Con la cura De Zerbi, il Palermo torna a sperare.

cura De Zerbi Palermo
L’allenatore del Palermo De Zerbi mentre allena la sua squadra

In casa rosanero la situazione non è più così catastrofica. L’avvicendamento in panchina, avvenuto dopo due giornate di campionato, tra Ballardini e De Zerbi ha prodotto effetti benevoli alla squadra siciliana.

I rosanero, guidati dal tecnico bresciano, hanno conquistato cinque punti, frutto di una vittoria, due pareggi e due sconfitte. Il Palermo è oggi appaiato a quota sei in classifica, a pari merito con il Pescara e in piena bagarre per non retrocedere. La missione a cui è stato chiamato l’ex allenatore del Foggia non è certo delle più semplici. I rosanero, in estate, hanno perso pedine importanti quali Sorrentino, Maresca, Vazquez, Lazaar e Gilardino, uomini cardine che condussero i siciliani alla salvezza dopo un’annata alquanto tribolata, condizionata da continui avvicendamenti in panchina. In questa stagione la rosa è composta da molti giovani, prevalentemente stranieri, con una grande voglia di emergere ma dall’affidabilità tutta da valutare.

Ed invece, dopo un momento iniziale di assestamento, il Palermo sta fornendo prestazioni in cui il carattere, la determinazione e la personalità non vengono meno. Il credo tattico di De Zerbi è il “4-3-3” e il suo spirito arrembante e propositivo ricalca per molti aspetti i dettami del boemo Zdenek Zeman. L’allenatore lombardo, proveniente da soddisfacenti stagioni in Lega Pro, non ha patito l’impatto con il palcoscenico blasonato della massima serie. Anche nel match contro la Juventus, i siciliani non hanno affatto demeritato, non limitandosi alla fase difensiva, anzi, cercando di creare grattacapi alla retroguardia bianconera, mostrando ,tra l’altro, anche una certa densità a metà campo. Purtroppo, per i rosanero, decisiva è stata un’autorete da parte di Goldaniga su un tiro dalla lunga distanza di Dani Alves.

Per il resto, il Palermo sta mettendo in mostra uomini che stanno destando un’ottima impressione all’opinione pubblica. Impossibile non citare Aleesami, terzino sinistro autore di due assist decisivi in campionato e protagonista di prestazioni ben al di sopra della sufficienza. Anche Nestorovski non sta disattendendo le premesse: il centravanti macedone ha fino ad ora realizzato tre goal, tutti determinanti per la conquista dei punti da parte dei rosanero. Attaccante possente e cinico sotto porta, De Zerbi crede molto in lui, anche se, come ha dichiarato al termine dell’ultima gara di campionato disputata contro la Sampdoria: “Nestorovski deve migliorare nel gioco fuori l’area di rigore, al fine di donare un sostanzioso contributo al resto dei compagni. Fare solamente goal non è sempre sufficiente per giudicare l’apporto di un calciatore nell’intero scacchiere tattico”.

Il tecnico del Palermo, da come si deduce dalla sue affermazioni, è molto esigente ed ambizioso, caratteristiche di un allenatore dalle doti interessanti e dalle prospettive rosee. Il vulcanico presidente Zamparini si è affidato a lui, con la promessa,  a quanto pare, di non compiere ribaltoni in panchina che il più delle volte sono risultati controproducenti alla squadra. De Zerbi dovrà continuare a lavorare tranquillamente, con il compito di trarre il meglio da una rosa non particolarmente dotata qualitativamente ma che con l’organizzazione di gioco, la sagacia, il temperamento e lo spirito battagliero potrà sovvertire i pronostici di inizio stagione che vedevano i rosanero, nelle vesti di seri pretendenti per un ritorno in serie B.

-Punto della situazione in casa Palermo, con i rosanero in netta ripresa dopo un avvio di stagione complicato, grazie soprattutto all’avvento in panchina del tecnico De Zerbi.-

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close