Calcio

Corrida allo Juventus Stadium, è di scena il derby della Mole.

 

Corrida allo Juventus Stadium, è di scena il derby della Mole.Oggi alle ore 18, appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di calcio. Il primo anticipo dell’undicesima giornata di serie A metterà di fronte Juventus e Torino, in una stracittadina dal sapore particolare. È dal 1993 che i granata non si presentano a questa sfida con dei punti di vantaggio rispetto ai bianconeri, in questo caso sono tre le lunghezze di distanza tra la squadra di Giampiero Ventura e quella di Max Allegri. Sarà una sfida tra due compagini che stanno vivendo un inizio di campionato ben differente.

La Juventus proviene dalla debacle del turno infrasettimanale contro il Sassuolo, per i bianconeri è stata la quarta sconfitta nelle prime dieci giornate di campionato, un record così negativo è da ricercare nella stagione 1987/1988 quando in panchina alla Vecchia Signora vi era Rino Marchesi e la Juve era orfana del suo talento Platini. Max Allegri nella conferenza stampa della vigilia è stato chiaro, da ora in avanti non saranno più ammesse battute d’arresto. Ha proseguito analizzando lo stato attuale dei suoi ragazzi e ha evidenziato che i bianconeri non riescono, numeri alla mano, a dare continuità ai loro risultati. La Juve era reduce da due buone prestazioni contro Inter e Atalanta e tutto lasciava presagire ad un ruolino di marcia invidiabile ed invece ecco la fragorosa caduta al “Mapei Stadium”, segno che qualcosa nella mentalità dei giocatori e nella gestione delle gare non va alla perfezione. Tra l’altro il tecnico livornese non si nasconde dietro un dito e accetta seppur a malincuore le pesanti critiche che provengono dall’esterno, ribadendo il concetto che nel calcio conta vincere e solo con i risultati positivi si riesce a rispondere nei confronti di chi punta il dito. In questi giorni di vigilia al derby con il Torino, anche i senatori della squadra si sono fatti sentire, Buffon senza tanti fronzoli ha affermato che a 38 anni non ci sta a prendere sberle in continuazione ed occorre immediatamente una svolta,  anche Evra non si è tirato indietro invitando tutti, soprattutto i nuovi arrivati ad onorare al massimo la gloriosa maglia della Juve per uscire in fretta da questo momento buio. C’è voglia di sovvertire il trand e di ridare lustro ad una squadra che naviga maledettamente nella parte destra della classifica.

In ottica formazione, Allegri dovrà fare a meno di Chiellini squalificato per un turno, oltre agli acciaccati Lichtsteiner, Pereyra e Asamoah. È tornato arruolabile Caceres, così come Marchisio reduce da un attacco influenzale che lo aveva messo ko per la trasferta di Reggio Emilia. Il tecnico livornese dovrebbe optare per un “4-4-2” con Buffon tra i pali, Padoin favorito su Caceres ed Evra ai lati e Bonucci con Barzagli centrali. A metà campo agiranno Cuadrado, Khedira , Marchisio e Pogba mentre in attacco spazio a Morata dal primo minuto con Dybala che dovrebbe insidiare Mandzukic per una maglia da titolare.

In casa Torino c’è grande entusiasmo e voglia di continuare a stupire considerando la posizione in classifica. I granata sono tre punti avanti i “cugini” bianconeri, un risultato su cui nessuno alla vigilia di questo campionato avrebbe scommesso. Il Toro è reduce dal pareggio beffardo contro il Genoa nel turno infrasettimanale e vorrà architettare un brutto scherzetto proprio nel giorno di Halloween alla Juventus. Ventura oltre ai lungodegenti Maksimovic, Farnerud, Jansson, Avelar, Obi e Gazzi dovrà fare a meno di Martinez che si è fermato durante l’allenamento di giovedì riportando un trauma contusivo al ginocchio sinistro. In ottica formazione i granata dovrebbero scendere in campo con il collaudato “3-5-2” con Padelli tra i pali, linea di difesa a tre con Moretti, Glik e Bovo, a centrocampo sulla fascia sinistra Bruno Peres torna titolare mentre nell’out di destra agirà uno dei tanti ex di questa sfida, Molinaro. La linea mediana sarà presidiata da Vives, Baselli e Acquah mentre in avanti Quagliarella torna dal primo minuto dopo la panchina nella gara contro il Genoa e al suo fianco ci sarà Maxi Lopez con Belotti ancora alla ricerca del primo goal stagionale pronto a subentrare a gara in corso.

Cresce l’attesa per un derby accesissimo, una sfida che racchiude in sé una forte carica di adrenalina con la voglia di riscatto di una Juve ferita dinnanzi ad un Toro sorprendente e mai domo. I bianconeri tra l’altro vorranno tornare a vincere nella stracittadina considerando che nella passata stagione, l’ultimo confronto nell’aprile scorso vide i granata imporsi con successo dopo ben vent’anni. Non resta che lasciare la parola al campo per vedere chi sorriderà al termine dei novanta minuti in una Torino in attesa di capire quale sarà la squadra leader in città.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close
Close