Calcio

Parma: dai fiducia al soldato Donadoni!

Parma: dai Fiducia al soldato Donadoni, se la merita:


il commissario tecnico del Parma Donadoni anche oggi esce sconfitto, perdendo in casa contro l’Empoli 2 a 0, si tratta della decima sconfitta in campionato per il Parma. Ovviamente le colpe non sono del tecnico ma dell’intera società e squadra, perché a pagare non devono essere sempre gli allenatori, troppo facile, tutti escono sconfitti dal campo. A pagare dovrebbe essere soprattutto la dirigenza, soprattutto i giocatori. Società che si trova in cattive acque finanziarie e i giocatori scendono in campo con una motivazione pari allo zero per via del mancato pagamento degli stipendi. Si dice che la vendita dell’intero pacchetto di maggioranza sarà prossimo alla conclusione, ma ormai non si può più aspettare, la città di Parma non vuole una retrocessione per via di questa situazione che è diventata ingestibile.

Parma: dai Fiducia al soldato Donadoni – in questa foto Roberto Donadoni

Prima l’esclusione dall’Europa con successivo sfogo di Ghirardi che annuncia la vendita della società. Stessa società che doveva essere venduta in questo mese ma poi i tempi sono slittati e quindi anche i pagamenti degli stipendi che ora i giocatori reclamano.

Come la prenderà una testa calda come Cassano?

Il talento di Bari vecchia sembra tranquillo, non esterna lamentele ecc… anche se tra i corridoi di Parma si vocifera di un suo incontro con il presidente Ferrero per un ritorno nella sua amata Sampdoria. Per ora non ci sono conferme in merito, quindi solo il mercato di riparazione ci potrà dire quale sarà il futuro di Antonio Cassano.

Donadoni si trova anche senza alcune pedine importanti del proprio scacchiera, soprattutto quel Biabiany che era sembrato fondamentale per il gioco dell’allenatore di Cisano Bergamasco. Lo sfortunato francese ha avuto un problema al cuore e ora speriamo tutti che riuscirà a risolverlo e correre nuovamente come una saetta come sempre.

Un sesto e un settimo posto come allenatore non si buttano, la programmazione e la crescita è stata giusta, c’è stato questo problema ai vertici societari ma speriamo che si risolleverà tutto per il meglio.

Ale Wonder

Salve a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e sono il fondatore/CEO di questo web magazine. Mi occupo di digital marketing, web-social & music, seo & music manager. Sono appassionato di cinema, buon cibo, storia, natura, Fiorentina ed arte in generale. Sono critico ma razionale. ;D un saluto...Ale!

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close