Calcio

Sampdoria Crotone: 5 0 | Migliori e Peggiori | Cronaca | Dichiarazioni Post Partita

Furia Sampdoria: il Crotone termina ko con un pesante 5-0

Il momento d’oro della Sampdoria è certificato dal roboante successo ottenuto, nell’anticipo pomeridiano della nona giornata di serie A, con cui ha schiantato il Crotone per 5-0. La Doria con questo successo, ottiene il quarto trionfo nelle prime quattro uscite stagionali casalinghe, eguagliando il record inanellato nella stagione 1990/1991, quando poi si laureò per la prima volta campione d’Italia. Gli uomini Giampaolo, a seguito di questa confortante vittoria, si issano a quota diciassette, nutrendo ambizioni da Europa League. Discorso diametralmente opposto per il Crotone, con i pitagorici che incappano nel quinto ko in questo campionato, su nove giornate disputate, il terzo lontano dall’”Ezio Scida”. I calabresi a seguito di questa debacle restano inchiodati a quota sei in classifica, con lo scettro poco edificante di peggior difesa del torneo in coabitazione con il Benevento, in attesa che i sanniti giochino quest’oggi contro la Fiorentina. La banda guidata da Nicola è in piena bagarre per non retrocedere ma di certo prestazioni come quella di Marassi non lasciano ben sperare per il futuro, motivo per cui occorrerà, sin dal turno infrasettimanale, compiere un’inversione di tendenza, anche se la trasferta all’Olimpico al cospetto della Roma non conceda ampi margini alla fantasia.

La gara del Ferraris si sblocca dopo tre minuti, quando dagli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Torreira, la palla giunge in area dove Gian Marco Ferrari colpisce di testa, mettendo a segno il più classico dei goal dell’ ex. Il raddoppio avviene all’11’ quando l’arbitro Calvarese decreta un penalty per la Doria a seguito di un intervento falloso, in area, di Ajeti nei confronti di Duvan Zapata. Dagli undici metri si presenta Quagliarella che non sbaglia. Per l’attaccante di Castellammare di Stabia si tratta del quinto centro in questo campionato. Al 38’ i pitagorici escono definitivamente di scena, subendo il terzo goal della giornata: Duvan Zapata si travesta da uomo-assist e appoggia al centro dell’area un pallone invitante per Caprari, il quale non deve far altro che spedire la sfera in rete. Per l’ex punta del Pescara è la terza firma con addosso la maglia della Samp. Nella ripresa gli ospiti non creano nessun pericolo dalle parti di un Puggioni inoperoso per l’intero match, mentre i blucerchiati pur non pigiando il piede sull’acceleratore riescono a trovare altre due reti. Il 4-0 avviene al 71’ quando Praet serve in area Linetty, che con forza insacca la palla in rete. Per il centrocampista polacco si tratta del secondo centro consecutivo in questo campionato, mentre il definitivo 5-0 porta la firma del giovane polacco Kownacki, classe 1997, il quale approfitta di un errato disimpegno di Cordaz, prende palla e a tu per tu con l’estremo difensore degli “squali”non sbaglia. Termina così la sfida tra Samp e Crotone che ha messo in evidenzia la voglia famelica dei blucerchiati di ben apparire, ergendosi a ruolo di rivelazione in questo campionato, al cospetto di una compagine calabrese pasticciona, inconsistente in difesa e deconcentrata per gli interi novanta minuti.

Queste le dichiarazioni di Giampaolo, in mixed zone, a margine del positivo 5-0 ai danni dei pitagorici: “Se puntiamo all’Europa? Noi non abbiamo obiettivi numerici, dobbiamo solo pensare a migliorarci sempre. Dove arriveremo non lo so ma noi dobbiamo solo pensare a superare noi stessi. Gli imprevisti sono dietro l’angolo e martedì si ricomincia tutto dall’inizio”. In merito alle quattro vittorie nelle prime quattro gare casalinghe in campionato, eguagliando il record siglato dalla Samp nella stagione dello scudetto datata 1990/1991, l’allenatore abruzzese non effettua voli pindarici con la fantasia, sentenziando: “Non scomodiamo la storia, quella stagione è stata qualcosa di straordinario”.

Di tutt’altro umore Davide Nicola alle prese con una battuta d’arresto fragorosa e molto preoccupante nei modi e nelle dimensioni: “Mettiamo da parte la scorsa stagione, a noi non interessa più. La Sampdoria questa sera è stata molto brava, noi abbiamo dato quello che potevamo. Ci siamo ritrovati sotto di due goal dopo pochi minuti e recuperare era molto difficile. La Sampdoria è stata più forte. Vogliamo essere competitivi. La nostra consapevolezza c’è sempre, sarà più dura dello scorso anno. Abbiamo bisogno di restare uniti, sia se facciamo bene, sia se facciamo male”.

Migliore del match- Duvan Zapata: Si procura un calcio di rigore e fornisce l’assist in occasione del goal di Caprari. Irrefrenabile.

Peggiore del match- Cordaz: Subisce cinque reti da una Samp famelica e propizia attraverso un suo errore il primo goal in A di Kownacki. Disastroso.

 

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de’ Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e’ la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close