Mondiale Russia 2018: “Manita” russa e l’Arabia finisce ko: ecco l’analisi del match

Mondiale 2018: Russia-Arabia Saudita: 5-0

Il Mondiale in Russia si apre con una goleada della compagine di casa, che dinnanzi ad una cornice di pubblico maestosa presente al “Luzhniki Stadium” di Mosca, annichilisce l’Arabia Saudita con un perentorio 5-0. Il match si sblocca al 12’ quando su azione nata dagli sviluppi di un calcio d’angolo, Golovin scodella in area un cross indirizzato per la testa di Gazinskiy che non fallisce l’appuntamento con il gol. I sauditi stentano a reagire, non riuscendo a creare alcun pericolo dalle parti di Akinfeev.

La Russia gioca in scioltezza e al 43’ pesca il bis con Cheryshev, il quale riceve un passaggio filtrante da parte di Zobnin e con insistenza spedisce la sfera alle spalle di Al Mayoof. Nella ripresa la banda guidata dal c.t. Juan Antonio Pizzi subisce costantemente gli attacchi dei padroni di casa che con merito si portano sul 3-0 al 71’ quando su assist di un superlativo Golovin, oggetto del desiderio da parte della Juventus, è il neo entrato Dzyuba, di testa, ad iscrivere il suo nome sul tabellino dei marcatori. A quel punto l’Arabia Saudita appare alquanto frastornata e la Russia ne approfitta per siglare il 4-0, di nuovo con Cheryshev, al 91’, grazie ad un tiro magistrale d’esterno sinistro su sponda area di Dzyuba. Il 5-0 definitivo porta la firma, invece, di Golovin, al 95’, quando su calcio di punizione dal limite, non lascia scampo ad Al Mayoof.

Con questo risultato roboante, la Russia si aggiudica il primo match del girone A annichilendo una modesta Arabia Saudita, la quale aveva destato una migliore impressione nei precedenti test amichevoli contro Italia e Germania. Gli uomini guidati dal c.t. Stanislav Cherchesov, invece, interrompono la striscia di sette risultati consecutivi senza vittorie, raccogliendo gli applausi dei tifosi di casa e soprattutto del Presidente russo, Vladimir Putin, presente in tribuna d’onore. Da sottolineare la performance altisonante di Aleksandr Golovin, stella del CSKA Mosca,corteggiato in questa sessione di mercato dalla Juventus.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close