La Roma affonda l’Empoli sotto il segno di Dzeko.

Roma Empoli 2 0 Dzeko record 33 goal stagionali
Dzeko esulta per il record di 33 goal stagionali. Mai nessuno come lui nella storia della Roma. Credits As Roma.

La Roma non fa sconti, lascia da parte i pensieri sul derby di coppa Italia in programma martedì 4 aprile e continua la sua marcia inarrestabile nelle zone alte di classifica.

I giallorossi superano l’Empoli per 2-0 grazie all’ennesima doppietta di Dzeko che sale a quota ventitre goal in campionato, trentatre complessivi, entrando nella storia del club capitolino come miglior attaccante più prolifico di sempre nell’arco di una stagione. La banda guidata da Luciano Spalletti è seconda con sessantotto punti all’attivo, portandosi ,per una sera, a meno cinque dalla capolista Juventus, impegnata quest’oggi nel delicato match del San Paolo con il Napoli. La Roma ottiene la quattordicesima vittoria tra le mura amiche in campionato, donando la sensazione di grande compattezza all’Olimpico.

L’Empoli, invece, incappa nella settima sconfitta consecutiva, la decima lontano dal Castellani. Per i toscani la situazione nelle zone basse di classifica resta immutata con ventidue punti all’attivo, a sette lunghezze dal Palermo terzultimo ed impegnato oggi pomeriggio nella sfida interna al cospetto del Cagliari. La gara ha inizio con i toscani per nulla affatto intimoriti dai padroni di casa. Addirittura creano una situazione pericolosa con Pasqual che lancia in avanti Thiam, il quale scatta in profondità ma una volta giunto all’interno dell’area viene atterrato da Szczesny. L’arbitro Massa segnala una posizione di fuorigioco da parte dell’attaccante dell’Empoli, sorvolando di conseguenza sul successivo contatto. Rivedendo le immagini al rallentatore, invece, appare chiaro come Thiam parta in posizione regolare e l’intervento di Szczesny andasse sanzionato con un penalty a favore dell’Empoli e cartellino rosso per fallo da ultimo uomo nei riguardi del portiere giallorosso. Dopo lo sventato pericolo è la Roma a passare in vantaggio al 12’: dagli sviluppi di un calcio d’angolo, la palla viene prolungata di testa da Rudiger, con Dzeko che irrompe a centro area, siglando il goal dell’1-0.

I padroni di casa prendono in mano le redini del gioco rendendosi temibili prima con un bolide di Paredes dalla lunga distanza deviato sopra la traversa da Skorupski e poi con Fazio il cui colpo di testa non inquadra lo specchio della porta. A seguire è il turno di Perotti, il quale ben imbeccato da Salah, colpisce di testa spedendo la sfera sul fondo. L’occasione per pareggiare capita sui piedi di Marilungo ma la sua conclusione, dall’interno dell’area, termina abbondantemente alta sopra la traversa. Nella ripresa la Roma mette in cassaforte il risultato al 56’ con Perotti che effettua un lancio per Salah, il quale dal versante basso di destra innesca di testa Dzeko, che di piatto insacca la palla alle spalle di Skorupski. Doppietta per il centravanti bosniaco che pone un sigillo definitivo sulla gara. L’Empoli tenta di accorciare le distanze nuovamente con Marilungo ma la sua conclusione ficcante viene abilmente respinta da un insuperabile Szczesny che per la tredicesima volta in questo campionato mantiene la porta inviolata. Da lì in avanti non accadrà nulla di particolarmente rilevante, con i giallorossi in pieno controllo e con la testa già alla supersfida di martedì sera con la Lazio. Al triplice fischio finale, Luciano Spalletti  mostra soddisfazione per il risultato ottenuto. A suo avviso sono tre punti fondamentali che potrebbero rivelarsi utili in un discorso d’alta classifica.

Indubbiamente parlare di scudetto appare alquanto ardito in quanto la Juventus difficilmente frenerà il passo da qui al termine della stagione. La sfida tra il Napoli e la Vecchia Signora assume indiscutibilmente un fascino particolare, ma il tecnico di Certaldo non la reputa indicativa per il futuro dei capitolini. Sul match di ritorno della semifinale di coppa Italia, l’allenatore toscano si augura di poter far leva sulla spinta del pubblico romanista, mettendo nel mirino una finale che potrebbe donare lustro e prestigio al club. Spalletti ripete come un mantra che se al termine della stagione non avrà conquistato un titolo, andrà via dalla Capitale. Il tecnico dei giallorossi non si schioda da questo principio, a suo avviso la squadra è estremamente competitiva e ben attrezzata, motivo per cui se non dovesse riuscire a primeggiare, sarà giunto il momento di togliere il disturbo.

Giovanni Martusciello, invece, ha ben poco da rimproverare ai suoi ragazzi. L’Empoli ha mostrato carattere e voglia di mettere in difficoltà i seppur quotati avversari. Resta il rammarico per la settima sconfitta consecutiva, ma l’allenatore azzurro è ben consapevole che solo nelle ultime giornate si deciderà il proprio futuro con l’auspicabile permanenza in serie A. Il prossimo match con il Pescara sarà determinante. Per i toscani sarà severamente vietato compiere un passo falso al fine di tener lontano una possibile avanzata da parte del Palermo,quale diretta inseguitrice.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close