, nel tardo pomeriggio di ieri, il c.t. Ventura in compagnia di Gigi Buffon hanno presenziato la consueta conferenza stampa della vigilia. Ai microfoni dei giornalisti, l’ex tecnico granata ha affermato che non esistano gare semplici e scontate.

Il Liechtenstein è ben diverso da quello visto nella sfida dello scorso novembre e addirittura è reduce dallo 0-0 in amichevole contro la Finlandia. A suo giudizio, la compagine allenata dal c.t. Pauritsch, non è il Brasile ma è pur sempre una nazionale che meriti rispetto. Inoltre ripercorrendo la storia degli azzurri, l’Italia raramente ha effettuato delle goleade in gare ufficiali, addirittura l’ultimo risultato rotondo risale al 1926. Ventura sottolinea che gare facili ormai non esistano più, basti pensare che nella stagione 2015/2016 alla guida del Torino non riuscì mai a superare il Carpi, squadra apparentemente designata come vittima sacrificale di turno che invece, però, retrocesse solo all’ultima giornata. Il c.t. azzurro ha poi posto l’attenzione sui miglioramenti dimostrati nell’amichevole disputata mercoledì contro l’Uruguay, sottolineando l’importanza dei vari giovani che hanno apportato all’intero gruppo una ventata di ottimismo e gran voglia di ben apparire.

Infine, Ventura, ringrazia il Presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio, per aver anticipato la finale della prossima edizione della Coppa Italia, al 9 maggio 2018, per permettere, così, alla comitiva azzurra di prepararsi con la massima concentrazione in vista della possibile partecipazione al mondiale in Russia. Gigi Buffon, invece, ha tutta l’intenzione di cancellare l’amarezza subita il 3 giugno scorso a Cardiff, con la sconfitta rimediata in finale di Champions League. Il portiere della nazionale azzurra mostra convinzione nel voler chiudere brillantemente questa stagione agonistica, attraverso una vittoria, per poi rilassarsi un po’ in vista di rinnovate sfide. La stagione che si appresta a concludere resta pur sempre positiva e ricca di successi, anche se, come ci tiene a ribadire, nel corso di una carriera si alternino inevitabilmente momenti trionfali ad altrettanti momenti di sconforto.

L’importante però è rialzarsi immediatamente, dimostrando la carica agonistica giusta. Per Buffon sarà fondamentale conquistare i tre punti in palio con il Liechtenstein, poi se tale prestazione dovesse essere coronata da un cospicuo numero di reti, ben venga. Solo dopo il triplice fischio finale si potrà pensare alla sfida decisiva del prossimo 2 settembre, al “Bernabeu” di Madrid, contro la Spagna, vero e proprio spareggio in un girone in cui le “furie rosse” e gli azzurri procedono di pari passo. Per quanto concerne le probabili formazioni, Ventura si affiderà, molto presumibilmente, al “4-2-4” con il ritorno di Buffon tra i pali, Bonucci e Chiellini a comporre il duo centrale di difesa. Lungo la corsia di sinistra spazio a Spinazzola, mentre sul fronte opposto ci sarà Darmian.

Sulla mediana fiducia a De Rossi e Pellegrini, con quest’ultimo nelle vesti di undicesimo debuttante dal primo minuto durante la gestione Ventura. In avanti confermato il quartetto con Insigne e Candreva ai lati del tandem Immobile-Belotti. Il Liechtenstein che nella giornata di ieri, ha approfittato del pomeriggio libero, per andare a visitare il salumificio friulano in cui si produce il famoso e gustoso prosciutto “San Daniele”, scenderà in campo con un abbottonato “4-1-4-1”. In porta ci sarà Buchel, con Rechtsteiner, Malin, Gubser e Goppel a formare il quartetto difensivo. Nel ruolo di playmaker basso agirà Polverino, mentre a centrocampo Buchel e Hasler presidieranno la mediana, Burgmeier e Salanovic si muoveranno lungo le fasce. In avanti l’unico terminale offensivo sarà rappresentato da Frick. L’arbitro designato per dirigere il match è lo scozzese Clancy.

In contemporanea, sempre per il girone G, la Spagna affronterà a Skopje la Macedonia mentre l’Israele ospiterà l’Albania. Missione tre punti per l’Italia e preferibilmente con raffica di goal, sperando in un passo falso da parte della compagine allenata dal c.t. basco Lopetegui, per rosicchiare qualcosa in vista della corrida del “Bernabeu”, in cui sarà in palio buona parte dell’accesso diretto per Russia 2018.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de’ Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e’ la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close