Serie A 2017/18: a due giornate dal termine è aperta la lotta per retrocedere. Cinque squadre per evitare l’ultimo posto in B

A 180 minuti dal termine è lotta a cinque per evitare l’ultimo posto per la B

A due giornate dal termine la situazione è alquanto incandescente per quanto concerne la bagarre per evitare la retrocessione. Benevento ed Hellas Verona sono le uniche squadre già certe di disputare la prossima stagione in B, mentre per Cagliari, Udinese, Crotone, Chievo e Spal, molto probabilmente, tutto si deciderà negli ultimi novanta minuti. I sardi sono attualmente appaiati al terzultimo posto con trentatre punti all’attivo e paradossalmente, considerando che non vi saranno scontri diretti tra le compagini invischiate per evitare la retrocessione, in caso che tutte dovessero vincere le restanti gare da disputare, al Cagliari non sarebbe affatto sufficiente conquistare i sei punti in palio per evitare il ritorno in cadetteria.

Al netto di tale possibile scenario, la banda guidata da Diego Lopez è attesa da un calendario tutt’altro che agevole: il prossimo turno affronterà al “Franchi” la Fiorentina, squadra in piena lotta per accaparrarsi il pass per accedere al preliminare di Europa League e all’ultima se la vedrà contro l’Atalanta, alla “Sardegna Arena”, compagine anch’essa impegnata sul fronte europeo. La gara disputata contro la Roma ha messo in evidenza un Cagliari propositivo e coraggioso che però ha mostrato i soliti limiti in fase realizzativa, aspetto, questo, che ha contraddistinto l’intera stagione dei rossoblù.

A quota trentaquattro troviamo tre squadre: Udinese, Crotone e Chievo. I friulani provengono dal pesante ko rimediato tra le proprie mura amiche al cospetto dell’Inter. Gli uomini di Tudor hanno manifestato le difficoltà messe in mostra anche durante le precedenti gestioni, sia con Delneri che con Oddo. I bianconeri stanno disputato una stagione immersi tra mille difficoltà tecnico-tattiche, inanellando una prolungata serie di sconfitte, con l’ultimo successo che risale addirittura al 28 gennaio scorso. I prossimi impegni che attendono la compagine friulana non sono proibitivi ma potrebbero nascondere delle insidie dietro l’angolo: domenica farà visita al già retrocesso Hellas Verona, mentre all’ultima giornata, ospiterà il Bologna ormai senza obiettivi da raggiungere, ma in grado di pungere la Juventus, soprattutto nella prima frazione di gara, nel turno precedente.

Il Crotone, invece, si lecca le ferite dopo il ko rimediato contro il Chievo, in una gara dal profumo di spareggio salvezza. Le tappe che attendono i pitagorici non sono affatto facili, ma la squadra di Zenga, nell’arco di questa stagione, ci ha abituato a prestazioni straordinarie, gettando il cuore oltre l’ostacolo, evidenziando acume tattico e coraggio. Domenica, allo “Scida” sarà di scena la Lazio, squadra in lotta per un posto in Champions, mentre all’ultima giornata, i pitagorici voleranno al “San Paolo” di Napoli per affrontare la banda di Sarri che punterà a chiudere al meglio un’annata strepitosa, culminata, però, con il secondo posto in classifica. In questo caso i rossoblù  dovranno scendere in campo con il coltello tra i denti, facendo leva su energie fisiche e nervose per mettere ko avversari, sulla carta, più blasonati.

Il Chievo, ora allenato da Lorenzo D’Anna, è reduce dall’importante successo ottenuto tra le proprie mura amiche contro il Crotone, vittoria che ha donato ossigeno ed autostima alla truppa gialloblù. I prossimi appuntamenti che attendono i clivensi, però, non sono affatto da sottovalutare, in quanto domenica faranno visita al “Dall’Ara” per affrontare un Bologna, senza obiettivi concreti da raggiungere ma per nulla affatto in vena di fare regali, mentre il prossimo 20 maggio sarà di scena il Benevento al “Bentegodi”: sanniti già retrocessi ma non rassegnati, ed intenti a compiere  una bella figura, come accaduto lo scorso 21 aprile, a San Siro, al cospetto del Milan.

Infine la Spal che a quota trentacinque e attraverso un rendimento piuttosto costante è quella che sembra nutrire maggiori chance per restare in massima serie. I risultati inanellati dallo scorso mese di marzo sono incoraggianti e in piena linea con l’obiettivo principale prefissato ad inizio stagione. Gli emiliani dopo aver vinto contro il Benevento, nel turno precedente, sono attesi dalla trasferta in casa del Torino ed infine dalla Sampdoria al “Paolo Mazza”. Avversari oramai fuori da ogni discorso inerente l’Europa League che però faranno di tutto per onorare degnamente ciò che resta della stagione. Gli uomini guidati da Leonardo Semplici non dovranno commettere l’errore di considerarsi ad un soffio dal traguardo, perché con tali risicate distanze tra una squadra e l’altra, è breve il passo dalla gloria all’inferno. Ancora centottanta minuti e conosceremo quale squadra farà compagnia a Benevento ed Hellas Verona nel viaggio di ritorno verso la B, a margine, comunque, di un campionato equilibrato, incerto ed intenso sino all’ultimo istante.

 

Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close