L’Inter, in attesa dell’annuncio di Pioli, supera il Crotone per 3 a 0.

Inter Crotone 3 0 Perisic Icardi x2

Giorni frenetici in casa nerazzurra. Giorni di casting continui alla ricerca del sostituto di Frank De Boer.

La matassa sembra sciogliersi, con il nome di Stefano Pioli oramai in pole position per la panchina dell’Inter. Eppure fino a sabato sera il maggior indiziato era lo spagnolo Marcelino, ex tecnico del Villarreal. Poi, nella giornata di ieri, la cordata italiana, capeggiata dal direttore sportivo Ausilio, l’amministratore generale Gardini e il vice-presidente Javier Zanetti, sembra abbiano avuto la meglio, portando avanti con convinzione la candidatura dell’ex allenatore biancoceleste. L’ufficialità dovrebbe avvenire nelle prossime ore, al massimo nella giornata di domani, con Pioli che firmerà un contratto da 2,8 mln di euro a stagione, fino al 30 giugno 2018. Lo staff che porterà con sé sarà lo stesso con cui ha collaborato nella Lazio e mercoledì dovrebbe dirigere il suo primo allenamento ad Appiano Gentile con ciò che resta del gruppo nerazzurro, visto che gran parte della rosa sia volata all’estero per i rispettivi impegni con le nazionali.

Nel frattempo, sul campo, l’Inter ha dato un importante segnale, tornando al successo contro il Crotone, cercando di cancellare le ultime battute d’arresto, con la Sampdoria in campionato e il Southampton in Europa League, sconfitta, quest’ultima, che ha pregiudicato notevolmente il cammino dei nerazzurri in ambito europeo. Contro i pitagorici guidati da Nicola, non è stata affatto una pura formalità. Il primo tempo è stato assai ostico per i padroni di casa, con i calabresi abili nel difendersi con ordine, con l’intento di concedere il minor spazio possibile ai nerazzurri.

Nella ripresa, dopo alcuni interventi prodigiosi, da parte dell’estremo difensore ospite Cordaz, l’Inter si porta in vantaggio all’84’ con Perisic, fino ad allora uno dei peggiori in campo, con un tiro angolato indirizzato sul palo più lontano dopo esser stato imbeccato in profondità da un lancio millimetrico di Icardi. Lo spettro di un pareggio interno contro l’ultima della classe viene poi esorcizzato all’88’ con il penalty decretato dal direttore di gara Calvarese per un contatto in area di Ferrari ai danni di Icardi. Dal dischetto si presenta l’attaccante argentino che non sbaglia. Il definitivo 3-0 giunge al 93’ con Eder che si invola sulla corsia di destra e sforna a centro area un assist pregevole, sempre, per il capitano nerazzurro che si coordina di prima intenzione, trafiggendo Cordaz.

Per Icardi si tratta del decimo goal in campionato, numeri che lo conducono in testa alla classifica marcatori in compagnia del giallorosso Dzeko. Almeno per una sera vengono scacciati i fantasmi che aleggiano attorno ad un’ Inter chiamata a rialzare la china, facendo passi da gigante in classifica, visto che al momento i nerazzurri sono appaiati al nono posto a quota diciassette in compartecipazione con la Fiorentina( viola tra l’altro con una gara da recuperare). U

n ringraziamento speciale va concesso a Stefano Vecchi che in queste due gare dei nerazzurri, si è messo al servizio della società, lavorando con grande ed estrema professionalità e serietà, dimostrando di meritare una panchina in massima serie. Dopo il match contro il Crotone, l’allenatore ad-interim dei nerazzurri tornerà alla guida della Primavera, mentre, il palcoscenico principale, tranne scossoni dell’ultim’ora, verrà interamente concesso a Stefano Pioli, tecnico abituato a piazze importanti ed esigenti, chiamato nell’arduo compito di trasmettere la sua umiltà, il suo essere sagace e meticoloso nei dettagli per far tornare l’Inter nei quartieri alti della classifica, cancellando questo periodo travagliato, costellato da malintesi, casting e quella spiacevole  sensazione di una dirigenza Suning non all’altezza, dal punto di vista conoscitivo e manageriale, del campionato italiano.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close