Mondo

Iniziate le riprese di “La profezia dell’Armadillo”

Un fumetto che diventa film

Con Oscar Glioti, Pietro Martinelli e Valerio Mastandrea.

Il grande sogno dei fan si concretizza: sono iniziate le riprese del nuovo film tratto dal libro La profezia dell’Armadillo di Zerocalcare. Il fumettista, autore dell’opera, è anche uno degli sceneggiatori del film, che verrà girato in circa sei settimane tra Italia e Francia.

Sarà l’esordio alla regia per Emanuele Scaringi, al suo attivo esperienze come sceneggiatore e delegato di produzione a Fandango, dove lavora da tempo allo sviluppo progetti.

La profezia dell'Armadillo film
La profezia dell’Armadillo

Ecco la sinossi del fumetto:

Zero ha ventisette anni, vive nel quartiere periferico di Rebibbia, più precisamente nella Tiburtina Valley. Terra di Mammuth, tute acetate, corpi reclusi e cuori grandi.

Dove manca tutto ma non serve niente. Zero è un disegnatore ma non avendo un lavoro fisso si arrabatta dando ripetizioni di francese, cronometrando le file dei check-in all’aeroporto e creando illustrazioni per gruppi musicali punk indipendenti.

La sua vita scorre sempre uguale, tra giornate spese a bordo dei mezzi pubblici attraversando mezza Roma per raggiungere i vari posti di lavoro e le visite alla Madre.
Ma una volta tornato a casa, lo aspetta la sua coscienza critica: un Armadillo in carne e ossa, o meglio in placche e tessuti molli, che con conversazioni al limite del paradossale lo aggiorna costantemente su cosa succede nel mondo.

A tenergli compagnia nelle sue peripezie quotidiane, nella costante lotta per mantenersi a galla, è l’amico d’infanzia Secco.

La notizia della morte di Camille, una compagna di scuola e suo amore adolescenziale mai dichiarato, lo costringe a fare i conti con la vita e ad affrontare, con il suo spirito dissacrante, l’incomunicabilità, i dubbi e la mancanza di certezze della sua generazione di “tagliati fuori”.

Serena Costantino

Serena di nome e di fatto? Ci provo… Grande sognatrice, chi mi conosce lo sa; sono attratta da tutto ciò che supera il limite della superficialità. Vivo di musica da quando avevo 7 anni, alternandomi tra pianoforte e canto (ma se potessi suonerei tutti gli strumenti), studio lingue, amo leggere, scrivere, il cinema, la famiglia, la cucina e tanto tanto altro!

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close