Roma-Barcellona: la Roma affronta il Barcellona sperando in un miracolo

Parata di stelle all’Olimpico.

Questa sera, con fischio d’inizio alle 20:45, si alzerà il sipario su Roma-Barcellona, gara di ritorno valevole per i quarti di finale di Champions League. All’andata i blaugrana si sono imposti per 4-1, un risultato rassicurante per gli uomini guidati da Valverde, tant’è che i capitolini dovrebbero vincere per 3-0 al fine di strappare il pass qualificazione. Una vera e propria impresa attende i giallorossi al cospetto di una corazzata internazionale, prima in classifica nella Liga, ultracompetitiva in ambito europeo e decisamente attrezzata potendo annoverare un Messi stellare. La Roma, comunque, dinnanzi ad un Olimpico stracolmo proverà a dare il massimo, evitando di ripetere gli errori commessi in difesa nel match d’andata, sfoderando una performance caratterizzata da tanto impegno e senza alcun timore reverenziale, come ammirato per buona parte della gara al Camp Nou. Il punteggio dell’andata, in effetti, è stato particolarmente severo nei confronti degli uomini guidati da Di Francesco, che tenteranno di giocarsi tutte le chance a disposizione al fine di non lasciare nulla di intentato, ben consapevoli che di fronte troveranno un Barca famelico e favorito per la conquista finale del titolo.

Nella giornata di ieri, intanto, i due allenatori, Di Francesco e Valverde, non hanno lesinato dichiarazioni nelle rispettive conferenze stampa della vigilia. Questo un estratto delle parole pronunciate dall’allenatore giallorosso:”Dobbiamo sempre giocare al meglio per questa maglia, ancor di più in questa gara dove dovremo rispondere al 4-1 dell’andata. Il pubblico sarà l’arma in più ma dovremo essere noi a trascinarli. Domani in campo ci saranno i migliori per crederci fino alla fine, per fare qualcosa di impensabile. Abbiamo il dovere di provarci. Potrebbe esserci spazio per Schick, Cengiz Under sta meglio e sarà convocato. Dobbiamo ritrovare la via del gol. Dobbiamo affrontarla con passione, è l’occasione per dimostrare che meritiamo qualcosa di importante. Perché non crederci? La mentalità si costruisce prima dentro casa. Non dobbiamo seguire gli umori dell’ambiente; la gente la trascini con i risultati, non con le chiacchiere. Quando si fanno delle figure significa non aver preparato bene la partita. La mentalità si costruisce, qui si è vinto poco quindi non c’è stata a lungo la mentalità vincente”.

Per quanto concerne i blaugrana, queste le dichiarazioni principali rilasciate da Ernesto Valverde: “Loro cercheranno di fare subito un gol, ma noi dobbiamo scendere in campo pensando solo di vincere la partita. Abbiamo dei buoni motivi per segnare, ma non possiamo pensare che non se la giocheranno, dobbiamo essere preparati. Un eccesso di fiducia può costare molto caro. Siamo una squadra che attacca, ma dobbiamo comunque stare attenti alla parte difensiva. Busquets? Ci sarà , ma valuteremo più avanti le sue condizioni. Gli altri sono tutti disponibili e stanno bene. Se la semifinale mi dà delle vertigini? No, no… non dobbiamo pensare già alla semifinale, nessuna vertigine  quindi. La gabbia per Messi? Ogni allenatore cerca di arginare i migliori giocatori. All’andata hanno fatto molto bene, ma Leo trova sempre il modo per entrare nel gioco ed essere decisivo. Anche noi dovremo fare attenzione a Dzeko ed altri giocatori. 90 euro per un biglietto? Non dovresti chiedere a me, non posso aiutarti”.

Spostando l’attenzione sulle probabili formazioni, come detto in precedenza, Di Francesco recupera Under mentre dovrà fare a meno di Perotti, reduce da un problema al polpaccio. Il tecnico abruzzese si affiderà al 4-3-3 con Alisson tra i pali, Manolas e Fazio coppia centrale di difesa, mentre Florenzi agirà sulla corsia di destra e Kolarov a sinistra. A metà campo spazio al trio composto da Nainggolan, De Rossi e Strootman. In avanti Dzeko sarà supportato ai lati da Schick ed El Shaarawy. Valverde, invece, dovrebbe optare per il 4-4-2: Ter Stegen in porta, Sergi Roberto e Jordi Alba lungo le corsie laterali. Centralmente fiducia al duo Piqué- Umtiti. Sulla mediana agiranno Rakitic e Busquets, mentre sugli esterni ci saranno Dembélé e Iniesta. In attacco il tandem offensivo sarà formato da Messi e Suarez. L’arbitro designato per dirigere il match è il francese Clémente Turpin.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close