CinemaGossip

Un attore dei ‘Power Rangers’ è stato condannato a 6 anni di carcere per aver ucciso un compagno di stanza con la spada da samurai.

Qui non si parla di megatron o altri super poteri, perché siamo nella vita reale, e forse Ricardo Medina non era consapevole di questo, dato che è stato condannato dopo aver confessato un omicidio volontario.

Medina ha interpretato il Red/Lion Ranger nella serie televisiva Power Rangers Wild Force dal 2002 al 2003. Ha inizialmente sostenuto di aver ucciso Josh Sutter per auto-difesa, ma in seguito si è dichiarato colpevole di omicidio volontario.

Secondo TMZ, Medina è apparso in tribunale Giovedi (30 marzo), giorno in cui gli è stata attribuita la pena di sei anni di reclusione. Se fosse stato accusato di omicidio, avrebbe potuto essere imprigionato per 26 anni della sua vita.

Come riportato in precedenza, il fatto è avvenuto nel mese di gennaio 2015 e presumibilmente iniziato con una discussione tra Sutter, Medina e la fidanzata di Medina che aveva parcheggiato la sua auto. Quando i toni si sono riscaldati, Sutter è arrivato nella camera da letto di Medina, dove Medina lo avrebbe pugnalato più volte con una spada da samurai che teneva vicino alla porta.

Nel corso di un’udienza preliminare nel mese di ottobre dello scorso anno, i pubblici ministeri hanno fatto ascoltare la chiamata al 911 di Medina a seguito dell’incidente, in cui dice: “Dannazione, Josh, perché hai fatto questo, perché mi fai fare questo?”

Il suo avvocato ha detto riguardo al patteggiamento: “E’ stata un’offerta ottima per lui. E’ mitigato il rischio di ottenere una condanna a vita.”

Così come il ruolo nella serie Power Rangers Wild Force, Medina ha interpretato anche il personaggio di Deker in Power Rangers Samurai. Ha fatto anche dei cammei in ER e CSI: Miami.

Power Rangers è tornato al cinema con un film interpretato da Bryan Cranston, Elizabeth Banks e Bill Hader. Guarda il suo trailer qui.

Wonder Channel Redazione

Siamo la redazione del magazine Wonder Channel, stacanovisti per passione. Siamo gli editori del magazine.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close