Recensione “The Danish Girl”: il film da Oscar di Tom Hopper.

[vc_row][vc_column][vc_tta_tabs style=”modern” color=”white” active_section=”1″][vc_tta_section title=”Info Film” tab_id=”1444326896496-6a052a92-53e7″][vc_column_text]The Danish Girl Recensione - locandina del film RoomTitolo: The Danish Girl

Regista: Tom Hooper

Cast: Eddie Redmayne, Alicia Vikander, Amber Heard, Sebastian Koch, Ben Whishaw, Matthias Schoenaerts

Anno: 2015

Genere: Drammatico

Durata: 120 minuti

Paese: Gran Bretagna/Usa[/vc_column_text][/vc_tta_section][vc_tta_section title=”Trailer” tab_id=”1444326896310-d1490c37-8336″][vc_video link=”https://www.youtube.com/watch?v=UpcjiDPrumE”][/vc_tta_section][/vc_tta_tabs][/vc_column][/vc_row]

[gap height=”12″]

La Recensione di The Danish Girl…

Dal genio del regista di “Les misérables” e “Il discorso del re” nasce un altro capolavoro inspirato a una storia vera. Ritrovarsi nel corpo sbagliato: così può riassumersi in maniera concisa la sensazionale trama dell’ultimo film di Tom Hopper, The Danish Girl. Un mix di forti sensazioni avvolge i protagonisti di questa pungente e scabrosa storia, sensazioni incapaci di lasciare impassibile lo spettatore. Non a caso il film del regista londinese non è passato inosservato alla giuria del prestigioso e antico riconoscimento cinematografico, il premio Oscar.

Ad afferrare l’ambita statuetta d’oro in qualità di miglior attrice non protagonista è stata l’affascinante attrice svedese Alicia Vikander, già nota al pubblico cinefilo per i suoi ruoli ricoperti in Anna Karenina e Royal Affair. “Grazie Eddie [Redmayne], sei stato il miglior partner, senza di te non ce l’avrei mai fatta”: così Alicia ha commentato l’onorevole riconoscenza durante la cerimonia di premiazione. Effettivamente, se in quest’anno 2016 l’Oscar come miglior attore protagonista non fosse stato assegnato (meritatamente e anche un po’ in ritardo) all’instancabile Leonardo Di Caprio, con molta probabilità il fortunato attore sarebbe stato proprio Eddie Redmayne. Il giovane artista e modello britannico, aiutato indubbiamente dai suoi tratti somatici dolci e quasi femminili, si è calato con corpo e anima nella spinosa parte di una persona che si sente imprigionata nel proprio corpo, in un sesso che non gli appartiene, uno spirito femminile nella “custodia” sbagliata. La lotta contro una innata femminilità, l’utopico desiderio di cambiare genere sessuale in un’epoca in cui questo auspicio veniva considerato alla stregua di una malattia mentale grave ma curabile, acquista maggiore fascino quando lo spettatore scopre – a fine film – l’ispirazione ad una storia reale.

Una scena del film The Danish Girl: Einar posa per sua moglie Gerda
Una scena del film The Danish Girl: Einar posa per sua moglie Gerda

Già lo scrittore David Eberschoff aveva pubblicato nel 2000 l’omonimo romanzo che narra la storia (ambientata agli inizi del XX secolo) di Lilli Elbe, uno dei primi coraggiosi uomini a combattere per la sua identità e a sottoporsi a ben cinque dolorose operazioni chirurgiche di riassegnazione sessuale. L’amore eterno, tenace e risoluto della moglie di Einar, Gerda, spiazza completamente le aspettative del pubblico e nel far trapelare questo indissolubile sentimento, questo amore per la persona in sé, un amore che va al di là delle etichette sessuali, Alicia Vikander è stata senza dubbio un’ammirevole esperta. Parimenti, Eddie Redmayne non solo ha saputo calarsi ampiamente nella parte del pittore paesaggista di modesta fama in costante devozione e supporto nei confronti della moglie Gerda, ma ha anche saputo egregiamente interpretare la dicotomia tra frustrazione e invincibile desiderio di seguire la propria natura e liberarsi di un corpo in cui non si identifica, a costo di rischiare la vita. Incornicia la vicenda già di per sé affascinante una scenografia e una fotografia elegante e maestosa. Insomma, una tematica ed una tecnica ammirevoli, un film emozionante e scorrevole a cui – a mio parere – è difficile imputare imperfezioni o difetti. Unico appunto: ci si sarebbe potuti soffermare in maniera più approfondita, anche a costo di allungare i tempi della pellicola, sulla frustrata confusione e mortificazione che Einar attraversa nell’acquisire la consapevolezza della sua identità.

[review]

Il Verdetto

Voto Globale - 8.5

8.5

Voto

User Rating: Be the first one !
Tags

Rossella Squillace

Ciao a tutti i Wonder readers! Io sono Rossella, una venticinquenne che cerca, tra lo studio universitario e il tempo libero, di conciliare le proprie passioni: Teatro, Cinema, Arte, Letteratura e Viaggi. Adoro informarmi e tenermi aggiornata su tutto. Reputo la vita di ciascuno di noi il più grande spettacolo in atto di tutti i tempi... e anche se "la vita non è un film" (come direbbe J-Ax), "the show must go on" (come direbbe Freddie Mercury)!

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close