Torino-Crotone: 4-1. Il Torino è famelico e non lascia scampo al Crotone

Prestazione magistrale dei granata che surclassano con un perentorio 4-1 il malcapitato Crotone, conquistando una vittoria rigenerante.

Per i pitagorici, invece, questo ko è pesante nelle dimensioni e soprattutto per quanto concerne la corsa salvezza. Il Toro è attualmente decimo con quarantadue punti all’attivo. Belotti e compagni centrano , altresì, la seconda vittoria di fila, siglando otto reti nelle ultime due uscite e subendone solo una. Mattatore del tardo pomeriggio è stato proprio il “gallo” autore di una tripletta altisonante.

I calabresi, invece, navigano al terzultimo posto a quota ventiquattro, a due lunghezze dalla Spal diciassettesima e virtualmente salva, subendo, inoltre, la terza sconfitta consecutiva. Riavvolgendo il nastro della gara, il match del “Grande Torino” si sblocca al 16’ quando dagli sviluppi di un corner battuto da Ljajic, irrompe Belotti il cui primo tentativo viene murato da Cordaz, il quale, però, non può nulla sull’immediato tap-in vincente. A seguire sono gli ospiti a rendersi pericolosi con un tiro di Trotta, respinto magistralmente da Sirigu. Al 20’ i granata raddoppiano: Baselli appoggia in verticale per Iago, il quale eluda la marcatura dei suoi avversari e dal limite lascia partire un tiro in buca d’angolo sui Cordaz non riesce ad intervenire. Per l’attaccante esterno spagnolo si tratta dell’undicesimo centro in questo campionato.  Al 36’, addirittura, gli uomini di Mazzarri siglano il tris: da una punizione calciata da Ljajic sulla trequarti, si catapulta in scivolata Belotti che spedisce la sfera in fondo al sacco. Al tramonto della prima frazione di gara, ennesima opportunità per i padroni di casa con Rincon che innesca Iago, il quale dal limite estrae dal cilindro una conclusione ben calibrata che si spegne di pochi centimetri a lato.

Nella ripresa, i pitagorici non restano a guardare,flirtando con il gol attraverso un colpo di testa di Simy, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, che si infrange sul montante. Al 68’ il Torino va ancora in gol: su azione in contropiede Iago serve sulla destra Belotti, il quale entra in area e con un tiro angolato trafigge Cordaz. Tripletta per il “gallo” che sigla la sua nona rete in questo campionato, oltre che la cinquantaduesima in maglia granata. Con il risultato ampiamente in cassaforte, il Crotone trova una reazione d’orgoglio al 90’ quando dalla corsia di sinistra, Tumminello scodella un pallone in area, dove complice il mancato intervento di Barreca, interviene Faraoni, in scivolata, depositando la sfera al di là della linea. Gioia effimera per il centrocampista rossoblù al suo primo centro in campionato.

Al triplice fischio finale  decretato dall’arbitro Guida, queste le dichiarazioni principali, rilasciate alla stampa, da Walter Mazzarri:” La formazione di Zenga ha messo in difficoltà tante squadre, non era perciò semplice conquistare i tre punti. Abbiamo affrontato la gara al meglio, anche se bisogna crescere ancora in fase difensiva. Dobbiamo essere maggiormente aggressivi, anche se il cambio di modulo ci ha aiutato sotto questo aspetto. Belotti? Sta crescendo dal punto di vista fisico. Quando la condizione migliora i gol vengono da soli”. In merito alla prossima sfida di campionato, in programma domenica ad ora di pranzo, contro l’Inter, queste le considerazioni del tecnico granata: “L’Inter è una squadra molto forte e per noi sarà un test importante. I big dovranno aiutarci in gare di questo tipo, per farci fare il salto di qualità”.

Per quanto concerne il Crotone, queste le valutazioni di mister Zenga: “Mi sono arrabbiato molto per le due reti prese da calcio da fermo. Sono letture semplici. Poi si è anche fatto male Benali, con cinque elementi già fuori. Poi prendo anche in considerazione una traversa presa e questa la prendo come un segnale positivo. Siamo feriti, ma non siamo morti. Non sono deluso, visto che non posso esserlo. Come rialzarsi? Dobbiamo lavorare per continuare sempre a lottare, fino alla fine. Ora bisogna recuperare tutti i giocatori”.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close