27 Yoga posizioni per la stagione primaverile

27 posizioni yoga primavera
“Lo Yoga è essenzialmente una pratica per la tua anima, lavorando attraverso lo strumento del corpo.” Cit. Tara Fraser

Yoga per un anno: Primavera


Anche la Primavera sta giungendo al termine e con lei la sessione primaverile di “Yoga per un anno”.
Grazie alle 27 posizioni, svolte con costanza ogni fine settimana, nel silenzio della casa con solo una candela o la lampada di sale accesa, ho rilassato mente e muscoli nel profondo e ho affrontato uno dei periodi più stressanti per ogni donna: la preparazione del proprio matrimonio.Per chi non lo sapesse, ho organizzato il mio matrimonio in solo 2 mesi, da sola e con ben pochi aiuti, ciò nonostante tutti coloro che mi incontravano dicevano che ero la persona più rilassata del mondo, avevo un bel aspetto, sano e solare… ma penso sia solo merito dell’Hatha Yoga e del rilassamento.

La primavera è la stagione della rinascita, della purificazione, dell’apertura al nuovo. La primavera è simbolo di rinascita, del risveglio dopo il sonno invernale.
Con la primavera tutto è più dolce, l’aria è densa di profumi, la natura ricomincia a sbocciare giorno dopo giorno, l’energia addormentata si rimette in moto; c’è chi è in perfetta sintonia con questa nuova stagione e chi l’affronta con stanchezza e sbalzi di umore. L’Hatha Yoga aiuta l’organismo ad affrontare i nuovi ritmi, fondamentale, oltre alla pratica delle asana, sono il respiro “Bhramari” (il respiro dell’ape), il rilassamento “shavasana”, e la meditazione.

Le 27 posizioni proposte per la sessione primaverile sono:

  1. paksiniasana – il gabbiano: irrobustisce i muscoli dorsali, gli addominali e le gambe; fortifica la colonna vertebrale e raddrizza la posizione delle spalle.
  2. garudasana – l’aquila: irrobustisce i muscoli in toto, tonifica i nervi e scioglie le giunture delle gambe; aiuta chi soffre di sciatica e reumatismi alle gambe e alle braccia; aiuta a migliorare il proprio equilibrio.
  3. akarna dhanurasana – arco e freccia: tonifica i bicipiti, i pettorali e i muscoli del collo.
  4. bakasana – la gru: migliora la circolazione del sangue al cervello, tonifica i muscoli di braccia, gambe, rilassa la schiena e migliora al coordinazione nervosa.
  5. ardha chandrasana – la mezza luna: contribuisce a migliorare l’elasticità del corpo, a tonificare i muscoli del busto, soprattutto delle fasce laterali.
  6. dwi konasana – doppio angolo: rinforza i muscoli infraspinali e tonifica il torace.
  7. utkatasana – la sedia in torsione: asana le cui funzioni sono legata all’assimilazione e all’eliminazione, rafforza l’articolazione della caviglia, delle gambe e migliora la circolazione sanguigna.
  8. virasana – l’eroe: aiuta chi soffre di mal di schiena, migliora la circolazione sanguigna soprattutto a livello delle caviglie.
  9. gomukhasana – il muso di vacca: aiuta ad allungare e ad aprire i lati del corpo, a correggere la postura, ad allungare i muscoli delle caviglie, delle cosce, dei fianchi, del petto, delle spalle e dei tricipiti; riduce lo stress, la fatica e calma la mente; ottimo per chi soffre di male al piriforme.
  10. marjariasana – il gatto che si stira: asana dolce che massaggia i muscoli dalla schiena al ventre, alleviando i dolori da mal di schiena, rende più flessibile la colonna vertebrale e aiuta a ridurre stress e fatica.
  11. il delfino: asana che rinforza i muscoli delle spalle e delle braccia, apre le spalle e la parte alta della schiena. Controindicato per chi soffre di lesioni alle spalle, pressione alta.
  12. bhujangasana – la sfinge: aiuta a rendere flessibile la colonna vertebrale, tonificando i muscoli dorsali, i muscoli delle braccia e delle spalle, ottimo per chi soffre di sciatalgia, vengono massaggiati gli organi interni, contribuisce a ridurre stress e fatica.
  13. hamsasana – il cigno: migliora l’elasticità di tutta la colonna vertebrale, rafforza i muscoli delle spalle e delle braccia, migliora il benessere di tutto il corpo e della mente.
  14. ushtrasana – il cammello: allunga la parte anteriore del corpo, le caviglie, le cosce, le gambe, l’addome, il torace e il collo; migliora l’atto di flessione dell’anca, tonifica i muscoli della schiena, migliora la postura e stimola gli organi interni.
  15. khanyasana – il ragno: tonifica i muscoli delle braccia, delle spalle, del polso, del petto, dell’addome; migliora l’equilibrio, allunga la parte superiore della schiena; calma la mente e rinvigorisce il corpo in toto.
  16. pasasangasana – il nodo.
  17. baka dhiyanasana – la gru paziente: migliora la circolazione del sangue al cervello, tonifica i muscoli delle braccia, dei polsi e delle gambe, rilassa e allunga i muscoli della schiena, e migliora la coordinazione.
  18. sasangasana – la lepre:  aiuta a scogliere tensione nervosa e fisica.
  19. saral dhanurasana – posizione facile dell’arco: aiuta ad allungare i muscoli delle caviglie, delle cosce, dell’inguine, degli addominali, del petto; rafforza i muscoli dorsali, massaggia gli organi interni; migliora la postura.
  20. bharadvajasana – torsione del saggio II: allieva i dolori alla schiena, scioglie la tensione accumulata su spalle e collo.
  21. parivritti janusirsasana – posizione della testa al ginocchio: allunga i muscoli della colonna vertebrale, le spalle e i muscoli posteriori della coscia, stimola i muscoli addominali e i reni, favorisce la digestione.
  22. ardha matsyendrasana – torsione spinale: stimola l’attività di fegato e reni, allunga i muscoli delle spalle e del collo, della colonna vertebrale; ottimo per chi soffre di sciatalgia, mal di schiena e dolori addominali.
  23. halasana – l’aratro: migliora l’elasticità della colonna vertebrale, migliora la circolazione venosa e tonifica i muscoli spinali.
  24. matsyasana – il pesce: rafforza i muscoli della schiena e del collo, migliora la capacità polmonare, distende i muscoli flessori dell’anca e i muscoli intercostali.
  25. chakrasana – la ruota: migliora la postura, stimola l’attività di cuore e polmoni, tiroide e ghiandole surrenali, rinvigorisce tutto il corpo.
  26. salamba sirshasana + niralamba sirshasana – posizione sulla testa con/senza sosteno: aumenta notevolmente il flusso sanguigno al cervello, migliorando cosi l’ossigenazione delle cellule.
  27. adityasana – la madre degli dei: massaggia e tonifica l’apparato genitale, aiuta chi soffre di mal di testa, mal di stomaco.
Come per la sessione invernale, ho avuto alcune difficoltà tecniche per alcune posizioni, quali: Ardha Chandrasana, Hamsasana, che dopo poche sedute ho imparato a svolgere con naturalezza, a differenza della posizione di Baka Dhiyanasana, su cui ci sto ancora lavorando, e Salamba Sirshasana e Niralamba Sirshasana, che svolgo solo appoggiata ad un muro.
Seduta dopo seduta ho migliorato ancora di più elasticità, resistenza muscolare e mentale, coordinazione e sicurezza nel mio corpo, e questo mi ha aiutato anche durante la lezione di“functional yoga”, che ho svolto durante Rimini Wellness 2016.
[gap height=”24″]
Functional yoga
Per quanto riguarda il rilassamento e la meditazione, io mi aiuto con la musica del canale youtube “Relaxdaily”, musica d’ambiente accompagnata da immagini mozzafiato, la natura ripresa nella sua piena bellezza, energia e positività. Ormai mi conosco, e so che riesco a staccare la spina solo se sono immersa nella natura, non ci sono problemi, ostacoli, emozioni negative quando osservo un albero, ascolto il vento che sfiora le foglie e fa ballare i rami. A voi, cosa vi emoziona?
Lo Yoga non è solo esercizio fisico, ma è un magnifico strumento per prendersi cura di noi stessi nel profondo !
Se vi piace l’approfondimento di questo tema, ci ritroveremo sempre qui a fine estate per le 27 posizioni della sessione estiva!

Salva

Salva

Fonte
Segui il blog di Chiara al seguente link: [button color="red" link="http://wellnesswithchiarar.blogspot.it/" align="right" target="_blank" font="0" icon="momizat-icon-home" icon_color="#ffffff"]Blog Chiara R[/button]
Mostrami di più

Wellness WITH Chiara R.

Cresciuta a tarallucci e conti, da buona impiegata amministrativa - gestore del personale, che nascondeva un segreto...alla sera quell'impiegata perfetta metteva le scarpette da ginnastica e allenava a passo di step nelle palestre della sua città. Ho sempre studiato, mi sono sempre documentata per offrire un servizio in più e non solo passi di danza su step. Poi la seconda laurea, in Scienze Motorie Sport e Salute ha coronato questa passione, vissuta solo part time. Il Blog è nato per dar voce alle mie idee, per condividere con qualcuno la mia passione, il mio amore per il fitness, per la sana e corretta alimentazione e per la cura del corpo...non un'ossessione, ma una consapevolezza raggiunta passo dopo passo, sperimentando e compiendo errori, per capire cosa realmente significa "star bene!".Chiara R.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close