Calcio

30 Settembre 2017 | Genoa Bologna (Il Pre-Partita)

Juric trema: contro il Bologna è una prova da appello da non fallire…

Situazione alquanto drammatica in casa “grifone”. Il Genoa, questa sera, alle ore 20:45, affronterà il Bologna in occasione dell’anticipo  valevole per la settima giornata di serie A e gli spunti di interesse di certo non mancano. I rossoblù occupano attualmente il  terzultimo posto con due punti all’attivo, frutto di due pareggi e ben quattro sconfitte nelle prime sei giornate. La posizione del tecnico croato Ivan Juric non è certo delle più tranquille. In caso di ennesimo ko si profilerebbe un inevitabile cambio alla guida del Genoa con Oddo e Mazzarri in pole position al fine di sostituirlo. Tra l’altro, questa sera, è prevista una dura contestazione da parte dei tifosi genoani al cospetto del presidente Enrico Preziosi, il quale per questioni di sicurezza personale eviterà di recarsi al Ferraris. I felsinei, invece, sono reduci dal pareggio interno rimediato contro l’Inter e dalla vittoria nel derby emiliano con il Sassuolo. La banda di Donadoni è posizionata a metà classifica, con otto punti in cascina, donando la sensazione di poter sciorinare un gioco interessante ed efficace per via del giusto mix tra giovani rampanti come Verdi e Di Francesco e uomini d’esperienza in grado di fornire il loro lauto contributo come ad esempio Palacio. Genoa e Bologna sarà anche l’incrocio tra due ragazzi dal futuro raggiante che si sono messi in mostra nelle ultime settimane: da un lato Pietro Pellegri, classe 2001, autore di una doppietta scoppiettante nel match tra Genoa e Lazio, dall’altro Okwonkwo, attaccante nigeriano nato nel 1998, decisivo nella vittoria ottenuta dal Bologna al cospetto del Sassuolo.

Intanto, nella giornata di ieri, Juric e Donadoni non si sono sottratti alle domande dei giornalisti in vista dell’incrocio in campionato. L’allenatore del Genoa si è così espresso in merito allo stato attuale dei suoi uomini e sui propositi da mantenere al fine di affrontare con ardore gli emiliani: “Il Bologna è un’ottima squadra, ma sono concentrato unicamente sui miei. Donadoni ha grandi giocatori e può giocare sia con la difesa a 3 che a 4, ma contro l’Inter la squadra mi ha donato una sensazione di compattezza, il mix tra vecchi e nuovi sta funzionando. Il calendario ora è difficile, ma dobbiamo iniziare a vincere. Mancano i risultati. Ultima spiaggia? Non abbiamo paura, solamente voglia di ottenere un successo importante per uscire da questo momento”.

Dalla sponda felsinea, Roberto Donadoni mette in guardia i suoi uomini da facili entusiasmi, invitando tutti alla massima concentrazione in vista di un match molto complicato in quanto troveranno dinnanzi a loro una squadra ferita e in cerca di riscatto: “E’ ovvio che per noi la  partita di domani (oggi ndr) sarà difficile. Il Genoa giocherà con tante motivazioni e la consapevolezza di poter fare risultato, anche perché ha meno punti in classifica di quanto meritasse e a Milano ha disputato un’ottima partita. Da parte nostra serve concentrazione feroce, mantenendo uno standard importante nell’arco di tutta la partita. La consapevolezza c’è anche quando non si vince, proprio il Genoa viene da un ottimo match ma ha perso. Certo, le prestazioni aiutano ma ogni partita fa storia a sé”.

Per quanto concerne le probabili formazioni, Ivan Juric dovrebbe affidarsi al 3-4-2-1 come modulo di riferimento con Perin in porta, Biraschi, Rossettini e Zukanovic a comporre il terzetto difensivo. A centrocampo Rosi e Migliore agiranno lungo le fasce, mentre centralmente opereranno Bertolacci e Cofie. Sulla trequarti Ricci e Pellegri agiranno a supporto della punta centrale Palladino. Donadoni dovrebbe rispondere con il 3-5-2 affidandosi a Mirante tra i pali, difesa a tre con Maietta, Gonzalez ed Helander. A metà campo agiranno centralmente Poli, Pulgar e Donsah, mentre lungo gli esterni ci saranno Mbaye e Masina. In avanti possibile l’inedito tandem composto da Verdi e Petkovic. Entrambe le compagini annoverano assenze pesanti: nel Genoa mancheranno per squalifica Taarabt e Omeonga oltre ad Izzo che tornerà in campo solo dopo il 12 ottobre, a cui vanno aggiunti i lungodegenti Spolli e Lapadula, mentre il Bologna dovrà fare a meno di Di Francesco, bloccato da un infortunio muscolare.

L’arbitro designato per dirigere il match è il signor Gianluca Rocchi della sezione di Firenze.

 

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de’ Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e’ la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close