Social Media

Il vicepresidente di Facebook lascia il suo lavoro per un senso di colpa.

Chamath Palihapitiya ha deciso di lasciare il social network di Mark Zuckerberg.

Palihapitiya, ex vicepresidente di Facebook per la crescita degli utenti, ha detto di sentirsi “tremendamente in colpa” per aver creato degli strumenti che stanno “distruggendo il tessuto sociale”.

L’ex vicepresidente di Facebook, nel corso del suo intervento alla Graduate School of Business di Stanford, ha anche ammesso di utilizzare solo alcuni social media, addirittura proibendone l’accesso ai figli:

“Voi non ve ne accorgete, ma state subendo una programmazione. Ora, però, dovete decidere a quanta della vostra indipendenza intellettuale siete disposti a rinunciare. (…) I cicli di feedback a breve termine che abbiamo creato, guidati dalla dopamina, stanno distruggendo il modo in cui la società funziona, basato su “cuori, like e pollici all’insù”. Non c’è nessun discorso civile, nessuna cooperazione, ma disinformazione, menzogna (…)E non è un problema americano ma un problema globale

Palihapitiya entrò in Facebook nel 2007, per poi abbandonarlo qualche anno dopo, fondando a sua volta la Social Capital, nel 2011. Le sue paure sono giustificate, in quanto pensa che basterebbero pochi abili manipolatori guidati da cattive intenzioni a incidere sulla vita di ampie fasce della società, e gli utenti, da parte loro, sono troppo presi dalla creazione di una loro versione idealizzata da mettere in mostra sui social per rendersene contro.

“Dedichiamo le nostre vite a questo percepito senso di perfezione, perché veniamo ricompensati con questi segnali a breve termine – cuori, mi piace, pollici insù – dando loro anche valore e importanza, confondendoli con la verità. E invece la loro realtà è falsa, fragile popolarità a breve termine che vi lascia – ammettetelo – ancora più vuoti di prima, perché poi vi inserisce in questo circolo vizioso in cui vi chiedete in continuazione “Ne ho ancora bisogno, qual è la prossima mossa?”

Serena Costantino

Serena di nome e di fatto? Ci provo... Grande sognatrice, chi mi conosce lo sa; sono attratta da tutto ciò che supera il limite della superficialità. Vivo di musica da quando avevo 7 anni, alternandomi tra pianoforte e canto (ma se potessi suonerei tutti gli strumenti), studio lingue, amo leggere, scrivere, il cinema, la famiglia, la cucina e tanto tanto altro!

Ti Potrebbe Interessare

Commenta L'Articolo

Close