La Lazio scala posizioni ma con il problema infortunati da risolvere

 

La Lazio scala posizioni ma con il problema infortunati

Prosegue spedito il cammino della Lazio verso la vetta della classifica. Dopo un avvio tutt’altro che esaltante culminato con la clamorosa sconfitta del “San Paolo” contro il Napoli per 5-0, in casa biancoceleste qualcosa è cambiato. C’è stata  una netta sterzata, un’inversione di tendenza ben visibile e immediata che ha portato la squadra di mister Pioli a scalare posizioni per giungere attualmente al terzo gradino della classifica con ben quindici punti all’attivo, a soli tre distanze dalla Fiorentina capolista.

In campionato il ruolino di marcia parla di tre vittorie consecutive contro Genoa, Verona e Frosinone, passando per il successo interno in Europa League contro il Saint Etienne. In casa Lazio è tornato il gioco proficuo e convincente che aveva caratterizzato la seconda parte della scorsa stagione. Il gruppo sta tornando sui livelli più consoni alle proprie qualità e potenzialità e il pubblico biancoceleste dopo un inizio di stagione tumultuoso condizionato dalla precoce eliminazione in Champions League e dalla sconfitta nella finale della Supercoppa Italiana, ora è di nuovo al fianco della squadra, sostenendola con ardore e passione.

Le brutte notizie per Pioli però giungono come al solito dall’infermeria, luogo che mai come questo avvio di stagione, ha visto un continuo via vai dei suoi uomini cardine. Marchetti dopo la botta ricevuta sotto l’occhio è ancora fermo ai box e molto probabilmente nel match di domenica prossima al “Mapei Stadium” contro il Sassuolo, sarà Berisha a difendere i pali biancocelesti. Basta nella gara  contro il Frosinone ha subito una lussazione alla spalla e bisognerà attendere un po’ prima di vederlo tornare all’opera. Biglia si è di nuovo fermato, questa volta si tratta di un risentimento muscolare alla zona dell’inguine avvertita nella gara con la sua nazionale argentina nel match contro l’Ecuador. Il capitano della Lazio è già tornato a Roma per sottoporsi alle cure del caso, per lui sono previsti quindici giorni di stop. Djordjevic, sempre nell’ultima gara di campionato, è stato vittima di un problema all’adduttore della gamba destra, ko che lo terrà fermo per cinque settimane ed infine Miroslav Klose, lungodegente in infermeria che sta per rientrare lentamente a lavorare con il gruppo. Dopo questa lunga lista di assenti, una nota lieta giunge dal pilastro difensivo De Vrij che dopo il problema al ginocchio ravvisato nel settembre scorso con la nazionale olandese, questa settimana si riunirà ai compagni di squadra e molto probabilmente sarà disponibile per la trasferta di Reggio Emilia. Il suo ritorno è un qualcosa di molto importante per Pioli che avrà di nuovo a disposizione il leader della retroguardia che dirigerà con ordine e precisione tutti i meccanismi difensivi. In questa ultime settimane, però, sono stati vari gli uomini che hanno messo in mostra un ottimo stato di salute garantendo all’allenatore grande affidabilità, su tutti Keita e Matri , entrambi a segno nelle precedenti partite. L’attaccante spagnolo è reduce dalla rete rifilata al Frosinone, mentre per Matri rimbombano ancora le immagini della sua doppietta decisiva nella gara interna contro l’Udinese. Un’altra novità tattica che ha impressionato in positivo è stato l’inserimento di Lulic nel ruolo di esterno difensivo con compiti anche di spinta lungo la fascia , al posto di uno spento e poco propositivo Radu. Questa mossa ha portato in dote nove punti in classifica, dando una maggiore quadratura allo scacchiere tattico.

La Lazio ora è attesa da un tour de force notevole, con Sassuolo e Torino in campionato e il Rosenborg in Europa League, tre match da non fallire per misurare le reali ambizioni di una squadra che sta tornando ai livelli visti all’opera nella passata stagione, quando il terzo posto venne conquistato con caparbietà e una personalità impressionante.

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close