Sampaoli e la Lazio, destini che tenderanno ad incrociarsi?

Sampaoli Lazio

La stagione sottotono della Lazio volge al termine.

Domenica sera ci sarà l’ultima sfida di campionato, contro la Fiorentina dinnanzi ad un “Olimpico” che si preannuncia semideserto, in linea con le presenze stagionali, e poi per i vertici dirigenziali biancocelesti sarà tempo di trarre un bilancio e ricomporre il puzzle di una squadra che ha completamente disatteso le premesse. Il primo scossone degno di nota riguarderà la guida tecnica. Simone Inzaghi, nonostante il buon cammino intrapreso, fatto di quattro vittorie e soli due sconfitte, pare non abbia in tasca la riconferma. Addirittura per lui, sembra si stia delineando un futuro alla conduzione della Salernitana, società appartenente a Lotito, in serie B.

Ragion per cui, i dirigenti laziali sono già alla ricerca di possibili candidati per la guida dei biancocelesti. Oltre ai nomi di Gasperini, oramai ai saluti con il Genoa e di Mihajlovic, sul quale nelle ultime ore si è fatto forte un interessamento da parte del Torino, ecco spuntare Jorge Sampaoli, allenatore argentino, ex commissario tecnico della nazionale cilena, con la quale vinse nel 2015 la Copa America. L’allenatore sudamericano nella giornata di mercoledì è sbarcato a Roma per incontrare il presidente Lotito, il direttore sportivo Tare e il segretario generale Calveri, con i quali discutere di un probabile futuro alla guida dei capitolini. Sampaoli intercettato dai giornalisti, ha semplicemente affermato di essere giunto a Roma solamente per effettuare una vacanza di piacere e godersi le meraviglie della città eterna, ma i ben informati sostengono che dietro il suo approdo nella Capitale, ci sia il forte pressing della Lazio che lo vorrebbe nelle vesti di allenatore per la prossima stagione Il tecnico argentino proviene dalla scuola di Bielsa e il suo credo tattico è un originale “3-3-1-3”. Ovviamente oltre ai biancocelesti, l’ex c.t. del Cile è seguito anche in Spagna, dal Valencia e l’Espanyol e in Grecia, in cui si è fatta avanti l’ Aek Atene.

Dal punto di vista della trattativa, Sampaoli pare abbia chiesto a Lotito un ingaggio da 2,5 mln di euro a stagione, mentre il presidente della Lazio non andrebbe oltre i 2 mln d’euro all’anno, una differenza a quanto pare non insormontabile. La volontà dei vertici dirigenziali biancocelesti è quella di riportare la Lazio nelle posizioni di classifica che può le competono e tornare prepotentemente in Europa, preferibilmente in quella Champions League tanto desiderata che porterebbe anche un’importante boccata d’ossigeno per quanto concerne le casse del club. È chi meglio di Sampaoli, tecnico dalle stimmate vincenti per rilanciare il club capitolino? Nelle prossime settimane, inevitabilmente il quadro sarà più chiaro ma non ci stupiremo affatto se nella prossima stagione, la Lazio inizi a sciorinare un calcio dal sapore prettamente sudamericano, fatto di “garra” e intensità agonistica.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close