Focus in casa Juventus in attesa del big match scudetto di domenica sera contro il Napoli

La Juventus deve voltare pagina dopo l’indesiderato pareggio di Crotone

I bianconeri sono chiamati ad una decisa reazione dopo il pareggio per 1-1 rimediato all’”Ezio Scida” di Crotone. La Vecchia Signora non ha sfoderato una performance convincente: la banda guidata da Massimiliano Allegri non ha messo in evidenza la solita arrembanza, la verve, l’intraprendenza, il dominio tecnico-tattico visto all’opera nelle precedenti uscite. Molto probabilmente, nella sfida contro i calabresi, avrà pesato una certa forma di appagamento dopo il vantaggio acquisito. Higuian e compagni avranno pensato, anche solo per un istante, che la sfida contro l’undici allenato da Zenga potesse essere archiviata con semplicità, senza particolari sforzi.

Ed invece i padroni di casa hanno reagito con veemenza allo svantaggio subito, acciuffando il pareggio con un gol in rovesciata siglato da Simy, una prodezza che per alcuni aspetti ha ricalcato quanto di straordinario compiuto da Cristiano Ronaldo nella gara d’andata dei quarti di finale di Champions League che ha visto la Juventus opporsi al Real Madrid. Alcuni addetti ai lavori hanno puntato il dito proprio sulla doppia sfida contro i campioni d’Europa in carica e in particolar modo sul match di ritorno, in quello che è stato un duello che ha visto i bianconeri prevalere per 1-3 attraverso, però, un cospicuo dispendio fisico e mentale, conclusosi con le vibranti polemiche a seguito del calcio di rigore concesso al Real negli ultimi secondi della partita. Eppure il motivo del passo falso commesso all’”Ezio Scida” non è da ricondurre alle fatiche in Champions, in quanto prima della trasferta di Crotone, vi è stato, domenica scorsa, il match contro la Sampdoria, con i blucerchiati annichiliti con un ineccepibile 3-0 che aveva messo in mostra una Juventus famelica e aggressiva. Ovviamente i numeri della Vecchia Signora restano pur sempre positivi: la Juventus è prima in classifica con ottantacinque punti all’attivo, distante quattro lunghezze dal Napoli secondo.

I bianconeri detengono, altresì, lo scettro di miglior difesa del campionato con diciannove gol subiti e vantano il secondo attacco più prolifico con settantotto reti all’attivo. In campionato non perdono dal 19 novembre 2017, ovvero dal 3-2 subito a “Marassi” contro la Sampdoria, da lì in avanti venti risultati utili consecutivi, caratterizzati da diciassette vittorie e tre pareggi, ed è proprio in due di quei tre pareggi che si sono intraviste delle crepe poco gradite al tecnico livornese. Parliamo del segno “X” venuto  fuori nella trasferta di Ferrara contro la Spal e per l’appunto in quello di Crotone, due gare contro compagini in lotta per non retrocedere, con solo due punti conquistati sui sei in palio. Troppo poco per una squadra, la Juventus, che ha in mente l’ambizioso e prestigioso obiettivo di “ammazzare” il campionato per conquistare per la settima volta di fila il titolo di campione d’Italia. Domenica sera è in programma la sfida decisiva per il titolo, in quanto ci sarà il Napoli di scena all’”Allianz Stadium”. Sarà un duello palpitante, emozionante, dall’elevata posta in palio.

La tradizione gioca a vantaggio dei bianconeri, in quanto dal 2011 in poi, ossia da quando il “Delle Alpi” è diventato stadio di proprietà della Juventus, il Napoli ha sempre perso, eppure stavolta sarà diverso, in quanto Allegri è ben consapevole che troverà dinnanzi a sé un avversario motivato dalla voglia di portarsi a meno uno, con quattro gare ancora da disputare ed inoltre, dopo cinque anni, i partenopei potranno fare leva sui 2.000 tifosi azzurri che potranno accedere allo Stadium. Per quanto concerne la formazione chiamata ad affrontare Insigne e compagni, Allegri scioglierà i suoi dubbi tra oggi e domani, ma appare molto probabile che il tecnico toscano possa affidarsi al 4-3-3 con il rientro a centrocampo di Pjanic e il ritorno di Mandzukic nel tridente avanzato. A rischiare il posto è Dybala, autore di una prestazione decisamente sottotono a Crotone. In porta torna Buffon, mentre in difesa, la coppia centrale sarà composta da Chiellini, in panchina allo “Scida”, e Benatia. Gli unici indisponibili sono De Sciglio, che a causa di un problema al piede sinistro può definire la sua stagione conclusa, e Sturaro, che ha riportato un fastidio muscolare dopo la partita con il Crotone.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close