Calcio

Il Milan affronta il Torino per proseguire la scia verso il terzo posto.

Apre i battenti il ventisettesimo turno di serie A e stasera alle ore 20.45 a “San Siro” andrà in scena un match molto importante per il Milan intento a proseguire il cammino verso il terzo posto. La squadra di Mihajlovic se la vedrà contro il Torino, in una sfida che presenta mille motivi di interesse. Nella conferenza stampa della vigilia, il tecnico del “diavolo” ha affermato che il match contro i granata non sarà affatto da sottovalutare ma dovrà essere affrontato con il medesimo piglio e determinazione espresse nelle  ultime apparizioni. L’obiettivo terzo posto che vorrebbe dire preliminare di Champions League è il traguardo da raggiungere e per spronare i suoi uomini a conquistare questo ambito traguardo ci ha pensato nella giornata di ieri il presidente Silvio Berlusconi, che è atterrato con l’aereo privato sul terreno di gioco di Milanello, ha pranzato con la squadra e ha dato la carica ad un gruppo che sta disputando un girone di ritorno alquanto promettente. Il Milan ha conquistato quindici punti nelle prime sette giornate di questa seconda parte di stagione, migliorando di gran lunga rispetto al trend ottenuto a parità di gare nel girone d’andata, quando i punti conquistati furono solo nove. I rossoneri attualmente occupano il sesto posto e sono distanziati di otto punti dalla Fiorentina terza della classe. In ottica formazione, Sinisa Mihajlovic si affiderà all’ormai collaudato “4-4-2” con Donnarumma, fresco diciassettenne, tra i pali. In difesa tornerà dal primo minuto Romagnoli, completamente ristabilitosi dalla sindrome influenzale che ha accusato nella precedente settimana. Il numero tredici rossonero farà coppia centrale con Alex. Agli esterni agiranno Abate e Antonelli. A centrocampo oltre ad Honda, Bertolacci e Bonaventura, ci sarà il rientrante Kucka che sostituirà lo squalificato Montolivo. In attacco spazio al tandem delle meraviglie Bacca- Niang, con l’attaccante colombiano che vorrà aggiornare il bottino di reti personali, fermo a tredici centri, mentre Balotelli e Menez siederanno inizialmente in panchina.

In casa Torino, Giampiero Ventura, nella conferenza della vigilia ha motivato i suoi ragazzi. I granata, attualmente appaiati all’undicesimo posto, a quota trentadue, navigano in acque tranquille. Non ci sono assilli di classifica e nessuna particolare pressione ed è proprio per tale motivo che l’allenatore del Toro vorrebbe assistere ad una prestazione sbarazzina dei suoi, una gara che possa mettere in luce le qualità tecniche e personali di una squadra che annovera giovani interessanti per il futuro. Ventura ha ribadito che i granata, nelle prossime stagioni,  dovranno avere ben saldo l’obiettivo di stazionare principalmente sulla parte sinistra della classifica, per poi giocarsi tutte le chance per accedere in Europa. L’allenatore del Toro, ha poi aggiunto che da qui al termine del campionato, troveranno spazio quei calciatori come Jansson, Martinez e Gaston Silva che fino ad ora hanno giocato ad intermittenza. Ha parole d’elogio per Immobile che gradualmente sta ritrovando il ritmo partita, si aspetta prestazioni altisonanti da Belotti, attaccante dalle doti tecniche e fisiche sbalorditive e assicura che Bruno Peres dopo una stagione contraddittoria come quella precedente, sta riacquistando nuovamente una concentrazione tale per esprimersi al meglio. I granata scenderanno in campo con il “3-5-2” con Padelli in porta, linea di difesa a tre composta da Moretti, Glik e Maksimovic. A centrocampo si muoveranno sulle fasce Bruno Peres e Molinaro, mentre presidieranno la mediana Obi, Vives e Baselli. In avanti fiducia confermata al duo Immobile-Belotti.

Da una parte  il Milan, con la voglia di scalare posizioni per raggiungere quanto prima il terzo posto, dall’altra un Toro che andrà a “San Siro” per giocarsela a viso aperto e senza fare calcoli. Sono queste le premesse di un match che si preannuncia interessante e che sicuramente riserverà sorprese nell’arco dei novanta minuti.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close
Close