Eventi

L’8 Novembre inizia Vite d’artisti a Udine

Un ciclo di incontri che unisce cinema e arte

Cinema e arte si incontrano

Mercoledì 8 novembre prende avvio il ciclo di incontri che l’Associazione Udinese Amici dei Musei e dell’Arte intende dedicare agli artisti e al modo in cui la loro vita ed arte è stata riproposta al cinema. Si potrà così constatare l’evoluzione del genere biografico dagli anni trenta del Novecento ad oggi.

La nostra guida sarà il prof. Giorgio Placereani, del Centro Espressioni Cinematografiche di Udine, critico cinematografico, che – con la metodologia da lui applicata dell’ ”anatomia del film” ci aiuterà a ri-scoprire alcuni film che – sia pur “datati” – a torto siamo portati a ritenere sorpassati, permettendoci così di apprezzare un genere che ha avuto grande riscontro presso il grande pubblico per caratteristiche particolari su cui riflettere, e di  approfondire gli esiti recenti tramite un’opera che ha innovato la consuetudine del cosiddetto “biopic”.

Tutti gli incontri si terranno nel Salone di Palazzo Mantica, sede della Società Filologica Friulana, in via Manin 18.  Nel primo appuntamento, mercoledì 8 alle h.17, il prof. Placereani affronterà il tema “Cinema e arte figurativa”.

PROGRAMMA DEL CORSO

Mercoledì 8 novembre, h.17. Lezione introduttiva: il prof. Placereani affronterà il tema “Cinema e arte figurativa”.

Seguirà la visione di tre film, opportunamente selezionati, proposti con una breve introduzione sul ruolo degli pittori prescelti nel panorama storico-artistico della loro epoca:

Venerdì 10 novembre, ore 18: L’arte e gli amori di Rembrandt (Rembrandt, 1936) di Alexander Korda, con Charles Laughton nel ruolo del grande pittore olandese del XVII secolo.

Mercoledì 22 novembre, ore 17: Brama di vivere (Lust for life, 1956), di Vincent Minnelli, con Kirk Douglas nel ruolo dell’artista olandese Vincent Van Gogh, esponente del Post-Impressionismo e anticipatore dell’Espressionismo novecentesco.

Mercoledì 29 novembre, ore 17Turner (Mr. Turner, 2014) di Mike Leigh, con Timothy Spall nel ruolo del geniale e visionario pittore romantico inglese del primo Ottocento.

Mercoledì 6 dicembre: Conferenza finale del prof. Placereani incentrata sull’analisi dei tre film visionati sotto l’aspetto del linguaggio filmico e della loro collocazione nella storia del cinema.

Tags

Serena Costantino

Serena di nome e di fatto? Ci provo… Grande sognatrice, chi mi conosce lo sa; sono attratta da tutto ciò che supera il limite della superficialità. Vivo di musica da quando avevo 7 anni, alternandomi tra pianoforte e canto (ma se potessi suonerei tutti gli strumenti), studio lingue, amo leggere, scrivere, il cinema, la famiglia, la cucina e tanto tanto altro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close