Un derby della Mole dal sapore di scudetto per la Juventus.

Juventus Torino derby della mole maggio 2017
marchisio nel derby della mole

La trentacinquesima giornata di serie A apre i battenti quest’oggi con i classici due anticipi del sabato. Questa sera, alle ore 20:45,andrà in scena l’attesissimo derby della Mole tra Juventus e Torino.

I bianconeri giungono a quest’appuntamento dopo la sfavillante vittoria di Montecarlo nella semifinale d’andata di Champions League. Messa momentaneamente da parte la parentesi europea, rituffandosi nel campionato, la banda di Allegri vuole riannodare il filo con la vittoria dopo il pareggio ottenuto venerdì scorso con l’Atalanta. La Juventus è prima in classifica con ottantaquattro punti all’attivo. In caso di vittoria questa sera, dovrà sperare in un pareggio o addirittura in un ko della Roma contro il Milan nel posticipo domenicale, in tal caso la Vecchia Signora si laureerebbe campione d’Italia per la sesta volta consecutiva. Snocciolando i numeri della serata, Higuain e compagni, tra le mura amiche, hanno ottenuto diciassette vittorie su altrettanti incontri disputati ed hanno inanellato complessivamente, in campionato, quindici risultati utili consecutivi, frutto di dodici trionfi e tre pareggi. Il Toro, invece, occupa il nono posto a quota quarantanove.

I granata sono reduci da un filotto di sei risultati utili consecutivi, in cui hanno inanellato due vittorie e quattro pareggi, tra l’altro lontano dal “Grande Torino”, la banda di Mihajlovic ha conquistato due successi di fila, destando un’ottima impressione. Nella consueta conferenza stampa della vigilia, Massimiliano Allegri non vuol sentir parlare di Champions League. Da domenica mattina si tornerà nuovamente a lavorare con vista Monaco, ma per adesso l’obiettivo principale sarà quello di conquistare l’intera posta in palio nel derby con il Toro per porre un sigillo, quasi definitivo, sul discorso scudetto. Il tecnico livornese dichiara che la sfida contro i granata si preannunci difficile, sia dal punto di vista tattico che temperamentale, come in ogni stracittadina che si rispetti. Inoltre spende parole di elogio nei confronti di Belotti, un centravanti dalle immense potenzialità, che sta disputando una stagione da incorniciare. A suo avviso il “gallo” rappresenterà, nei prossimi anni, la punta di diamante della nazionale azzurra.

Allegri non dichiara esplicitamente i nomi di chi scenderà in campo ma lascia intendere che Buffon riposerà lasciando spazio a Neto, mentre Bonucci giocherà dal primo minuto. Panchina per Marchisio, dopo l’ottima prestazione sfoderata al Louis II, con il ritorno di Khedira in cabina di regia. In attacco tutto confermato con la presenza di Mandzukic, Dybala e Cuadrado a sostegno della punta centrale Higuain, in quanto in avanti non siano possibili dei cambi, considerando il forfait di Pjaca. Dal quartier generale del Torino, Sinisa Mihajlovic, è ben consapevole delle difficoltà che presenterà tale sfida. La Juventus, a suo avviso, è una compagine molto attrezzata, tra le migliori in Europa e sta dimostrando ciò sia in campionato che in Champions League. Il tecnico serbo, però, aggiunge che i suoi uomini non dovranno scendere in campo con un atteggiamento arrendevole, né tantomeno dovranno farsi schiacciare, sin da subito, nella propria metà campo, ma dovranno sfruttare al meglio le poche occasioni che avranno a disposizione, in quanto nessun avversario sia imbattibile, motivo per cui Belotti e compagni dovranno credere nelle proprie potenzialità non lasciando nulla di intentato. Per quanto concerne le probabili formazioni, Allegri si affiderà al consueto “4-2-3-1” con Neto tra i pali, Lichtsteiner ed Asamoah  lungo le corsie laterali. La coppia centrale di difesa sarà formata dal duo Bonucci-Benatia. Sulla mediana spazio a Pjanic e Khedira, mentre sulla trequarti agiranno Cuadrado, Dybala e Mandzukic a sostegno della punta centrale Higuain.

Mihajlovic dovrebbe rispondere con il modulo a specchio affidandosi ad Hart in porta, Rossettini e Moretti centrali di difesa, sulle fasce, invece, opereranno Zappacosta e Molinaro. Sulla mediana fiducia al duo Acquah-Baselli, mentre sulla trequarti Iago Falque, Ljajic e Iturbe saranno pronti ad innescare la punta di riferimento Belotti. L’arbitro designato per dirigere il match è il signor Paolo Valeri della sezione di Roma. Cresce l’attesa allo Stadium per una sfida che potrebbe siglare un passo decisivo da parte della Juventus per quanto riguarda il discorso scudetto. Sarebbe il primo tassello fondamentale in una stagione in cui parlare di “triplete” non è affatto eresia. Allegri procede con cautela, non vuole sentir discutere d’altro che non di Torino e di campionato, solo dopo verranno gli altri appuntamenti da non fallire per rendere quest’annata memorabile e dai connotati epici.

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close