Juventus: è ora dello scudetto numero 5 consecutivo.

Juventus 5 scudetto consecutivo

Il quinto tricolore consecutivo è sempre più nelle mani della Vecchia Signora.

La Juventus grazie al successo ottenuto ieri sera al cospetto della Lazio, con un convincente 3-0, consolida il primo posto, sale a quota ottantadue e mantiene la distanza di nove punti dal Napoli diretta inseguitrice. A questo punto è scattato il count-down per decretare quale sarà l’occasione giusta per festeggiare il trentaduesimo scudetto in casa bianconera. Domenica, in caso di vittoria al “Franchi” contro la Fiorentina, occorrerà attendere la giornata di lunedì 25 aprile quando si disputerà Roma-Napoli e sperare che i partenopei non ottengano i tre punti in palio, oppure il tutto potrebbe essere rinviato a domenica 1 maggio, quando ad ora di pranzo la Juventus affronterà il Carpi, sfida che molto presumibilmente potrebbe decretare il trionfo della banda di Allegri. Nel frattempo, tralasciando calcoli e probabilità, la Vecchia Signora ha inanellato il ventiquattresimo risultato utile consecutivo, conquistando la ventitreesima vittoria nelle ultime ventiquattro partite e ottenendo settanta punti sui settantadue in palio. Cifre sbalorditive che incoronano la Juventus come regina del campionato. Nel match contro la Lazio, è chiaro e palese il gap tra le due compagini. I bianconeri creano svariate occasioni da rete, soprattutto nel primo tempo dove l’estremo difensore avversario Marchetti si rende protagonista di interventi superlativi per cercare di far rimanere inviolata la porta biancoceleste. Il forcing juventino trova sbocco solamente al 39’ quando all’interno dell’area, Pogba sforna un assist per Mandzukic che a pochi passi dalla linea di porta,insacca in rete. Esplosione di gioia allo “Juventus Stadium” e per il croato felicità immensa per il nono centro in campionato.

Nella ripresa il leit-motiv è sempre lo stesso: bianconeri che attaccano con insistenza e biancocelesti che cercano invano delle ripartenze in contropiede, tentando di concedere il meno possibile in fase difensiva. A ridurre le chance per la Lazio di riagguantare le sorti del match, ci si mette Patric che viene espulso al 48’ per somma di ammonizioni, a seguito di un intervento falloso su Dybala. Per il direttore di gara Mazzoleni non ci sono dubbi ed estrae il secondo giallo per il  difensore proveniente dalla “cantera” del Barcellona. A questo punto, la sfida prende i connotati di un tiro al bersaglio e la Juventus trova il raddoppio al 52’ su calcio di rigore. Mazzoleni ravvisa una trattenuta in area di Gentiletti su Bonucci. L’arbitro decreta il penalty e dagli undici metri si presenta Dybala che con freddezza e precisione supera Marchetti. Raddoppio della Vecchia Signora e la “Joya” interrompe un digiuno in zona goal che durava dallo scorso 11 marzo. La Juventus trova il tris al 64’ quando Mandzukic avvia un’azione in contropiede innescando Khedira, il centrocampista tedesco entra in area ed appoggia al centro per Dybala che da vero attaccante con spiccato fiuto del goal non si lascia intimorire e mette a segno la sua doppietta personale. Sedicesima realizzazione in campionato per la “Joya” che in questa stagione ha avuto nella Lazio una delle sue vittime preferite, considerando che in quattro incontri tra Supercoppa Italiana, campionato e Coppa Italia ha messo a segno quattro centri. Al triplice fischio finale, lo “Juventus Stadium” è festante, oramai la conquista del tricolore è davvero ad un passo.

Ai microfoni dei giornalisti, il tecnico Massimiliano Allegri continua a smorzare i facili entusiasmi. Afferma che  si è vicini alla meta ma non la si è ancora conquistata. Occorrerà mantenere alta l’attenzione e la concentrazione. Domenica a Firenze sarà vietato fallire l’appuntamento con la vittoria perché a suo dire, il Napoli difficilmente perderà una delle restanti quattro partite. Secondo il tecnico livornese la quota per conquistare lo scudetto è fissata ad ottantasei punti, ragion per cui i bianconeri dovranno migliorarsi, non accontentarsi e proseguire con voglia famelica questo percorso da veri leader in campionato. La Vecchia Signora sorride e prepara il vestito buono da indossare per la cerimonia finale.

Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close