Soffre la Juventus ma porta a casa il risultato grazie ad un colpo di testa vincente di Mandzukic

Juve Empoli 1 0 Mandzukic

Vince la Juve seppur soffrendo contro un Empoli ordinato e ben organizzato. Decide un goal a fine primo tempo di Mandzukic, abile a sfruttare di testa un assist pregevole di Pogba. I bianconeri hanno creato una serie innumerevole di palle goal , specialmente nel primo tempo, per poi tentare di addormentare il match, abbassando notevolmente i ritmi nella ripresa. I toscani hanno tenuto testa alla Vecchia Signora, creando dei pericoli anche nel finale. Per gli uomini di Massimiliano Allegri è un successo importante, è la prima delle otto finali che si appresterà ad affrontare da qui al termine della stagione, conclusasi con una vittoria che rilancia ancor di più le quotazioni per consolidare il primo posto. La Juventus, in attesa del Napoli che scenderà in campo oggi nel lunch match domenicale contro l’Udinese, sale a quota settantatre ed inanella il ventunesimo risultato utile consecutivo (frutto di venti vittorie ed un pareggio), numeri che certificano la preponderanza e l’imbattibilità di una compagine costruita per conquistare trofei. L’Empoli esce dallo “Juventus Stadium” tra gli applausi dei propri sostenitori e con la consapevolezza di poter affrontare a viso aperto qualsiasi compagine. Resta il rammarico per aver nuovamente rinviato l’appuntamento con i tre punti che latitano in casa azzurra dallo scorso 10 gennaio, mentre il cammino nel girone di ritorno è stato contrassegnato da sei pareggi ed altrettante sconfitte.

Rispetto alle indicazioni della vigilia, Allegri cambia veste all’undici titolare, schierando i suoi uomini con il “3-5-2”. Buffon  tra i pali, linea di difesa a tre composta da Chiellini, Rugani e Barzagli. A centrocampo, Lichtsteiner ed Evra lungo gli esterni, mentre la mediana è presidiata da Marchisio, Pogba e Pereyra. In attacco spazio al tandem Morata-Mandzukic. Marco Giampaolo risponde con il solito e collaudato “4-3-1-2” con Skorupski in porta, difesa formata da Bittante, Tonelli, Costa e Mario Rui. A metà campo fiducia al trio Zielinski, Paredes e Buchel. Saponara nelle vesti di trequartista a supporto del duo Pucciarelli-Maccarone.

Il primo tempo è ricco di occasioni da rete e per la maggior parte di marca juventina. Il primo pericolo lo porta Morata che attraverso un’azione personale si insinua all’interno dell’area avversaria, ma il suo tiro viene deviato in corner, di testa, da Tonelli. Ancora Juventus in attacco con Lichtsteiner la cui conclusione da fuori area viene intercettata da un attento Skorupski. I toscani si fanno notare dalle parti di Buffon su azione da calcio d’angolo; la palla giunge tra i piedi di Saponara che da posizione leggermente defilata prova la conclusione in porta ma la sfera termina alta sopra la traversa. I bianconeri nuovamente all’assalto con una combinazione al limite dell’area tra Pogba e Mandzukic.  Il francese serve in profondità il croato che a tu per tu con Skorupski si fa’ respingere la conclusione diretta in porta. A seguire, un Morata irrefrenabile si inventa un tiro a giro dal limite e la palla si impatta sul montante. L’Empoli si catapulta in attacco e si rende pericolosa con Pucciarelli, la cui conclusione da fuori area viene deviata in corner da Buffon. Ancora gli azzurri in avanti con Bittante che dalla sinistra sforna un cross preciso per Maccarone che di testa spedisce la palla a lato. La Vecchia Signora è alla ricerca della rete del vantaggio e ci prova con Lichtesteiner che esplode una conclusione potente da fuori area sulla quale Skorupski interviene a mani aperte. Poi è il turno di Chiellini che riceve palla in maniera fortuita da Pereyra, ma il tiro verso la porta difesa dall’estremo difensore polacco sibila il palo alla sua destra. Al 44’ minuto giunge il meritato goal del vantaggio juventino. Pogba entra in area di rigore e scucchiaia un assist chirurgico per Mandzukic che di testa supera Skorupski. Per l’attaccante croato è il settimo centro in campionato ed addirittura il primo nel 2016, considerando che l’ultimo goal realizzato risaliva al match contro il Carpi dello scorso 20 dicembre.

Nella ripresa il primo sussulto è di marca bianconera con Lichtsteiner che sforna un cross per Mandzukic che spizza la sfera in direzione di Morata. L’attaccante spagnolo calcia da posizione defilata ma trova dinnanzi a sé la risposta pronta e tempestiva dell’estremo difensore empolese. Poi sono i toscani a tentare il pareggio con Maccarone che elude la marcatura asfissiante di Rugani ma la sua conclusione verso la porta difesa da Buffon risulta assolutamente debole ed innocua. A seguire è il turno di Pogba che estrae dal cilindro una conclusione a giro da fuori area, ma la sfera termina abbondantemente a lato. L’Empoli non demorde e tenta il tutto per tutto con Zielinski, il cui tiro dai trenta metri viene intercettato senza patemi dall’estremo difensore bianconero. Il neo entrato Asamoah si fa’ notare per una conclusione dal limite dell’area, a seguito di un’azione da calcio d’angolo, ma la palla si spegne non lontano dalla porta. Ancora Juventus all’assalto con Cuadrado che appoggia per Pogba,il quale si gira in un fazzoletto di terreno ed esplode un tiro che termina di poco a lato. Negli ultimi minuti i bianconeri cercano di trovare la via del raddoppio con Morata che va alla conclusione ma la sfera viene respinta da Skorpuski, a quel punto interviene Asamoah ed anche in questa occasione l’estremo difensore polacco si fa’ trovare pronto nella respinta, la palla termina dalle parti di Zaza che in acrobazia tenta di sorprendere il portiere empolese che però compie l’ennesimo miracolo nel giro di pochi istanti, intercettando la conclusione indirizzata in porta. L’ultimo sussulto è una combinazione tra Morata e Zaza, con l’attaccante lucano che esplode un tiro di prima intenzione trovando dinnanzi a sé la risposta d’istinto di un insuperabile Skorupski. Termina così Juventus-Empoli, con i bianconeri che seppur soffrendo fino all’ultimo, ottengono tre punti preziosi per la lotta scudetto. Per i toscani tanti applausi per l’impegno profuso ma resta l’amaro in bocca per aver rinviato per l’ennesima volta l’appuntamento con la vittoria anche se obiettivamente interrompere tale digiuno allo “Juventus Stadium” potrebbe apparire alquanto proibitivo. Ai microfoni dei giornalisti Massimiliano Allegri si gode il successo ottenuto. Per il tecnico della Juventus, la vittoria contro l’Empoli è solo la prima  in questo mini-campionato di otto partite da qui al termine della stagione. L’allenatore juventino non ha gradito però la foga atletica di alcuni suoi uomini scesi in campo (probabile riferimento a Zaza), in quanto ritiene che in questo periodo specifico sia meglio dosare le forze per portare a termine in maniera positiva le gare. Per ciò che concerne Chiellini, uscito anzitempo dal terreno di gioco per un probabile problema di carattere muscolare, si augura che non si tratti di nulla di grave e ci tiene a ribadire che la Juventus non dovrà mollare di un centimetro e dovrà mantenere alta l’attenzione perché il Napoli, a suo dire, difficilmente lascerà margini di errore ed inoltre occorrerà farsi trovare pronti anche per la finale di Coppa Italia del prossimo 21 maggio, perché in casa bianconera si ha voglia di alzare trofei nel mese che verrà. Marco Giampaolo ha poco da rimproverare ai suoi ragazzi. L’Empoli ha giocato a viso aperto, con quel fare sbarazzino che aveva chiesto  alla vigilia. I toscani sono stati in partita fino all’ultimo. Resta il rammarico per non aver ottenuto punti e per aver proseguito la striscia di partite senza vittorie. Giampaolo teme che questo lungo digiuno intacchi un po’ l’autostima dei suoi ragazzi ma vede altresì vicino l’obiettivo matematico della salvezza che darà lustro ad una stagione positiva della squadra toscana, autrice di un girone d’andata davvero straordinario.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close