Monolith, un Thriller Estivo tutto Italiano diretto da Ivan Silvestrini.

Un’automobile ipertecnologica tiene prigioniero un bambino in mezzo al deserto. Riuscirà la madre a tirarlo fuori?

Sotto la direzione di Ivan Silvestrini, e coprodotto da Sergio Bonelli Editore, il film racconta le sventure di una madre che si dovrà relazionare con Monolithun’automobile ipertecnologica, smart, con norme di sicurezza imparegibili, che terrà prigioniera il figlio della protagonista.

Monolith è ispirato alla graphic novel scritta da Roberto Recchioni e Mauro Uzzeo, illustrata da Lorenzo Ceccotti, e prodotta da Sergio Bonelli Editore.

Monolith Thriller
Disegno di Massimo Carnevale.

“Questo thriller narra, appunto, dell’automobile più sicura del mondo” ci racconta Recchioni.

Intorno a questa macchina ipertecnologica, vediamo una madre non molto responsabile, di un bambino troppo piccolo per essere cosciente, in una strada in mezzo al nulla. E di un incidente.

Cosa potrà essere successo con la macchina più sicura del mondo?

Il soggetto nasce alcuni anni fa per un possibile sviluppo cinematografico, che sappiamo essere stato realizzato da un team italiano. All’epoca, erano stati chiamati vari artisti a svilupparne i concetti visivi, tra cui Massimo Carnevale, Werther Dell’Edera e Federico Rossi Edrighi.

Il thriller psicologico e tecnologico vede, tra gli attori: Katrina Bowden, Damon Dayoub, Brandon JonesAshley Madekwe, Jay Hayden e, per la prima volta sullo schermo, Nixon e Crew Hodges.

Il trailer:

Tags

Giulia Montevecchi

Sono una giovane donna che studia all'Accademia di Belle Arti di Roma nel corso di Arti Multimediali e Tecnologiche, e da quasi un anno coltivo la passione per la scrittura tramite il mio blog.Ho svariati interessi che condivido tramite questa piattaforma come, il cinema, la vita di tutti i giorni, il mondo dell'illustrazione, l'alta moda e i video games. Ma la mia passione più grande sta nel condividere con le persone ciò che ho da dire e parlare con loro tramite i social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close