Tech

Le svastiche erano comuni anche prima di Hitler. Guarda le foto.

Dalla seconda guerra mondiale in poi, o comunque da quando il nazismo ha preso il potere in Germania, la svastica è stata strettamente legata al dittatore tedesco Adolf Hitler e alle atrocità del suo partito nazista. In questi giorni, è raro vedere una svastica raffigurata, anche perché forse è reato, ma prima dell’ascesa di Hitler, le svastiche erano comuni.

Prima di essere state inglobate dai nazisti, le svastiche erano considerate simboli di buona fortuna. Come tali, le marche popolari (come la Coca-Cola) e le squadre sportive hanno spesso usato questo simbolo per associarlo al loro brand. Quando scoppiò la guerra, questa svastica ha sicuramente creato qualche problema alle persone che la simboleggiavano.

Attualmente esiste un movimento pacifista che vorrebbe ripristinare il simbolo con il suo primo significato. Purtroppo però questo simbolo è legato alle atrocità commesse dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, quindi non sarà un facile compito ripristinarlo.

La svastica prima del Nazismo. Ecco chi usava questo simbolo prima della seconda guerra mondiale: 

1. La squadra di Hockey “The Windsor Swastikas”.

2. La svastica vintage usata dalla Coca Cola nel 1920s.

3. Dei bambini si vestivano così per Halloween.

4. Le svastiche di una squadra di Hockey di Edmonton, Canada, intorno al 1916.

5. Questa donna mostra i suoi stivali, ma lo stile delle piastrelle è più interessante e virale.

6. Membri della Red Swastika di Shanghai durante la Seconda Guerra Mondiale.

7. La squadra di basket del 1909 “Chilocco Indian Agricultural School”.

8. Lo stemma sul cappello e vestito di questa ragazza nel 1920.

9. Un’altra squadra femminile, queste sono le Edmonton Swastikas.

10. Swastika Laundry era una società di lavaggio con sede a Dublino, in Irlanda. Questa foto è stata presa nel 1912.

11. 1908 San Francisco YMCA, una squadra di basket, fa vedere le proprie svastiche.

 

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close