Testacoda al “Ciro Vigorito”: è di scena Benevento-Juventus

Dopo la settimana europea, torna il campionato e i campioni d’Italia in carica della Juventus scenderanno in campo al “Ciro Vigorito” di Benevento per affrontare i giallorossi sanniti.

Sfida dal sapore di “Davide contro Golia” con l’esito piuttosto scontato visto che ad affrontarsi saranno l’ultima della classe contro la prima. Eppure Massimiliano Allegri non intende concedere regali né tantomeno disputare tale match con leggerezza, ben consapevole che le insidie si annidino dietro l’angolo. I bianconeri giungono a quest’appuntamento, in testa alla classifica, con settantotto punti all’attivo, a quattro lunghezze di distanza dal Napoli secondo. Miglior difesa del torneo con sedici reti al passivo, secondo attacco con settanta centri all’attivo. La Vecchia Signora è reduce da diciassette risultati utili consecutivi, frutto di quindici vittorie e due pareggi. Nel 2018, in campionato, la banda guidata da Max Allegri ha subito una sola rete, ossia quella messa a segno da Bonucci nello scorso turno  durante la sfida contro il Milan. Numeri da capogiro, quindi, che testimoniano l’imponenza, perlomeno in serie A, della truppa bianconera.

Il Benevento, invece, è fanalino di coda con tredici punti all’attivo, distante quattordici lunghezze dalla quota salvezza. I giallorossi provengono dal successo, nella gara di recupero, di mercoledì scorso contro l’Hellas Verona per 3-0, mentre prima di disputare tale sfida, lo score parlava di un solo successo nelle ultime cinque uscite. Peggior difesa del campionato con sessantanove reti al passivo e secondo attacco, insieme a quello del Genoa, più asfittico con soli ventiquattro gol all’attivo. Analizzata in questi termini il divario appare assolutamente incolmabile, ma come spesso accade sottovalutare tali match, soprattutto da parte delle squadre favorite sulla carta, rischia di essere una grave leggerezza. Nel frattempo, nella giornata di ieri, sia Allegri che De Zerbi hanno rilasciato interessanti dichiarazioni della vigilia.

Questo un estratto delle parole pronunciate dal tecnico bianconero: “Sarà una partita di campionato che non possiamo sbagliare, assolutamente da vincere. Contro una squadra che tra l’altro in casa sta vincendo spesso e gioca bene a calcio. Poi giocheremo di  nuovo alle 15 dopo tanto tempo, con i primi caldi. Mancano otto giornate, questa è una partita da vincere per mantenere il vantaggio sul Napoli. Altrimenti permettiamo agli azzurri di rientrare per lo scudetto, dando loro nuove possibilità. Martedì è accaduto quel che può accadere quando giochi contro una grande squadra, nonostante i ragazzi abbiano fatto 60 minuti di buon livello. Il nostro primo obiettivo è stato sempre il campionato, poi la Champions e poi la Coppa Italia. Ora bisogna vincere per smaltire questa sconfitta, dovremo mettere in campo tutta la rabbia accumulata martedì”.

Per quanto concerne i sanniti, queste le affermazioni rilasciate dall’allenatore dei giallorossi, Roberto De Zerbi: “E’ evidente che è una sfida quasi impossibile. Non avendo nulla da perdere, però, noi dobbiamo confidare proprio in quel quasi. E’ quel quasi che può cambiare tutto. In rosa ho giocatori importanti come Guilherme e Djuricic, che potrebbero giocare tranquillamente nel Napoli, nella Roma, nell’Inter. Le qualità ci sono tutte, ma è naturale che devono crescere sotto tanti punti di vista, essendo giovani e ancora inesperti per un campionato competitivo come la serie A”.

Spostando l’attenzione sulle probabili formazioni, De Zerbi dovrebbe affidarsi al 4-3-3 con Puggioni in porta, Sagna e Venuti esterni di difesa, mentre centralmente agirà la coppia Djimsiti-Tosca. A centrocampo spazio al trio Cataldi, Sandro, Djuricic, mentre in avanti Guilherme e Brignola agiranno ai lati della punta centrale Iemmello. 4-3-3 anche per Allegri che effettuerà un po’ di turnover in vista della gara di mercoledì prossimo contro il Real Madrid: in porta Szczesny, Lichtsteiner a destra, Alex Sandro a sinistra, centralmente fiducia al duo Benatia-Rugani. Sulla mediana agiranno Khedira, Pjanic e Matuidi, mentre in avanti Cuadrado e Mandzukic si muoveranno ai lati della punta Dybala. Il fischio d’inizio è alle ore 15, l’arbitro designato per dirigere il match è il signor Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli.

 

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close