L’Italia vince e convince. Due a zero alla Finlandia ed ora si parte per la Francia.

Italia Finlandia pre Euro 2016

Serata positiva al “Bentegodi” di Verona. La nazionale azzurra si è imposta con il punteggio di 2-0 al cospetto della Finlandia, nell’ultimo test amichevole prima della partenza in vista di Euro 2016.

Successo griffato Candreva- De Rossi con prova magistrale e convincente dell’intera squadra. Note positive sono giunte dal pacchetto arretrato che ha concesso poco o nulla agli avversari, restando così imbattuta nei due confronti amichevoli disputati e un’ottima prova è stata fornita dal tandem d’attacco Zaza-Immobile che si candida, così, come coppia-goal titolare nel debutto all’ Europeo, lunedì 13 giugno, contro il Belgio. Oggi sarà una giornata di riposo per la comitiva azzurra che domani partirà per la volta di Montpellier, quartier generale della nostra nazionale in terra transalpina.

Il c.t. Antonio Conte, per la sfida contro gli scandinavi sceglie il collaudato “3-5-2”: Sirigu in porta, linea di difesa a tre con Barzagli, Bonucci e Chiellini. El Shaarawy e Candreva esterni di centrocampo, Giaccherini e Parolo interni, mentre Thiago Motta nel ruolo di playmaker. In attacco spazio al tandem cosiddetto “ignorante” Zaza-Immobile. Il c.t. finlandese Backe risponde con un più accorto “5-3-2”: Hradecky tra i pali, Arkivuo e Uronen esterni di difesa, Toivio, Arajuuri e Halsti centrali. A metà campo spazio a Ring, Sparv e il clivense Hetemaj, mentre in avanti fiducia al duo Pukki-Eremenko.

Il primo squillo del match è di marca azzurra con Zaza che esplode un tiro da fuori area che viene intercettato dall’estremo difensore finlandese. A seguire vi è una combinazione tra lo stesso Zaza ed Immobile, con l’attaccante granata che va al tiro ma la sfera termina di poco a lato. Al 27’ contatto falloso in area di rigore tra Hetemaj e Candreva, per l’arbitro olandese Nijhuis non ci sono dubbi e decreta il penalty a favore degli azzurri. È lo stesso centrocampista della Lazio a recarsi dagli undici metri e con una conclusione precisa ed angolata spiazza Hradecky. Uno a zero per l’Italia ed esplode di gioia il “Bentegodi”. La prima frazione di gioco si chiude con un tiro dalla lunga distanza di El Shaarawy con la sfera che sorvola il montante. Terminano qui i primi quarantacinque minuti con un’Italia propositiva ed arrembante che ha messo alle corde una Finlandia costretta sulla difensiva e mai pervenuta in attacco.

La ripresa inizia con lo stesso leit-motiv del primo tempo, ossia azzurri in avanti e scandinavi in affanno a proteggere la propria metà campo. Il primo sussulto lo porta il “faraone” El Shaarawy con un tiro radente che viene deviato in corner da Halsti. A seguire è il neo entrato De Rossi ad appoggiare in profondità per El Shaarawy ma è provvidenziale l’intervento in anticipo di Arajuuri, al fine di scongiurare un eventuale pericolo. Al 71’ gli azzurri trovano il meritato bis: cross dalla destra di Candreva e stacco di testa a centro area di De Rossi. Palla in buca d’angolo e nulla da fare per l’estremo difensore finlandese. L’Italia continua a pigiare il piede sull’acceleratore e prova ad impensierire la retroguardia avversaria con una combinazione tra Immobile e Zaza,con  quest’ultimo imbeccato all’interno dell’area di rigore che va al tiro ma la sfera viene respinta da un intervento prodigioso di Hradecky. Poi è il turno di Immobile che di testa raccoglie un assist dalla sinistra di Florenzi ma la sfera termina a lato. L’ultima chance della gara è ancora per Immobile che in azione di contropiede viene servito da Florenzi ma l’estremo difensore scandinavo non si lascia sorprendere ed intercetta il fendente. Termina così Italia-Finlandia, una gara che lascia ben sperare in ottica futura, portando con sé ottime notizie. Pollice in sù per la difesa, vera roccaforte, e per il tandem d’attacco Zaza-Immobile, che ha mostrato rapidità ed una pregevole intesa. Positiva la prestazione di Candreva, mentre non ha convinto Thiago Motta, apparso ancora in ritardo di condizione. Di gran lunga più esaltante la performance di De Rossi, entrato subito nel vivo della gara, realizzando anche un goal. Ai microfoni dei giornalisti, il c.t. Antonio Conte ha ribadito che occorre ancora lavorare tanto, invitando tutti ad impegnarsi a testa bassa e con spiccato spirito di abnegazione. Ha aggiunto di aver visto il giusto atteggiamento e di aver apprezzato vari spunti espressi in campo ma bisognerà fare molto di più per acquisire una maggiore intensità nella manovra e velocità nel gioco. Per quanto riguarda il suo successore, Giampiero Ventura, che verrà ufficializzato quest’oggi in occasione dell’assemblea federale della FIGC, il c.t. Conte crede che possa essere l’uomo giusto per guidare la nazionale azzurra nei prossimi due anni, in quanto sia un tecnico dall’elevata esperienza, ma in questo momento è inutile esprimersi su altri argomenti, il punto cruciale ora è rappresentato dall’ Europeo oramai alle porte, competizione che gli azzurri dovranno affrontare con la voglia ferrea di sorprendere tutti e mettere in difficoltà qualsiasi tipo di avversario, partendo proprio dal più blasonato Belgio.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close