Juventus-Real Madrid: 0-3. Juventus ko: il Real Madrid disintegra la Vecchia Signora

Standing ovation per Cristiano Ronaldo: è questo il manifesto che fuoriesce dalla sfida tra Juventus e Real Madrid.

I blancos annichiliscono per 0-3 i bianconeri, conquistando virtualmente l’accesso in semifinale di Champions League. Prestazione brillante e spumeggiante da parte della banda guidata da Zinédine Zidane, che soprattutto nella ripresa, ha messo alle corde la flebile resistenza degli uomini di Allegri. Sugli scudi Cristiano Ronaldo autore sì di una doppietta, ma principalmente di un gol, il secondo della serata: una rovesciata che resterà indelebile negli annali del calcio. Per la Juventus si tratta della sconfitta più pesante rimediata nel nuovo impianto, un ko che non lascia margini di speranza in vista del match di ritorno in programma mercoledì 11 aprile.

Per molti aspetti è sembrato di rivivere un remake della finale di Cardiff, quando lo scorso 3 giugno 2017 i blancos tramortirono, sempre nel secondo tempo, Higuain e compagni. Per quanto concerne i padroni di casa vi è ben poco da salvare: la difesa è sembrata meno sicura del solito, molti uomini hanno reso sotto le aspettative e Dybala, espulso a causa di un intervento falloso nei confronti di Carvajal, ha perso l’occasione di fronteggiare a colpi di classe e talento CR7. Parlando proprio del campione portoghese, i suoi numeri in Champions sono stratosferici: decima volta di fila in cui va a segno in queste edizione, rete numero 119 nella massima competizione europea ed una performance, l’ennesima, di elevato profilo.

Riavvolgendo il nastro della gara, il match si sblocca al 3’ quando Marcelo innesca sulla sinistra Isco, il quale sfodera un assist indirizzato al centro dell’area dove Cristiano Ronaldo approfitta di un errato posizionamento di Barzagli e con un tocco d’esterno destro non lascia scampo a  Buffon. I bianconeri reagiscono attraverso un calcio di punizione di Dybala, la cui traiettoria del cross giunge in area dove Higuain irrompe di prima ma dinnanzi a sé trova la risposta puntuale di Navas. A seguire la Vecchia Signora prova ad impensierire la retroguardia avversaria con alcune folate offensive messe in atto dalla “Joya” e Douglas Costa ma al tramonto della prima frazione è ancora il Real a flirtare con il raddoppio attraverso un bolide dalla distanza di Kroos che si stampa sulla traversa.

Nella ripresa gli spagnoli mettono i brividi alla difesa di casa con una conclusione in diagonale di Cristiano Ronaldo che sfiora il bersaglio. Al 64’ tutti in piedi ad applaudire CR7: Chiellini anticipa Buffon in uscita, la palla termina dalle parti di Ronaldo il quale effettua un assist a centro area per Lucas Vazquez, che estrae dal cilindro un tiro ribattuto dal portiere  juventino. La sfera carambola, poi, sui piedi di Carvajal che effettua un cross indirizzato in area dove Cristiano Ronaldo si coordina in rovesciata, spedendo la sfera in fondo al sacco. Gol da cineteca per il numero sette del Real che riceve i complimenti anche dai tifosi di casa. La Juventus subisce il colpo e al 66’, come se non bastasse, rimane in inferiorità numerica a causa di un intervento falloso di Dybala ai danni di Carvajal che costa il secondo cartellino giallo per l’attaccante argentino. Con i padroni di casa in dieci è un gioco da ragazzi per il Real Madrid mettere alle corde l’avversario, tant’è che al 72’ trova il tris: Isco appoggia per CR7 il quale serve all’interno dell’area Marcelo, il quale supera in uscita Buffon per poi depositare la palla al di là della linea. La banda di Allegri esce completamente dal gioco rischiando l’imbarcata prima con un tiro di Cristiano Ronaldo che termina di poco fuori e a seguire con una conclusione di Asensio respinta da Buffon. La Juventus torna a farsi vedere con Higuain ma la sua conclusione indirizzata in porta viene murata da Navas, mentre allo scadere è sempre il Real a pungere con Cristiano Ronaldo, il quale riceve palla a centro area ma a tu per tu con Buffon la spedisce abbondantemente sopra il montante. L’ultimo squillo della gara è una combinazione tra Chiellini e Cuadrado, il cui tiro di quest’ultimo non inquadra lo specchio della porta. Al triplice fischio finale decretato dall’arbitro turco Cakir, gioia per la truppa madrilena mentre la Juventus è costretta a leccarsi le ferite, ben consapevole di esser giunta al capolinea di questa edizione della Champions League.

Intervistato dai giornalisti, questa la disamina effettuata da Massimiliano Allegri: “Quando giochi contro questi giocatori e queste squadre, devi essere assistito anche da un pizzico di fortuna e poi li devi trovare in serata negativa. Siamo partiti malino, poi un’ora abbiamo giocato una buona partita. Stasera abbiamo avuto tutto contro. Il Real è una squadra che ha vinto tre Champions negli ultimi quattro anni. Bisogna fare i complimenti ai ragazzi. Bisogna ripartire subito, c’è il campionato. Sono dispiaciuto per il terzo gol. Siamo migliorati rispetto a Cardiff, la gestione della partita è stata migliore. Poi una volta in dieci la partita è diventata quasi impossibile. Bisognava giocare per fare gol, era impossibile pensare di non prendere gol in due partite contro il Real Madrid. Ronaldo ha fatto 14 gol in 9 partite. Sono contento di quello che hanno fatto i ragazzi. Da domani dobbiamo pensare al campionato e alla Coppa Italia”.

Per quanto riguarda il Real Madrid, queste le dichiarazioni principali rilasciate dal tecnico francese Zidane: “Stiamo stati quasi perfetti. La Juve ha fatto una buona gara con dei momenti per far gol. Noi ci siamo riusciti tre volte. Ronaldo è diverso dagli altri. In Champions ha sempre voglia di fare grandi cose. Ha tutto, anche se ha sbagliato un gol facile. La sua cilena? Il mio gol con il Leverkusen è stato più bello (ride ndr). Juve? Porterò sempre la Juve nel cuore”.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close