Eder-Immobile-Insigne: tre attaccanti in cerca di spazio e successo.

Italia Belgio Euro 2016

Prosegue la marcia di avvicinamento in casa azzurra, in vista del debutto, lunedì 13 giugno a Lione, contro il Belgio.

Una gara da non fallire per iniziare con il piede giusto l’Europeo, anche se a due giorni da questa attesissima sfida, sono ancora tanti i dubbi che attanagliano il commissario tecnico Antonio Conte,soprattutto nella scelta dell’undici iniziale. I quesiti maggiori provengono proprio dal reparto avanzato, dove sono in cinque a giocarsi due maglie da titolare. Nella giornata di ieri, nella sala stampa di Casa Azzurri a Montpellier, sono intervenuti tre attaccanti dal destino tutto da scrivere in ottica nazionale ossia: Eder, Immobile ed Insigne. L’italo-brasiliano ha risposto con convinzione alla critiche che gli sono piovute addosso, soprattutto negli ultimi mesi, quando con la maglia nerazzurra dell’ Inter ha realizzato la miseria di un solo goal, palesando un’evidente involuzione tecnico-tattica. Eder ha tenuto a precisare di non dover dare risposte a nessuno se non al c.t. Conte che ha avuto sempre fiducia in lui e lo ha supportato in qualsiasi momento.

L’attaccante oriundo ha voglia di mettere in difficoltà il commissario tecnico nelle scelte e di meritarsi una maglia da titolare per tornare ad essere, in pianta stabile, la punta di riferimento della nazionale azzurra, cancellando, così, gli ultimi mesi opachi vissuti sotto l’ombra della Madonnina, senza dimenticare, ovviamente, quanto di buono sia riuscito a fare, in termini di goal realizzati, con la maglia della Sampdoria. Immobile ha confessato di aver avuto timore di non essere tra i convocati per questa spedizione azzurra in terra francese. L’infortunio patito durante la stagione sembrava avesse messo la strada in salita all’attaccante granata, che a gennaio, decise di tornare in Italia a vestire la maglia del Torino perché in Spagna, con il Siviglia, stava trovando difficoltà nel ritagliarsi uno spazio importante che potesse catturare l’attenzione del c.t. Antonio Conte, il quale aveva sottolineato, nei mesi precedenti, che avrebbe portato in Francia solo chi avesse giocato con regolarità nei propri club di appartenenza. Immobile ha poi aggiunto che la concorrenza nel reparto avanzato è forte ed agguerrita e che i posti a disposizione per giocare titolare sono solo due, quindi promette di dare il massimo e impegnarsi costantemente per conquistare un “posto al sole” in questa nazionale in cui l’attacco pare essere il reparto meno brillante e assortito. Infine Insigne, l’attaccante partenopeo appare ai nastri di partenza, quello più defilato nelle gerarchie di Antonio Conte. Dotato tecnicamente, è probabilmente l’elemento con più classe tra quelli a disposizione ma nel “3-5-2”, il c.t. lo vede piuttosto come calciatore in grado di spezzare gli equilibri a gara in corso. Nonostante ciò, lo scugnizzo napoletano mostra serenità ed afferma che anche come seconda punta riesca ad adattarsi perfettamente, lasciando intendere che si possa contare su di lui anche dal primo minuto.

Nel frattempo, nella giornata di ieri, la nazionale azzurra ha svolto un solo allenamento, nel pomeriggio, in quanto la mattinata è stata dedicata alla visione di alcuni video riguardanti il Belgio e sull’analisi del lavoro svolto nelle precedenti settimane. Notizia di colore dal raduno di Montpellier è la nascita della primogenita di Florenzi: Penelope. Il centrocampista giallorosso nella giornata di giovedì ha fatto ritorno a Roma per assistere al parto della propria compagna e tornerà quest’oggi in terra francese. Il debutto dell’ Italia si avvicina, a breve verranno sciolti i dubbi sul tandem d’attacco che affronterà il Belgio, con la speranza che chiunque venisse chiamato all’opera si faccia trovare pronto e determinato nel fare bene e possa cancellare immediatamente ogni velo di scetticismo che si aggira attorno a questa spedizione azzurra.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close