Una donna si traveste da musulmana e rapisce una bimba di 5 anni abusando di lei per tutta la notte.

Uno stratagemma niente male, si è travestita da donna musulmana con quell’abito lungo che copre tutto e ti fa vedere al massimo gli occhi e nella scuola ha detto di essere sua madre e l’ha presa. Dopo aver abusato di lei per tutta la notte, questa educatrice di 22 anni che di nome fa Christina Regusters, ha abbandonato la piccola in un parco giochi, non curante di pulire tutte le sue tracce.

Infatti tramite il DNA la ragazza è stata scoperta, catturata e condannata a 40 anni di prigione. Questa donna ha detto di averla presa per difenderla da un uomo pericoloso che aveva intenzione di rapirla ma i giudici non ci sono cascati ed hanno dichiarato colpevole Christina. Ora dovrà stare in carcere 40 anni e non potrà più far male alle inermi bambine.

In Italia un fatto simile non sarebbe stato punito in egual misura, tutt’altro, da noi delle volte i criminali vengono rilasciati subito o addirittura dichiarati assolti. Oggi la bambina ha 7 anni, il fatto era avvenuto nel 2013 presso la Bryant Elementary School di Philadelphia, dove la bimba fu prelevata da Christina che si era travestita da donna musulmana. All’epoca Christina aveva solamente 19 anni e dichiarò a scuola di volerla portare fuori solo per fare colazione, ma non era vero.

La piccola aveva subito forti traumi e chissà se riuscirà a dimenticare quella notte. Gli è stata anche praticata una colostomia per aiutarla a guarirla.

Christina in passato si prendeva cura del fratello della piccola quindi conosceva già la vittima e chissà se questa bambina di 5 anni è stata la sola vittima di questa psicopatica.

E’ sempre difficili ostacolare questi malati di mente, forse una cura quando sono ancora giovani sarebbe utile e necessaria per prevenire simili tragedie.

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close