Juventus-Cagliari dà il benvenuto alla serie A 2017/2018

La lunga attesa è terminata. Circa tre mesi dopo dal trionfo in campionato della Juventus, i bianconeri inaugurano la nuova stagione in serie A con l’anticipo delle ore 18 contro il Cagliari.

La Vecchia Signora giunge a quest’appuntamento con la voglia di cancellare l’opaca e deludente prestazione sfoderata al cospetto della Lazio, in finale di Supercoppa Italiana, vedendo sfuggire via il primo trofeo in palio. La banda guidata da Max Allegri, con il tricolore cucito nel petto, ha tutta l’intenzione di ristabilire il divario con le altre compagini presenti in massima serie, partendo proprio dal match di oggi pomeriggio all’Allianz Stadium, per certificare che la fame di vittorie è rimasta intatta e mai sopita. I sardi, invece, sbarcheranno a Torino con la ferrea convinzione di non scendere sul rettangolo di gioco nelle vesti di sparring partner.

Fondamentale sarà essere aggressivi, lavorando in maniera armonica tra i reparti. Fronteggiare Higuain e compagni non sarà semplice, ma i rossoblù proveranno a regalarsi un pomeriggio di gloria nel giorno del debutto. Unica nota stonata dal quartier generale del Cagliari, la frattura tra Marco Borriello e mister Rastelli, una rottura insanabile che sancirà l’addio dell’attaccante campano tra le fila dei sardi, con la possibilità che possa approdare alla Spal, in quella che sarà la sua ennesima esperienza professionale nel nostro campionato. Intanto, nella tarda mattinata di ieri, Massimiliano Allegri ha tenuto la consueta conferenza stampa della vigilia, parlando dello stato di salute della sua squadra, della voglia di voltare pagina dopo la brutta prestazione contro la Lazio, manifestando, altresì, la chiara intenzione di voler iniziare fin da subito alla grande, pur consapevole che nelle prime giornate le insidie saranno molte. “E’ normale che le avversarie si siano rafforzate, si abbassa il margine di errore dopo sette anni. Continuare a vincere è sempre più difficile.

La nostra stagione comincia domani (oggi ndr) con il campionato, la stagione vera il primo settembre con la chiusura del mercato. Ma noi possiamo fare una grande Champions solo affrontando la serie A nel migliore dei modi”. In merito a quanto visto nella finale di Supercoppa contro i biancocelesti di Simone Inzaghi, Allegri spiega: “Domani (oggi ndr) dobbiamo trovare un po’ di fiducia, che la partita di domenica ci ha tolto. Quando pensi di vincere, perdi: questa è la differenza che passa tra una squadra superficiale e una attenta. La Lazio ha vinto la partita meritatamente perché noi siamo stati disattenti”. Infine per quanto riguarda il fatto di essere considerati ancora i favoriti per la conquista del titolo di campione d’Italia, il tecnico livornese afferma: “Juve favorita? Solo se tutti ci rimettiamo con le orecchie basse e lavoriamo. Allora sì, è favorita. Se affrontiamo la stagione con presunzione e parlando del fatto che i bianconeri vincono di sicuro, no. L’importante è arrivare a marzo ed essere in lotta per i tre obiettivi. Ci vuole molta calma ed equilibrio. Ad agosto tutti han vinto lo scudetto, poi a settembre c’è già chi pensa al mercato di gennaio”. Dalla sponda rossoblù, invece, Massimo Rastelli presenta così la sfida dai connotati di “Davide contro Golia” al cospetto della corazzata bianconera: “Ho qualche dubbio, due o tre, ma più che altro dovrò capire con quali caratteristiche voglio affrontare la Juve. Mi stanno mettendo in difficoltà, ed è quello che volevo.

Affrontare le grandi squadre in teoria può essere un vantaggio perché nessuna squadra è al meglio. La partita si vincerà facendo il massimo in tutti i reparti. Servono undici giocatori affamati. La buona prestazione ti dà fiducia e coraggio per il futuro, ma non voglio andare lì a fare la vittima sacrificale di turno”. Parlando poi di Borriello, oramai nelle vesti di separato in casa, Rastelli commenta: “Non mi preoccupa la sua reazione. L’obiettivo è solo il Cagliari e lavoriamo al meglio per il bene della squadra”. Per quanto concerne le probabili formazioni che scenderanno in campo, Allegri dovrebbe optare per il “4-2-3-1” affidandosi a Buffon tra i pali, De Sciglio e Alex Sandro esterni difensivi, centralmente agiranno Chiellini e Barzagli.

Sulla mediana fiducia a Pjanic e Khedira, mentre sulla trequarti Douglas Costa, Dybala e Mandzukic si muoveranno a sostegno della punta centrale Higuain. Rastelli dovrebbe rispondere, molto presumibilmente, con l’abito tattico del “ 4-3-1-2” con Cragno in porta, Padoin e Capuano esterni di difesa. Pisacane e Andreolli comporranno il duo centrale. A metà campo spazio al trio Ionita, Barella e Cigarini, mentre sulla trequarti Joao Pedro sarà chiamato ad innescare la coppia d’attacco formata da Sau e Cop. L’arbitro designato per dirigere il match sarà il signor Fabio Maresca della sezione di Napoli e con lui avverrà il debutto ufficiale in serie A del VAR (video assistant referee), supporto tecnologico pronto a sbrogliare alcuni casi dubbi a cui spesso il direttore di gara sarà alle prese.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close