Serie Tv

Le migliori serie TV su Netflix

Tutto sulle 8 migliori serie su Netflix

Netflix e le serie sullo streaming service sono diventati proprio “a thing” (qualcosa di importante, diffuso) come direbbero gli inglesi. Ad oggi modo, il numero di users della videoteca online sta gradualmente crescendo sempre più. Netflix non offre solo un servizio di streaming ma ha insegnato agli spettatori ad amare i teleromanzi considerati l’emblema della compagnia stessa. Ecco, quindi, le 7 serie da non perdere assolutamente su Netflix.

8- Narcos

Narcos é una di quelle serie imperdibili per i Netflix users di tutto il mondo. Il telefilm é diviso in tre stagioni e tratta del narcotraffico colombiano. Le prime due tranche sono principalmente incentrate sulla vita del famosissimo gangster e trafficante di cocaina Pablo Escobar. Il programma parte dal debutto di Pablo nel mondo della droga mostrando poi il declino e la morte professionale e personale del criminale.

La terza stagione continua con la storia del Cartel de Cali (ovvero il cartello di Cali). Tale organizzazione, gestita da Gilberto e Miguel Rodríguez Orejuela durante gli anni ’70, viene considerata molto più fruttuosa del cartello di Medellin (gestito ai tempi da Pablo Escobar stesso). Nonostante le imprecisioni segnalate dal figlio del grande Lord della cocaina, Narcos rimane una delle crime series più entusiasmanti e travolgenti della storia.

7- Black Mirror

Se state cercando una serie disturbante, misteriosa ma coinvolgente date un’occhiata a Black Mirror. Il telefilm può essere considerato estremante intelligente, profondo ricco di suspence ma anche fortemente satirico. Il teleromanzo mostra una società quasi futuristica riflettendo gli aspetti negativi del mondo contemporaneo.

Dalla gratificazione dei like nei social networks al cyberbullismo al comportamento delle masse in periodo di elezioni, Black Mirror mostra una spaventosa ma vera faccia dell’umanità. Ogni episodio del programma lascia una profonda riflessione nell’animo dello spettatore che assiste alle scene quasi con perplessità.

6- The Crown

La storia dei reali inglesi non smette mai di intrattenere il pubblico. Uscita nel novembre 2016, la serie The Crown racconta la storia privata della famiglia Windsor affrontandola dal punto di vista della Regina Elisabetta II. Partendo dal 1947 il programma descrive la triste dipartita di Re Giorgio il quale lascia spazio a una giovane ed inesperta Elisabetta che passo dopo passo dimostrerà il proprio valore al popolo britannico. The Crown é un astuto drama storico creato da Peter Morgan.

La serie é splendida sia da un punto di vista visuale che per la storia stessa.

Di fatto, grazie alla performance nel telefilm, Claire Foy ha vinto un Golden Globe per l’interpretazione impeccabile della Regina Elisabetta II. Inoltre, la seconda stagione del programma uscirà l’8 dicembre. Dunque, se siete fanatici delle storie drammatiche non perdetevi questa serie!

5- Stranger Things

Se non siete ancora familiari con il nuovo fenomeno cult Stranger Things, é ora che vi prendiate un paio di giorni di ferie per tornar sul pezzo. La serie é ambientata in una piccola città americana durante gli anni ’80. Un gruppo di ragazzini che amano giocare a Dungeons and Dragons si ritrova ad affrontare una realtà incredibilmente mostruosa.

Di fatto, la sparizione di uno dei membri principali della combriccola di amici svela una verità surreale e illogica per gli adulti. Solo l’immaginazione di un bambino potrà aiutare a scoprire il mistero offuscato da una realtà ordinaria.

4- The OA

Ecco la serie amata da tutti ma compresa da pochi. Creata da Britt Marling, The OA si concentra sul personaggio principale Prairie Johnson, una ragazza cieca che recupera la vista dopo essere scomparsa per diversi anni.

Come Stranger Things, The OA potrebbe essere considerato un pezzo d’arte esistenziale. Nonostante a volte possa risultare disorientante, il programma ha una storia profonda e convincente.

Se siete dei fan di Stranger Things non potrete sicuramente perdere questo capolavoro di serie!

3- Breaking Bad

Se avete Netflix e amate I Thriller con un pizzico di Black Humour é probabile che abbiate visto questo show iconico. Walter White, un professore di chimica del liceo, vive una vita ordinaria e poco soddisfacente quando gli viene diagnosticato un cancro polmonare terminale.

Rendendosi conto di non poter provvedere al benessere economico della propria famiglia, Walter decide di utilizzare le proprie conoscenze della chimica per aprire un laborato che produce meth. La serie racconta, dunque, le varie ironiche peripezie di un uomo che, nella disperazione, decide di darsi alla criminalità.

2- 13 Reasons Why

Ispirato dal bestseller della scrittrice Jay Asher, 13 Reasons Why è la tragica e agghiacciante storia di un suicidio. La ormai defunta Hannah Baker ha lasciato 13 casette per i suoi compagni di scuola. Queste registrazioni divise in capitoli raccontano i 13 motivi per cui la ragazza ha preso questa disperata decisione. Ogni cassetta é incentrata su una persona che ha contribuito a spingere Hanna nel baratro della depressione.

Il  profondo ma terrificante contenuto della serie é stato estremamente criticato, ed ora, gli episodi vengono anticipati da un ammonimento grafico. Ad ogni modo, il racconto straziante ma appassionato merita un elogio. Dunque se siete dei patiti di racconti infelici e tormentosi, e avete il coraggio di fare i conti con temi estremamente profondi e delicati, ecco la serie per voi!

1- Dear White People

Se, scorrendo nel Browse, avete scartato la copertina di questa serie pensando che fosse la solita storia incentrata su i medesimi banali stereotipi triti e ritriti, vi siete sbagliati di grosso.

Basato sull’omonimo film, Dear White People é una commedia americana che fa parte della costellazione dei Netflix-original. La storia é stata influenzata da avvenimenti realmente accaduti nelle università statunitensi. Il programma tratta delle differenze e ingiustizie sociali e culturali che i giovani si ritrovano ad affrontare.

Ogni episodio si incentra sul punto di vista di un diverso personaggio della storia, dando quindi un’aperta visione di determinati temi come il razzismo e le discriminazioni. Il programma analizza uno spaccato sociale con un realismo strabiliante aprendo dunque la mente dell’ascoltatore. Insomma, che dire, Dear White People é un must!!

 

Irene Chiaia

Ciao a tutti carissimi wonder fans sono Irene e ho 21 anni. I due difetti che mi contraddistinguono sono la caparbietà e la curiosità, infatti sono molto ostinata in tutto ciò che faccio e sono sempre alla ricerca di nuove esperienze ed emozioni. Nella vita di tutti i giorni sono un ingegnere del suono, un’artista una cantante e una regista radiofonica. Come potrete immaginare la musica é la mia vita!

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close