La Roma ha in mente solo l’Empoli, guai a parlare di derby.

La Roma che scenderà in campo questa sera nell’anticipo delle 20:45 contro l’Empoli, valevole per la trentesima giornata di serie A, avrà un solo obiettivo da perseguire, ossia quello di conquistare l’intera posta in palio per continuare a nutrire delle velleità da scudetto, considerando che domani sera nel big match tra Napoli e Juventus, una delle due o entrambe potrebbero frenare la propria corsa.

I giallorossi si presentano a quest’appuntamento dall’alto del secondo posto in classifica con sessantacinque punti all’attivo, a due lunghezze di distanza dal Napoli terzo e ad otto dalla Vecchia Signora capolista. I capitolini sono reduci da sei vittorie negli ultimi sette incontri di campionato e all’Olimpico lo score recita: tredici trionfi ed un solo ko. Durante la consueta conferenza stampa della vigilia, Luciano Spalletti ha tenuto a ribadire che nella testa dei suoi calciatori vi è solo l’Empoli e la ghiotta opportunità di poter rosicchiare qualche punto alla Juventus.

A suo giudizio non occorrerà affatto snobbare l’impegno al cospetto dei toscani, memore del pareggio a reti bianche ottenuto lo scorso 30 ottobre nel match d’andata. Conquistare tre punti potrebbe significare giungere al derby con la Lazio, in programma martedì 4 aprile, valevole per il ritorno della semifinale di coppa Italia, con uno spirito agguerrito e arrembante, il giusto atteggiamento per ribaltare il pesante 2-0 subito all’andata. Per quanto concerne la figura del prossimo direttore sportivo, che molto probabilmente sarà lo spagnolo Monchi, il quale ha appena rescisso il suo contratto che lo legava al Siviglia, il tecnico di Certaldo non si pronuncia, soprattutto in segno di rispetto dell’attuale d.s. Massara. Mentre, facendo un passo indietro nel ripercorrere l’incontro avuto con il presidente Pallotta, l’allenatore giallorosso afferma che sia stato un confronto all’insegna della chiarezza e dell’estrema cordialità, pur ribadendo con fermezza che se in questa stagione non riuscirà a portare a casa un trofeo, di sicuro a giugno lascerà la Capitale. Un segnale inequivocabile che molto probabilmente la liaison tra Spalletti e la Roma stia per giungere al capolinea. L’Empoli, invece, occupa il quartultimo posto a quota ventidue, collocandosi a sette punti di distanza dal Palermo terzultimo. Gli azzurri, lontano dal Castellani, non detengono un ruolino di marcia esaltante: il numero di vittorie è solo una, a cui vanno aggiunti quattro pareggi e nove sconfitte.

La banda di Martusciello è altresì reduce da sei ko consecutivi, con l’ultimo trionfo che addirittura risale al 22 gennaio scorso, quando, in casa, superarono l’Udinese per 1-0. Un altro dato che mette in evidenza il gap tra le due compagini è fornito dalle reti realizzate, da una parte vi è la Roma che con sessantaquattro centri all’attivo è il secondo miglior attacco del torneo al cospetto di un Empoli fanalino di coda in questa speciale graduatoria con soli diciassette goal realizzati. Martusciello durante la conferenza stampa di presentazione al match ha affermato che non bisognerà scendere in campo nelle vesti di sparring partners, piuttosto occorrerà giocare a viso aperto, con attenzione ma senza chiudersi sulla difensiva. Conquistare almeno un punto a Roma sarebbe una boccata d’ossigeno per compiere un piccolo passo verso la salvezza. La gara d’andata fu una delle prestazioni più memorabili degli azzurri, che inchiodarono i giallorossi sullo 0-0.  Consapevole della caratura dell’avversario, il tecnico ischitano tenterà di giocarsi tutte le carte a disposizione per interrompere questo periodo assolutamente critico per la sua compagine.

Per quanto concerne le probabili formazioni, Luciano Spalletti dovrebbe affidarsi al “3-4-2-1” con Szczesny tra i pali, linea di difesa a tre composta da Rudiger, Fazio e Manolas. Sulla mediana spazio al duo Paredes-Grenier, considerando le assenze di Strootman per squalifica e De Rossi per infortunio. Lungo le corsie esterne fiducia a Bruno Peres e all’ex della serata Mario Rui. Sulla trequarti agiranno Salah e Nainggolan a supporto della punta centrale Dzeko. Martusciello dovrebbe rispondere con il solito “4-3-1-2” affidandosi a Skorupski in porta, Cosic e Barba centrali di difesa. Ai lati agiranno Laurini e Pasqual. A centrocampo fiducia al trio Krunic, Mauri e Croce, mentre El Kaddouri fungerà da trequartista pronto ad innescare il tandem d’attacco Maccarone-Thiam. L’arbitro designato per dirigere la gara è il signor Davide Massa della sezione di Imperia.

I giallorossi hanno l’obbligo di non fallire questo match per conquistare tre punti che donerebbero autostima al gruppo sia in ottica campionato che soprattutto in vista della gara di ritorno della semifinale di coppa Italia, in un derby capitolino che si preannuncia acceso ed agonisticamente combattuto.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close