Calcio

Il Real Madrid vince El Clasico 2016. 5 lezioni dalla partita.

5 lezioni dal Clasico 2016
L’omaggio a Johan Cruyff da parte dei sostenitori del Barcellona durante El Clasico del 2016 vinto dal Real Madrid per 2 a 1.

Benzema e Ronaldo piegano il Barca e riaprono la Liga spagnola. Ma da questo classico spagnolo abbiamo imparato 5 cose che vi illustrerò qui di seguito:

1. Il Barcellona è battibile

Sono trascorsi sei mesi e ci sono volute 40 partite per far ottenere al Barca una sconfitta, ma le loro debolezze difensive sono venute a galla di fronte al ritmo intenso ed alle ripartenze veloci del Real Madrid, che nell’ultima mezz’ora poteva benissimo realizzare 5 goal.

2. Ronaldo ha messo in silenzio i dubbiosi

Cristiano Ronaldo ha esteso il suo vantaggio come capocannoniere della Liga con il suo gol numero 43° della stagione ed ha fatto tacere i critici che insinuavano che non fosse mai decisivo nelle partite che contano. Il portoghese ha mostrato notevole tecnica quando ha fintato il movimento per poi con uno stop dribblare il difensore e poi appoggiare in rete di piatto per il suo 16° gol contro il Barça.

3. La stanchezza potrebbe farsi sentire nelle prossime partite

Non è un caso che Lionel Messi, Luis Suarez e Neymar sono tornati solo pochi giorni fa dal Sud America per le partite di qualificazione della Coppa del Mondo per i loro rispettivi paesi. La differenza tra il dominio del Barça prima della pausa e la potenza fisica del Real Madrid si è fatta sentire nel secondo tempo. Il Barça ha già giocato 13 partite in più del Real Madrid in questa stagione e queste partite dopo un po’ iniziano a farsi sentire. Vedremo se i blaugrana riusciranno a vincere la Liga e poi la UEFA Champions League.

4. Zidane dimostra che da allenatore ci sa fare

In una notte in cui Barca ha reso omaggio all’uomo che ha invitato uno stile di gioco che propongono oggi dalle giovanili alla prima squadra (Johan Cruyff), Zinedine Zidane ha mostrato al mondo del calcio che se le cava anche come tecnico. Quelli del Real Madrid erano imbarazzati dopo il 4-0 subito dal Barça all’inizio della stagione, ma Zidane questa volta ha sistemato tatticamente la squadra ed ha preso la decisione coraggiosa di lasciare James Rodriguez e Isco in panchina per far giocare Casemiro a centrocampo, rendendo così più equilibrata la squadra. Inoltre, la sua decisione di attaccare la profondità ha avuto i suoi frutti in entrambi i goal del Madrid.

5. Le responsabilità di Sergio Ramos

Zidane potrebbe prendere un’altra grande decisione in questa stagione, e cioè l’esclusione del capitano Sergio Ramos, che è stato espulso per la sua seconda partita di campionato consecutiva e la 21° volta nella sua carriera. A dire il vero dopo l’espulsione il Real Madrid ha segnato ma Sergio Ramos ha lasciato ancora una volta la sua squadra in 10 rischiando di compromettere il risultato finale. Attenzione all’impiego di Raphael Varane, che sembra più in forma e potrebbe giocare con Pepe in difesa.

Prima del El Clasico di Sabato sera, i tifosi del Barcellona hanno fatto una bellissima coreografia composta da 90.000 figure per ricordare il grande Johan Cruyff. ‘Grazie Johan’, dice la coreografia che omaggia Johan Cruyff, morto di cancro ai polmoni all’età di 68 anni, il 24 marzo.

Johansson, Jordi Cruyff, figlio di Johan e che ha giocato per il Barça tra il 1994 e il 1996, è stato presente durante la partita ed ha ricevuto tanti omaggi che ricordano il padre. 

Tags

Ale Wonder

Salve a tutti, mi chiamo Alessandro Aru e sono il fondatore/CEO di questo web magazine. Mi occupo di digital marketing, web-social & music, seo & music manager. Sono appassionato di cinema, buon cibo, storia, natura, Fiorentina ed arte in generale. Sono critico ma razionale. ;D un saluto...Ale!

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close
Close