Ecco chi è Rolando Mandragora, dalla Juve al Crotone

Rinforzo importante per il Crotone: dalla Juventus giunge Rolando Mandragora

Dopo la splendida cavalcata, avvenuta nella scorsa stagione, culminata con la miracolosa salvezza in A, il Crotone non ha nessuna intenzione di vivere di ricordi e fasti del passato, piuttosto preferisce allestire una rosa in grado di mantenere, anche nel campionato che si appresta ad iniziare, la categoria. In Calabria sono giunti Kragl, Ajeti, Crociata, Budimir, Izco, Trotta, elementi in grado di fornire un ottimo contributo, manifestando una spiccata voglia di mettersi al servizio di mister Nicola, tecnico pretenzioso che vorrà ammirare lo spirito giusto e l’adeguato mordente per andare al di là delle proprie potenzialità.

L’ultimo arrivo in casa rossoblù è quello di Rolando Mandragora, giunto con la formula del prestito secco, per una stagione, dalla Juventus. Nella giornata di venerdì, a Milano, l’agente del calciatore, Pierpaolo Triulzi, ha incontrato il d.g Marotta e il d.s. Paratici, non per discutere di Dybala, uno dei suoi assistiti, bensì proprio di Mandragora, al fine di trovare una destinazione, in cui il centrocampista campano possa mettersi in luce.

Ed ecco che l’ipotesi Crotone è stata accolta con soddisfazione. Il calciatore, presentato ieri alla stampa, in compagnia del presidente rossoblù, Gianni Vrenna, ha mostrato il suo numero di maglia che sarà il 38. Il patron del Crotone ha così commentato l’arrivo di Mandragora in terra calabrese: “ Auguro a Rolando di disputare una grande stagione al Crotone e poi tornare alla Juventus senza mai più andare via”. Poi ha aggiunto: “ Dimentichiamo l’anno scorso, la favola è finita e il prossimo campionato sarà più duro di quello precedente, per cui bisognerà stare uniti e lavorare tutti per il nostro obiettivo che è la salvezza”. Il centrocampista, invece, ha affermato: “ Sono fiero e orgoglioso di indossare la maglia del Crotone e spero di poter dare il mio contributo ai miei compagni”. Riavvolgendo il nastro della carriera di Rolando Mandragora, il centrocampista classe 1997, cresce nelle giovanili del Genoa, per poi debuttare in serie A, a soli 17 anni, il 29 ottobre 2014 in un match di campionato tra il “grifone” e la Juventus, destando un’ottima impressione. L’anno seguente si trasferisce al Pescara, in B, dove si rende tra i maggiori protagonisti della cavalcata del club biancazzurro in massima serie.

Nel gennaio del 2016 viene ingaggiato dalla Juventus e si aggrega al termine del campionato 2015/2016 alla banda di Allegri. Nello scorso campionato, a causa di un grave infortunio e della folta concorrenza a centrocampo, Mandragora colleziona una sola presenza in A. Quest’estate si è rivelato un punto di riferimento, nel Mondiale Under 20, tra gli azzurri guidati da Alberico Evani, classificatisi terzi. Il calciatore campano, proprio durante la manifestazione calcistica tenutasi in Corea del Sud, ha sfoderato una spiccata personalità, un ottimo senso della posizione ed una visione di gioco che lasci ben sperare per il futuro.

Crotone sarà la piazza ideale per mostrare a tutti le sue eccelse potenzialità, sotto gli ordini di un allenatore, Nicola, che pretenderà sempre il massimo da lui e dai suoi compagni. Perseverare è un motto imprescindibile tra le fila degli “squali”, ragion per cui Mandrogora dovrà dimostrare tutta la sua fame di conquistare palcoscenici prestigiosi, partendo proprio da Crotone e facendo leva sulla spinta propulsiva di un pubblico che chiede ai rossoblù un ennesimo, straordinario, miracolo.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close