Real Madrid-Bayern Monaco: Il Real Madrid mette nel mirino la terza finale consecutiva di Champions

Cresce a dismisura l’attesa per la sfida di stasera, alle 20:45, tra Real Madrid e Bayern Monaco, semifinale di ritorno di Champions League.

All’andata, all’”Allianz Arena”, i blancos si sono imposti per 1-2 grazie alle reti di Marcelo e Asensio che hanno completamente ribaltato l’iniziale vantaggio dei tedeschi firmato da Kimmich. In un “Santiago Bernabeu” vestito a festa ed esaurito in ogni ordine di posto, le merengues proveranno a centrare l’obiettivo di conquistare la terza finale di Champions consecutiva, evento che isserebbe Zidane nell’olimpo dei migliori tecnici a livello europeo. In passato solamente Fabio Capello alla guida del Milan nel 1993, 1994 e 1995 e Marcello Lippi al timone della Juventus nel 1996, 1997 e 1998 riuscirono in quest’impresa. Inoltre qualora il Real dovesse vincere per la terza volta di fila la coppa dalle grandi orecchie, sarebbe un risultato unico e prestigioso nella moderna edizione della Champions. Però tra un’eventuale finale da disputare  e la “tredicesima” da alzare al cielo di Kiev vi è una semifinale di ritorno da affrontare al cospetto di un Bayern affatto remissivo, che proverà con tutte le forze a dare filo da torcere ai campioni d’Europa in carica, ricalcando quanto di straordinario compiuto dalla Juventus, l’11 aprile scorso, quando solamente un calcio di rigore assai dubbio assegnato a favore dei madrileni ha permesso a Cristiano Ronaldo e compagni di passare il turno dopo un match di grande sofferenza. Nel frattempo, nella giornata di ieri, i due allenatori, Zidane e Heynckes, sono stati protagonisti in sala stampa, rilasciando interessanti dichiarazioni della vigilia.

Questo un estratto delle parole pronunciate dal tecnico transalpino del Real: “Dovremo scendere in campo al Bernabeu senza fare calcoli, senza pensare alla vittoria dell’andata, giocheremo per vincere e basta. Sappiamo quanto sia importante una semifinale, non c’è nulla da cambiare rispetto alla nostra impostazione. Un’impresa centrare la terza finale di fila? In questi anni stiamo facendo qualcosa di incredibile, in testa abbiamo un solo pensiero: dobbiamo dare il massimo. Il Bayern è un grande club, ma se noi faremo quanto è nei nostri mezzi potremo fare grandi cose. L’obiettivo è segnare il prima possibile. Il mio futuro? Non dipenderà dalla vittoria della Champions, la mia intenzione è restare qui ma ora non ci penso. Ci stiamo giocando una finale, mi interessa solo questo”.

Queste, invece, le affermazioni rilasciate ai giornalisti dall’allenatore del Bayern Monaco, Heynckes: “Non importa il passato. Non ero io l’allenatore quando il Bayern ha perso nel recente passato contro il Real, anche se i giocatori, per lo più, sono gli stessi. Ora ho con me una squadra con una mentalità diversa, con un differente approccio alle partite. Sarà una partita molto difficile per entrambe le squadra, ma abbiamo giocatori di grande esperienza e sanno che giochiamo contro i detentori delle ultime due edizioni di Champions League, una squadra che è abituata a giocare grandi partite e a vincerle, ma sarà molto dura per loro domani. Dobbiamo essere ancora più bravi che nella gara d’andata. Abbiamo segnato gol in tutta la stagione e spero che vedremo quella voglia di segnare che è stato il nostro marchio di fabbrica”.

Spostando l’attenzione sulle probabili formazioni, Zidane si affiderà al 4-3-3 anche se dovrà fare a meno dell’assenza di Carvajal infortunato. In porta ci sarà Navas, Vallejo e Varane comporranno la coppia centrale di difesa. Lungo gli esterni spazio a Sergio Ramos e Marcelo. A centrocampo agiranno Modric, Casemiro e Kroos, mentre in avanti Cristiano Ronaldo sarà supportato ai lati da Lucas Vazquez ed Asensio, con Benzema e Bale relegati nuovamente in panchina come nella gara d’andata. Assenze pesanti anche tra le fila dei bavaresi che dovranno fare a meno del lungodegente Neuer, ed anche di Vidal, Coman oltre che di Boateng e Robben usciti malconci nella sfida d’andata di sei giorni fa. Heynckes dovrebbe affidarsi al 4-2-3-1 con Ulreich tra i pali, Kimmich e Alaba esterni di difesa, mentre centralmente agiranno Sule e Hummels. La mediana sarà presidiata da Javi Martinez e Thiago Alcantara, mentre sulla trequarti si muoveranno James Rodriguez, Muller e Ribery a sostegno della punta centrale Lewandowski. L’arbitro designato per dirigere il match è il turco Cuneyt Cakir.

 

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close