Mondiale 2018: Cristiano Ronaldo ne fa 3 alla Spagna. Uruguay e Iran vincono di misura.

La seconda giornata della fase a gironi del Mondiale in Russia ha messo in mostra un pareggio pirotecnico ed emozionante tra Portogallo e Spagna, match conclusosi con il punteggio di 3-3, mentre sia l’Uruguay  che l’Iran si sono imposte all’ultimo respiro al cospetto, rispettivamente, di Egitto e Marocco.

Egitto-Uruguay: 0-1

All’”Ekaterinburg Arena” è di scena la seconda gara del girone A tra Egitto ed Uruguay. Dopo un primo tempo non particolarmente esaltante, con la compagine guidata dal c.t. Cuper in grado di arginare le folate offensive di Suarez e Cavani, nella ripresa gli uomini di Tabarez sfiorano ripetutamente il vantaggio con le proprie bocche di fuoco, trovando dinnanzi a loro un El Shenawy insuperabile. Quando il match sembrava oramai incanalarsi verso il viatico del pareggio a reti bianche, ecco che all’ 89’ dagli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Sanchez, è Gimenez a svettare di testa non lasciando scampo al sino allora impeccabile, estremo difensore egiziano. Con questo successo l’Uruguay sale a quota tre punti in classifica a pari merito con la Russia, mentre Egitto ed Arabia Saudita restano inchiodate a quota zero.

Marocco-Iran: 0-1

Sfida palpitante e decisamente equilibrata, quella del “Saint Petersburg Stadium” tra Marocco ed Iran valevole per il girone B. Le chance più propizie capitano sui piedi dei calciatori della nazionale marocchina che sfiorano ripetutamente il vantaggio. Al tramonto della prima frazione di gara è l’Iran ad andare ad un passo dal gol, trovando, però, dinnanzi a sé la pronta risposta di Munir. Nella ripresa l’agonismo prende il sopravvento e le difese appaiono alquanto insuperabili. Al tramonto della gara è la compagine allenata dal c.t. Renard a flirtare con il gol grazie ad una conclusione ficcante di Ziyech deviata sul fondo da Beiranvand, ma al 95’, all’ultimo respiro, dagli sviluppi di un calcio di punizione a favore degli asiatici battuto  da Hajsafi, è il marocchino Bouhaddouz a spedire, di testa, la sfera alle spalle del suo compagno di squadra Munir. Si materializza, così, un incubo per Benatia e compagni, mentre l’Iran, in maniera decisamente sorprendente, conquista sul gong l’intera posta in palio.

Portogallo-Spagna: 3-3

Parata di stelle al “Fisht Stadium” di Sochi tra Portogallo e Spagna, gara valevole per il gruppo B. A passare in vantaggio dopo appena 4 minuti sono i lusitani attraverso un penalty decretato dall’arbitro Rocchi per un contatto in area di Nacho nei confronti di Cristiano Ronaldo.Dal dischetto si presenta proprio CR7 che con precisione chirurgica non sbaglia. Dopo una serie di opportunità non concretizzate al meglio dai portoghesi, al 24’ è Diego Costa ad acciuffare il pareggio per le “furie rosse” grazie ad un’azione personale insistita, viziata, però, da un contatto discutibile nei riguardi di Pepe. Al 44’ i lusitani mettono nuovamente la freccia con Cristiano Ronaldo, autore di un tiro dal limite dell’area, che trova  la complicità di un De Gea per nulla affatto irreprensibile. Nella ripresa muta il leit-motiv e la Spagna prima agguanta il pareggio con Diego Costa, al 55’, abile nello spedire in rete un comodo assist di testa effettuato da Busquets, e a seguire, al 58’, dagli sviluppi di un ‘azione portata avanti da Isco, è Nacho a sfoderare un bolide dalla distanza che bacia la base del palo per poi insaccarsi alle spalle di Rui Patricio. L’ultimo sussulto del match avviene all’88’ quando dalla mattonella di un calcio di punizione è Cristiano Ronaldo a disegnare una traiettoria imprendibile per De Gea. Tripletta per CR7 e sconfitta scongiurata. Dopo i primi novanta minuti, il girone B vede in testa l’Iran a quota tre punti, Portogallo e Spagna inseguono ad uno, il Marocco è fanalino di coda con zero punti all’attivo.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close