Tech

Ecco le storie di persone uccise dai loro ideali. Morte per quello che credevano. Al primo posto il caso Charlie Hebdo.

Molti di loro sono morti ma non saranno mai dimenticati…

Ecco 10 storie di persone uccise dalla loro arte:


1 Il personale del magazine Charlie Hebdo è stato ucciso per le rappresentazioni del profeta Maometto.

Nel gennaio del 2015, 12 persone sono state uccise da estremisti islamici negli uffici di Charlie Hebdo, il settimanale satirico francese, che ha guadagnato notorietà per aver ripetutamente pubblicato delle caricature del profeta Maometto.

Tra i dodici assassinati c’erano il redattore capo Stephane Charbonnier, detto Charb, ed i vignettisti Cabu (Jean Cabu), Tignous (Bernard ‘Tignous’ Verlhac) e Wolinski (George Wolinski). Sono stati uccisi in un attacco a sorpresa, quando gli uomini armati sono entrati gridando “Allahu akbar” (“Dio è grande”) e “il Profeta è vendicato” ed hanno preso d’assalto la sede del giornale.

Il giorno dopo l’attacco, il restante personale di Charlie Hebdo ha annunciato che la pubblicazione del magazine in futuro non sarebbe stata compromessa. Nel giro di pochi giorni, il lavoro è stato ripreso sul prossimo numero, ed ecco in edicola il 14 gennaio 2015 il nuovo numero della rivista. La copertina, che ha fatto ormai il giro di internet, mostra Maometto che tiene la scritta “Je suis Charlie”. Sopra il cartone animato ci sono le parole “tutto è perdonato.”

Lo slogan “Je suis Charlie” (“Io sono Charlie”) è stato ampiamente utilizzato in seguito all’attacco sulla rivista, la gente di tutto il mondo ha cercato di mostrare ampio sostegno riguardo alla vicenda.

2 Il conduttore radiofonico di talk show Alan Berg assassinato da un gruppo nazionalista.

L’ebreo Alan Berg ha guadagnato parecchi punti in fatto di notorietà nei primi anni ’80 attraverso la talk radio, dove le sue idee liberali mescolate da una persona combattiva quale era si facevano sentire. Purtroppo per lui ha acceso la rabbia del The Order, un gruppo scissionista del movimento nazionalista Aryan Nation.

The Order, formato da nove uomini che si sono incontrati in una casa colonica di Washington-DC nel 1983, è stato fondato per proclamare la separazione delle razze e l’annientamento degli ebrei. Berg era parte della loro lista nera (insieme al produttore TV Norman Lear, un giudice federale del Kansas e Morris Dees, uno dei fondatori del Southern Poverty Law Center), non solo perché era ebreo, ma anche perché li ridicolizzava quando andava in onda.

Durante uno dei suoi ultimi spettacoli, Berg ha sfidato i membri del movimento Christian Identity, questi credevano che gli ebrei discendevano da Satana.

Nel 1984, a 50 anni, Berg è stato ucciso per mezzo di un arma da fuoco automatica mentre tornava a casa da una cena con la sua ex-moglie, Judith Lee Berg. Quattro membri dell’Ordine sono stati incriminati per l’uccisione, ma solo due sono stati condannati – Bruce Pierce e il presunto conducente durante la fuga David Lane. (Lane è morto in carcere nel 2007. Pierce continua a scontare la sua pena di 252 anni in una prigione federale in Pennsylvania.)

Anche se Berg avesse saputo quanto fosse pericoloso il popolo di identità cristiana, non avrebbe cancellato o modificato la sua icona per loro.

“Era una persona che ha corso dei grossi rischi per mantenere inalterate le sue idee”(Source)

3 Il pittore Caravaggio avvelenato dai suoi colori

Michelangelo Merisi, noto anche come Caravaggio, si è fatto conoscere nella sua breve vita. Il pittore italiano barocco, noto per il suo stile di vita caotico (che comprendeva risse continue, prostitute, e persino omicidi), potrebbe essere stato avvelenato dalla vernice al piombo.

Caravaggio è morto nel 1610, e la sua morte è stata avvolta nel mistero fino al 2010, quando un documento è stato portato alla luce e suggerisce che il pittore fu sepolto nel piccolo cimitero di San Sebastiano a Porto Ercole, Italia.

Un team archeologico è sceso sul cimitero e ha portato alla luce un insieme di ossa che probabilmente appartenevano al pittore. Grazie alla datazione al carbonio e ai controlli del DNA, gli scienziati sono sicuri all’85 percento che i resti sono quelli di Caravaggio. Le ossa di Caravaggio contengono livelli di piombo abbastanza alti.

Silvano Vinceti – il ricercatore ha detto, “Il piombo probabilmente è arrivato dalle sue pitture. Era conosciuto per essere estremamente disordinato e ma il piombo non ti uccide  -.. Crediamo che fu infettato in seguito a ferite ed eccessivi colpi di sole – ma il piombo è stata una delle cause che lo hanno portato alla morte”.

4 Il regista olandese Theo Van Gogh assassinato dopo aver mostrato il suo film in televisione

Nel 2004, il regista Theo Van Gogh (pronipote del famoso pittore olandese Vincent Van Gogh), è stato ucciso da un estremista islamico dopo che il suo film Submission è stato mostrato nella televisione olandese.

Il film racconta la storia di una donna musulmana a cui era stato imposto un matrimonio combinato, e successivamente abusata dal marito e da suo zio.

Il liberale politico olandese Ayaan Hirsi Ali, un rifugiato somalo che è fuggito un matrimonio combinato, ha contribuito al film. Ha anche ricevuto minacce di morte e da allora ha rinunciato alla fede islamica.

Van Gogh è stato attaccato mentre stava in bicicletta da un uomo vestito con una djellaba marocchina tradizionale. Mohammed Bouyeri, 26 anni, ha accoltellato e colpito il regista. Le autorità hanno affermato che Bouyeri, un cittadino olandese-marocchino, aveva legami terroristici con l’olandese islamista Hofstad Network. Egli è stato accusato di tentato omicidio di diversi agenti di polizia, possesso illegale di arma da fuoco e concorso in altri omicidi. Il 26 luglio 2005 è stato condannato al carcere a vita senza possibilità di libertà condizionale.

5 Lenny Bruce, il comico martire che ha lottato per la libertà di parola.

Nel 1960, Lenny Bruce ha rivoluzionato la stand-up comedy, lasciando un impronta stabile sulla forma d’arte che dura fino ad oggi. Negli ultimi anni, però, si trovò nella lista nera di quasi tutti i club del paese in seguito alla sua accusa nel 1964 (e continui arresti) per oscenità. La sua carriera fu distrutta dalle sue battaglie con la giustizia degli Stati Uniti, ha alienato quel che restava del suo pubblico semplicemente leggendo le trascrizioni delle battaglie legali sulla libertà di espressione per la quale era diventato ossessionato.

Bruce può sembrare addomesticato per gli standard odierni, ma in realtà è stato il primo del suo genere. Il comico australiano Brendon Burns ha detto: “Senza Lenny Bruce molti di noi non sarebbero in grado di fare quello che facciamo oggi. È stato un pioniere del genere, però non è stato educato a parlare. “Il materiale provocatorio di Bruce, l’uso frequente di imprecazioni e altro lo hanno reso una star, ma lo hanno messo sul radar delle autorità, che lo arrestavano più volte.

Nel mese di agosto del 1966 Bruce è stato trovato morto nel bagno della sua casa di Los Angeles, vittima di una overdose di droga. Il suo declino professionale e la morte prematura lo hanno portato ad essere divinizzato come un martire della libertà di parola.

Nel 2003, il governatore di New York George Pataki ha graziato Bruce, 39 anni dopo la sua condanna, per oscenità in una discoteca del Greenwich Village. Pataki ha detto che il perdono è ”una dichiarazione di impegno della città di New York in grado di sostenere il Primo Emendamento. ”

6 L’attore Lon Chaney, la cui scomparsa è stata affrettata dalla neve artificiale

Lon Chaney, la prima stella del vero genere horror, era conosciuto come “L’uomo dai mille volti”. Ha avuto un inizio umile come figlio di sordomuti, anni di dura lotta seguiti da fama e successo, e poi, al culmine di tutto, la malattia e la morte.

Per Chaney, l’arte della recitazione era l’arte di una continua trasformazione. Egli fu il primo del suo genere, un attore superstar con una straordinaria conoscenza del trucco che gli ha permesso di immergersi in vari personaggi. I suoi ruoli variavano molto, passava dall’essere un pirata, a un duro sergente marine, a un contadino russo durante la rivoluzione russa, a un acrobata da circo, a un ingegnere ferroviario, tipo in Oliver Twist (1922). Il suo dono fu oggetto di una barzelletta popolare dell’epoca: “Non calpestare quel ragno! Potrebbe essere Lon Chaney! “

Le lenti a contatto che ha usato per simulare la cecità lo hanno portato a dover indossare gli occhiali, e le varie piattaforme che usava per contorcere il suo corpo hanno colpito la sua spina dorsale.

Mentre stava partecipando alle riprese del film Thunder (1929), che parlava di una ferrovia situata nel nord-ovest in America, un pezzo di neve artificiale che gli fu depositato in gola gli causò una brutta infezione. Aveva le tonsille rimosse, ma la gola continuava ad infastidirlo. Nonostante questo, ha girato il suo primo film sonoro, Il trio infernale, nel 1930.

Quando le riprese furono complete, si recò a New York dove scoprì di avere il cancro ai polmoni. E’ stato poi colpito da una polmonite. Questa peggiorò rapidamente e lo portò alla morte il 6 agosto del 1930, all’età di 47 anni, come risultato di una emorragia alla gola.

7  L’artista di graffiti morto dopo essere stato inseguito dalla polizia

Aveva 21 anni l’artista di graffiti Delbert “Demz” Rodriguez, morto dopo essere stato investito da un’auto del detective Michael Cadavid nelle prime ore del mattino del 5 dicembre 2014.

La polizia sostenne che lui si nascose tra due auto parcheggiate e poi balzò in strada. Il detective non poteva evitare di colpirlo e successivamente il poliziotto fu devastato dal fatto.

Gli altri artisti, amici e familiari si sono chiesti perché un’unità sotto copertura era fuori alla ricerca di taggers durante quella settimana, quando centinaia di persone scendono sulla zona per dipingere nuovi murales su quasi ogni superficie libera.

8 Il mago leggendario Harry Houdini morto per un colpo allo stomaco.

Nato a Budapest, ma americano di razza Harry Houdini era definito con il termine “artista della fuga” agli inizi del 1900. Una volta aveva proclamato: “Nessun carcere mi può contenere, nessuna mano o gamba, ferri o blocchi d’acciaio mi possono incatenare, nessuna fune o catena mi possono trattenere dalla mia libertà.”.

Mentre questo poteva essere effettivamente vero, un semplice pugno dato da uno studente che studiava al college ha posto fine alla vita di Houdini.

Houdini era orgoglioso del suo fisico e spesso sfidava la gente a pugni e questi lo dovevano picchiare con tutta la loro forza nell’addome, sostenendo che con il tempo sufficiente a rinforzare se stesso, avrebbe potuto resistere a qualsiasi colpo.

Nel mese di ottobre del 1926, Houdini era rilassato nel suo camerino a Montreal quando fu interrotto da due studenti universitari della McGill University. Uno degli studenti, J. Gordon Whitehead, chiese ad Harry se poteva davvero sopportare qualsiasi colpo allo stomaco, come il mago aveva precedentemente proclamato. Houdini disse al ragazzo che poteva farlo e lo sfidò a colpire, ma prima di riuscire a prepararsi, lo studente colpì Houdini quattro volte nell’addome, pensando che Houdini lo avesse rinforzato.

Più tardi, Houdini ebbe un grande dolore fisico. Il dolore non si è fermato e continuò nel corso dei giorni successivi, ma lui non ha cercato un aiuto medico. Quando si è fatto finalmente vedere da un medico, gli è stato detto che aveva la febbre e soffriva di appendicite acuta e gli è stato consigliato un intervento chirurgico immediato. Ha rifiutato e ha deciso di completare il suo show previsto quella notte.

Entro la metà del terzo atto, il sipario si chiude e lui crolla stremato. Ha continuato a rifiutare le cure mediche fino alla mattina successiva, quando la moglie ha insistito per andare in ospedale.

Houdini è stato operato, ma la sua appendice era già distrutta. Il 31 ottobre del 1926, accanto alla moglie e il fratello, Harry Houdini morì.

9 L’uomo le cui canzoni patriotiche lo portarono alla morte in un campo di concentramento nazista

Karel Hašler era un cantautore ceco, attore, regista e scrittore. Ha iniziato la sua carriera in teatro e nel cinema muto. Quando i talkie divennero la norma nel 1930, ha cantato le sue composizioni in musical filmati.

Le canzoni patriottiche di Hasler criticarono il regime nazista e crearono un odio anti-tedesco tra i cechi. Nel 1932, è comparso nel film Písničkář (Balladeer), ed ha eseguito Svoboda (Libertà) e Ta naše písnička Česká. Queste canzoni, tra le altre, lo hanno messo sul radar dei nazisti. Nel 1941, un collega lo ha consegnato alla Gestapo e il 62 enne è stato arrestato e messo a morire nel campo di concentramento di Mauthausen. Si ritiene che le SS versarono acqua ghiacciata su Hašler e lo lasciarono fuori nel mese di dicembre a congelare come una statua di ghiaccio.

Ta naše písnička česká divenne l’inno ufficioso del popolo ceco (dopo che i nazisti misero al bando l’inno nazionale del paese), ed è stato votato come uno dei dieci più grandi successi del 20° secolo in un sondaggio condotto da Radio Ceca nel 2000.

10 Gli scrittori giudei e gli intellettuali che sono stati giustiziati da Stalin

Il 12 agosto 1952, alcune importanti figure di ebrei sovietici (numerazione dal 13 al 24, a seconda della fonte) sono stati giustiziati in Lubyanka, il carcere per accuse inventate di spionaggio, nazionalismo borghese, “mancanza di vero spirito sovietico”, e di tradimento. Nel gruppo c’erano diversi scrittori giudei, i quali facevano parte del comitato antifascista ebraico.

Una volta che la seconda guerra mondiale finì e l’organizzazione non fu più utile ai suoi scopi, Stalin si rivoltò contro i suoi leader. Lui ha avuto la meglio e loro furono arrestati tra il 1948 e il 1949. Dopo il loro arresto, sono stati torturati, picchiati, e isolati per tre anni prima di essere formalmente accusati e costretti a mostrare le prove nel 1952.

In tribunale, non c’erano procuratori o avvocati per la difesa, ma semplicemente tre giudici militari. Incredibilmente, questo era in conformità con la legge sovietica dell’epoca.

Alcuni imputati hanno ammesso le loro colpe, altri si dichiararono parzialmente colpevoli e alcuni hanno confessato la loro innocenza. Gli imputati hanno risposto alle domande dei giudici, che non sono stati affatto legati al processo e sono stati portati semplicemente per curiosità.

Gli uomini hanno ricevuto “la misura più severa delle punizioni per i crimini commessi da loro congiuntamente: fucilazione, con tutti i loro beni da confiscare.” Il tribunale li ha spogliati delle loro medaglie e ha emesso una petizione per rimuovere gli encomi militari come l’Ordine di Lenin e altri.

Dopo l’esecuzione, non c’era un solo riferimento agli uomini sui giornali sovietici. Le famiglie degli imputati sono state accusate di “essere parenti dei traditori della patria” e esiliate verso la fine del 1952. Non conosceranno il destino dei loro familiari sino a novembre del 1955, quando il caso è stato riaperto.

Fonte
http://www.oddee.com/

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close