Inter: fine della corsa in Europa, troppo forte il Wolfsburg.

Inter: fine della corsa in Europa… ecco la resa di Palacio e Icardi.

“Inter: fine della corsa in Europa e stop dei sogni nerazzurri”


La sconfitta di ieri sera dell’ Inter rimediata in casa contro il Wolfsburg per 1-2 nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Europa League ha sancito la fine dell’esperienza nerazzurra in Europa. Inter al capolinea e con essa anche i sogni di tutti i tifosi nerazzurri che speravano di vedere la propria squadra primeggiare aldila’ dei confini nazionali. La squadra di Mancini in questa doppia sfida con i tedeschi ha palesato i suoi gravi ed evidenti limiti difensivi e poco cinismo sotto porta. Sono state tante le occasioni sciupate che non hanno permesso all’ Inter di rientrare in partita e sperare nella “remuntada”. La squadra del Mancio esce da questa competizione con la consapevolezza che questa sarà una stagione priva di soddisfazioni. Fuori dalla coppa, attardata in campionato nelle posizioni che contano, quest’estate bisognerà compiere un atto di rifondazione, rilanciare con uomini nuovi questo club che sta vivendo una parabola discendente molto preoccupante.
I motivi di questa disfatta sono molteplici, innanzitutto un reparto sotto accusa è quello della difesa, troppi errorri della retroguardia nerazzurra fino ad ora. A rotazione un po’ tutti hanno commesso degli harakiri che hanno condizionato in negativo le partite dell’Inter. Juan Jesus e Ranocchia molto spesso sono apparsi svagati, Carrizo è stato l’artefice principale della debacle nerazzurra nel match di andata in Germania contro il Wolfsburg. Anche i nuovi arrivati nel mercato di gennaio per dare nuova linfa alla squadra non hanno tutti pienamente convinto. A parte Shaqiri  che ha subito dimostrato grande personalita’ e qualita’, Podolski sta ripetendo le sue stagioni anonime con la maglia dell’Arsenal, per l’attaccante tedesco ancora nessun acuto in serie A.

Ed anche Brozovic dopo un inizio promettente, si sta mano mano perdendo nella mediocrita’ che attanaglia la rosa nerazzurra. In attacco Palacio solo ora sta mostrando segni di risveglio sotto porta dopo un lungo periodo di torpore e il solo Icardi non puo’ bastare. Sul bomber argentino bisogna aprire un capitolo riguardante la sua permanenza in nerazzurro anche per la prossima stagione. Per adesso Icardi appare lontano dall’Inter, il rinnovo non sembra essere imminente e i tifosi nerazzurri rischiano di veder andare via un bomber dal futuro assicurato. Inoltre in questa difficile stagione nerazzurra, ci sono stati anche tanti battibecchi tra il tecnico di Jesi e alcuni dei suoi giocatori. Prima Osvaldo, con cui ebbe un acceso diverbio dopo Juventus-Inter del 6 gennaio scorso, litigio che ha portato l’attaccante italo-argentino ad essere relegato fuori rosa per poi essere ceduto al Boca Juniors dove ora sta conquistando a suon di goal i suoi nuovi supporters argentini. Ed ora Vidic, il roccioso difensore proveniente dal Manchester United quest’anno è stato relegato al ruolo di riserva di lusso. Non è stato lui il perno del reparto, il punto di riferimento e sicuramente a giugno verra’ ceduto. Le speranze nel mese di novembre dopo il cambio Mazzarri-Mancini, erano tante, la dirigenza interista era convinta di aver dato la svolta giusta ad un ambiente che appariva depresso e amareggiato. Ed invece la musica non e’ cambiata, alcune giornate di gloria sono state subito abbattute da sconfitte pesanti e determinanti. Ora l’obiettivo sara’ quello di concludere dignitosamente la stagione, cercando una difficile rimonta per conquistare almeno il sesto posto in classifica. E poi da giugno partira’ l’operazione “rifondazione nerazzurra” perche’ un’altra stagione senza palcoscenico europeo, l’Inter non potra’ permetterselo.

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close