Calcio

Questa è Sparta…Praga. Lazio shock, perde 3 a ­0 in casa.

Lazio Sparta Praga 0 a ­3

Quasi 18mila spettatori assistono alla disfatta biancoceleste, contro una squadra spietata e cinica come quella ceca.

Tutto accade nel primo tempo con le tre reti di Dockal, Krejci e Julis, che non lasciano a scampo a Marchetti trafiggendolo e sentenziando la caduta dell’ultima squadra italiana che restava nelle competizioni europee.

La Lazio parte bene creando diverse palle gol, sembra la serata giusta per vincere, dopo soli quindici secondi si assiste alla prima occasione da rete creata da Candreva. Concretizzando il dominio territoriale dei biancocelesti, con i cechi visibilmente scossi dall’avvio straripante degli avversari. Dopo dodici minuti di gioco però, è lo Sparta Praga a condurre la partita per 2­0 con le reti di Dockal e di Krejci, rapidi nelle ripartenze. La rimonta resta possibile, bastano tre gol alla Lazio per passare e nel frattempo cresce d’intesità, i cechi concedono sempre spazi a Candreva e a Keita. Non riuscendo a riaprire la partita, la Lazio si fa affondare dalla corazzata guidata da Scasny che al 44′ chiude i giochi con il gol di Julis. Nel secondo tempo i biancocelesti non riescono a capitalizzare le occasioni avute, Pioli non dà la scossa ai suoi che così escono di scena a tessa bassa, sono troppe le tre reti in casa contro una squadra di pari livello.

Sarebbe bastata più attenzione in difesa, e maggior fortuna in avanti, ma così non è stato. La Lazio perde la partita e saluta l’unico obiettivo stagionale; l’Europa League poteva essere la sua ancora di salvezza per una stagione che non sembra essere decollata, l’ottavo posto non è accettabile visto un campionato così aperto, resta l’amarezza di tutta Italia costretta a vedere le proprie squadre uscire di scena dal’Europa che in passato le vedeva protagoniste.

Tags

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close
Close