Lazio Cittadella: 4 – 1 | Coppa Italia 2017 | Cronaca Partita | Migliore e Peggiore

Tutto facile per la Lazio che liquida il Cittadella 4-1

Ottavi di finale in discesa per i biancocelesti che superano il Cittadella, compagine di serie B, per 4-1, aggiudicandosi il pass per i quarti dove affronteranno il prossimo 26 dicembre, sempre all’Olimpico, la Fiorentina. I capitolini erano reduci dal ko discusso rimediato in campionato contro il Torino, condizionato dall’espulsione di Immobile, che è costata un turno di squalifica all’attaccante campano, e dal mancato penalty a seguito dell’evidente tocco con la mano di Iago. Sono stati giorni di polemiche, caratterizzati da ventilate minacce da parte di Lotito di ritirare la squadra dal campionato, quelli che hanno fatto da preludio al roboante successo al cospetto dei veneti.

Riavvolgendo il nastro del match, gli uomini di Simone Inzaghi passano in vantaggio all’11’ con Immobile, impeccabile nel capitalizzare al meglio una sponda di Milinkovic-Savic. Il numero diciassette biancoceleste dopo aver intercettato la sfera, supera in dribbling Paleari in uscita, per poi depositare la palla in fondo al sacco. Qualche istante più tardi sono ancora i padroni di casa a flirtare con il raddoppio attraverso un colpo di testa di Milinkovic-Savic su cross dalla sinistra di Lukaku, che si stampa sulla traversa. Al 24’ la Lazio raddoppia: Lucas Leiva innesca in verticale l’attaccante brasiliano, che taglia a fette la difesa avversaria e a tu per tu con Paleari non sbaglia. Prima rete stagionale per il numero dieci dei capitolini, reduce da un lungo e fastidioso infortunio. Al 36’ la banda di Simone Inzaghi triplica le marcature con un’autorete sfortunata di Camigliano, il quale nel tentativo di anticipare Wallace, spedisce, inavvertitamente, un cross proveniente dalla bandierina, al di là della propria porta. Il Cittadella, rimaneggiato per dieci/undicesimi rispetto all’ultima gara di campionato disputata contro l’Avellino, accorcia le distanze al 41’ su calcio di punizione battuto dalla trequarti da Bartolomei. Il numero sedici amaranto esplode un missile che risulta imparabile per Strakosha.

Nella ripresa i padroni di casa gestiscono il vantaggio acquisito, senza disdegnare, però, delle folate offensive. Ci prova Lucas Leiva con un fendente dal limite dell’area intercettato da Paleari, mentre gli ospiti rispondono con un tiro di Bartolomei, l’uomo più pericoloso tra le fila dei veneti, anch’esso preda di Strakosha. All’ 87’ i biancocelesti portano a quattro le marcature con Immobile, puntuale nel  raccogliere un assist in verticale di Lucas Leiva, per poi superare con un preciso pallonetto Paleari in uscita. E’ questa l’ultima emozione di una gara che ha evidenziato la netta differenza tecnica e qualitativa tra i padroni di casa e il Cittadella, unica squadra di B rimasta ancora in corsa in Coppa Italia. Il giorno di Santo Stefano si prevede un Olimpico con tutt’altro colpo d’occhio, rispetto ai soli 5.000 spettatori presenti ieri sera, come cornice ad una gara insidiosa e di ben altro spessore, al cospetto della Fiorentina.

Simone Inzaghi, intercettato dai giornalisti al termine della sfida con i veneti, ha così commentato il passaggio del turno: “Abbiamo fatto un’ottima gara, sapevamo che non sarebbe stato facile. Il Cittadella ha corso tutta la partita, se non avessimo affrontato bene questa gara non avremmo vinto, invece i ragazzi hanno fatto il loro dovere. Patric e Murgia quando li chiamo in causa rispondono presente, questa squadra può togliersi tante soddisfazioni. I nostri obiettivi? Dobbiamo rimanere in corsa in tutte le competizioni. Contro la Fiorentina dovremmo fare una grande gara per andare in semifinale. Lazio-Torino? Ho già detto che non ne parlerò più, c’è tanta delusione per quello che si è visto. Oggi volevo vedere una bella reazione e c’è stata. La gara non era semplice, il Cittadella è arrivato agli ottavi di coppa meritatamente. Dopo quello che è successo lunedì potevamo rischiare di fare brutte figure, ma così non è stato”.

Dall’altra sponda, il tecnico dei veneti, Roberto Venturato ha così parlato a margine del ko rimediato all’Olimpico: “Purtroppo abbiamo fatto un inizio di partita negativo. Potevamo fare meglio, la Lazio ci ha messo in grande difficoltà. Nel secondo tempo abbiamo giocato in modo migliore. C’è un po’ di rammarico perché potevamo fare qualcosa di più. Il fatto che i ragazzi abbiano avuto una reazione è un aspetto positivo. Questa squadra può e poteva fare meglio. Dovremo imparare da questa situazione. La Lazio è una squadra di grande livello, che ha giocatori importanti ed è allenata molto bene. L’obiettivo era mettere in difficoltà la Lazio, ma nella prima mezzora non ci siamo riusciti. Essere riusciti a creare qualche occasione da goal è un merito comunque per la squadra”.

Migliore del match- Immobile: Alla difficile serata di lunedì, caratterizzata dall’espulsione inflittagli dall’arbitro Giacomelli, l’attaccante di Torre Annunziata risponde con una doppietta sontuosa e una prestazione da leader. Fondamentale.

Peggiore del match- Camigliano: Il difensore centrale del Cittadella soffre le folate offensive di Immobile e si rende protagonista della sfortunata autorete nel tentativo di anticipare Wallace. Frastornato.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close