Si chiude la settimana europea delle nostre squadre italiane con un bilancio agrodolce

analisi italiane europa settembre 2016
Frank De Boer, allenatore dell’Inter. Credits FC Internazionale

È ora di bilanci per le squadre italiane dopo la prima giornata di Champions League ed Europa League. A sorridere sono solamente Napoli e Sassuolo, mentre Juventus, Roma e Fiorentina sono rimandate ai prossimi appuntamenti.

Pollice giù per l’Inter, crollata inaspettatamente tra le mura amiche al cospetto degli israeliani dell’ Hapoel Beer Sheva. Ma andiamo per ordine ed iniziamo dalle nostre squadre impegnate nella coppa dalle grandi orecchie. Il Napoli di Maurizio Sarri si è scrollato di dosso l’ansia del debutto europeo, che vivevano molti calciatori della rosa partenopea, ed ha superato in rimonta gli ucraini della Dinamo Kiev. A ben impressionare  è stato il centravanti polacco, proveniente dall’ Ajax: Milik. Un giovane attaccante dalle rosee prospettive. Oltre al numero novantanove azzurro  è stata tutta la squadra che ha girato al meglio, fornendo una buona prova di carattere e personalità, non lasciandosi affatto intimorire dai padroni di casa. Da rivedere c’è qualche meccanismo in fase difensiva ma per il resto i ragazzi scesi in campo hanno eseguito alla perfezione i dettami di Sarri, conquistando, così, tre punti preziosi che lasciano ben sperare per il proseguo del cammino. Non sorride, invece, la Juventus. I bianconeri sono stati fermati sullo 0-0 da un arcigno Siviglia. La Vecchia Signora non ha giocato male, anzi, ha creato numerose occasioni da goal ed ha colpito anche una traversa con il “pipita” Higuain, ma resta il rammarico di non aver capitalizzato con cinismo le occasioni avute a disposizione. In molti si aspettavano un debutto vincente per la Juventus, squadra costruita in estate per primeggiare anche in Europa, ma come ha dichiarato  mister Allegri, al termine della sfida contro gli andalusi, occorrerà lavorare a testa bassa e con molta umiltà perché la Champions è una competizione difficile e piena di insidie, senza dimenticare che le favorite per la conquista finale sono Bayern Monaco, Real Madrid, Barcellona e Manchester City, compagini che ,secondo l’allenatore livornese, posseggono ancora qualcosa in più rispetto ai bianconeri.

In Europa League applausi a scena aperta per il Sassuolo. La squadra neroverde si è sbarazzata dell’ Athletic Bilbao con un sonoro 3-0, grazie alle reti, tutte nella ripresa, di Lirola, Defrel e Politano. Gli emiliani hanno mostrato una immensa personalità e voglia di sorprendere nel palcoscenico europeo. Nessun timore reverenziale, nessun atteggiamento da matricola. Il Sassuolo ha imposto la legge del “Mapei Stadium” ed ha relegato ad una pesante sconfitta i più quotati baschi. Di Francesco si coccola i suoi ragazzi ed è entusiasta della performance fornita, aggiungendo che tutto ciò occorrerà per riannodare il filo con la vittoria anche in campionato, per cancellare immediatamente la sconfitta rimediata allo “Juventus Stadium” sabato scorso. Dai sorrisi del Sassuolo, alle recriminazioni di Roma e Fiorentina. I giallorossi non sono andati oltre l’1-1 contro il Viktoria Plzen, mentre i viola tornano a casa ,da Salonicco, con un pareggio a reti inviolate. La Roma ha affrontato un avversario di spessore ed era passata anche in vantaggio grazie ad un penalty realizzato da Perotti. Poi, qualche minuto più tardi, i cechi hanno riagguantato il match, con Bakos, approfittando, tra l’altro, di un’errata marcatura difensiva. I capitolini hanno avuto varie occasioni per tornare in avanti nel punteggio, soprattutto con Dzeko che non ha dimostrato eccelsa freddezza davanti il portiere avversario. Da segnalare un palo colpito, nella prima frazione di gioco, da Nainggolan. La Fiorentina di Paulo Sousa pur non giocando in maniera brillante e convincente, strappa un punto contro il Paok Salonicco. Di certo i toscani potevano fare di più e non è stata sufficiente la voglia di Babacar di tornare protagonista dopo l’infortunio subito. La nota dolente della serata proviene da “San Siro” dove un’Inter svagata e senza mordente, crolla clamorosamente dinnanzi agli israeliani dell’ Hapoel Beer Sheva. Il ko è firmato da Vitor e Buzaglo. Quella che doveva essere una serata tranquilla, che avrebbe dovuto donare maggior autostima al gruppo di De Boer, si è rivelata un boomerang, alimentando il malessere e la disapprovazione tra i pochi tifosi nerazzurri presenti allo stadio. Per l’Inter prosegue il periodo sfavorevole e sembra, a questo punto, piuttosto episodica la vittoria ottenuta in extremis contro il Pescara. I nerazzurri sono in crisi, non solo di risultati ma anche di gioco, un gioco che stenta a decollare e la prossima avversaria da affrontare sarà la Juventus, squadra temibilissima che potrebbe acuire ancor di più le crepe presenti all’interno di una squadra ancora lontana dalla forma migliore.

-Bilancio della tre giorni europea. Sorridono Napoli e Sassuolo, rimandate Juventus, Roma e Fiorentina. Disastrosa l’Inter che perde 0-2 contro il modesto Hapoel Beer Sheva.-

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close