La Francia travolge l’Islanda 5-2 e vola in semifinale.

Francia Islanda 5-2
Payet in Francia Romania, gara inaugurale di Euro 2016. Foto Ansa.it

Serata magica a Saint Denis per i “galletti”. La Francia del c.t. Didier Deschamps si sbarazza con un perentorio 5-2 di una volenterosa Islanda, ed accede in semifinale, dove, giovedì 7 luglio, affronterà al Vélodrome di Marsiglia, la Germania, in una sfida dai connotati epici. Contro la banda del c.t. Lagerback tutto facile fin dall’inizio. I valori in campo sono apparsi immediatamente differenti. I transalpini maggiormente dotati dal punto di vista qualitativo si sono imposti sugli isolani che comunque abbandonano l’Europeo a testa alta, con la convinzione di aver dato il massimo fino ai quarti di finale e di esser stati la vera rivelazione di questo torneo. L’Islanda ha stupito per volontà e organizzazione di gioco ed essere arrivati a sognare una eventuale semifinale, è frutto di un lavoro ben programmato e di certo non impostato sulla casualità.

Il c.t. francese Deschamps opta per il “4-2-3-1”: Lloris in porta, Sagna ed Evra esterni difensivi, mentre Koscielny e Umtiti fungono da centrali. Sulla mediana spazio a Pogba e Matuidi, con il terzetto Sissoko-Griezmann-Payet a supporto ,sulla trequarti, della punta centrale Giroud. Il c.t. Lagerback conferma il consolidato “4-4-2”: Halldorsson tra i pali, Arnason e Sigurdsson centrali difensivi, Saevarsson e Skulason lungo le corsie laterali. A metà campo fiducia a Gudmundsson e Bjarnason sulle fasce, con Gunnarsson e Sigurdsson a presidiare la mediana. In attacco il tandem è composto da Sigthorsson e Bodvarsson.

I transalpini partono subito con il piede sull’acceleratore: tiro di Payet dalla distanza, respinge l’estremo difensore islandese. Al 12’ minuto Francia in vantaggio: lancio in profondità di Matuidi per Giroud, il quale supera in velocità la marcatura del suo avversario e trafigge Halldorsson con un tiro sul primo palo. I galletti non si fermano qui e al 20’ raddoppiano con Pogba, abile a svettare di testa a centro area, raccogliendo un cross da calcio d’angolo. I ragazzi di Deschamps mostrano un completo dominio sul rettangolo di gioco, con l’Islanda oramai alle corde. Nonostante lo svantaggio, gli isolani non demordono ed abbozzano una reazione con il solito schema da rimessa laterale: palla per Bodvarsson che prolunga di testa per Sigurdsson il cui tiro da posizione ravvicinata termina alto sopra la traversa. La Francia si catapulta nuovamente in avanti e lo fa con Payet che serve Matuidi, il quale esplode una conclusione al volo che si spenge abbondantemente a lato. L’Islanda torna a farsi vedere dalle parti di Lloris con una calcio di punizione di Sigurdsson, con l’estremo difensore francese che si oppone con un intervento in due tempi. Al 42’ tris della Francia: Griezmann appoggia dal limite dell’area per Payet, il quale si coordina ed esplode un tiro angolato che non lascia scampo ad Halldorsson. Tre a zero per i blues e cala il sipario sul match. Addirittura al 45’ i ragazzi di Deschamps siglano il poker con Griezmann che ben imbeccato in profondità, complice un astuto velo di Giroud, non sbaglia a tu per tu con l’estremo difensore islandese, superandolo con un delizioso pallonetto. Si va al riposo con il punteggio di 4-0 per la Francia che vuol dire qualificazione alla semifinale oramai in tasca.

Nella ripresa la prima chance è per i ragazzi di Deschamps: Sigurdsson interviene su Griezmann, la palla giunge sui piedi di Payet ,che estrae dal cilindro un fendente che si infrange, alto, sopra la traversa. Al 56’ l’Islanda accorcia le distanze: Sigurdsson dalla destra, sforna un assist a centro area per Sigthorsson che in scivolata insacca sul primo palo. Nemmeno il tempo di esultare che i transalpini ristabiliscono le distanze con Giroud: calcio di punizione di Payet dalla trequarti, palla che giunge in area dove l’attaccante dell’ Arsenal supera di testa un incerto Halldorsson. Cinque a uno per la Francia e il tentativo di rimonta degli islandesi non fa paura. Gli isolani si fanno vedere dalle parti di Lloris con il neo entrato Ingason che schiaccia di testa ,a pochi passi dalla linea di porta, ma è tempestivo il portiere francese nel deviare la sfera sopra il montante. All’ 84’ minuto, Islanda  nuovamente in goal: cross di Skulason dalla sinistra e palla che giunge in area dove Bjarnason si fa trovare puntuale nel colpire di testa, trafiggendo un incolpevole Lloris. L’ultima chance della gara è per Ingason che raccoglie un assist da calcio d’angolo, ma il suo colpo di testa non inquadra lo specchio  della porta. Termina così Francia-Islanda, con il pubblico francese che applaude i propri beniamini che con merito hanno conquistato il pass per una semifinale di prestigio, e i pittoreschi supporters islandesi che consolano i propri eroi sotto il ritmo dell’ormai celeberrima “Gayser dance”, ringraziandoli per lo strepitoso ed inaspettato cammino interrottosi solo di fronte i più quotati padroni di casa.

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close