È arrivato il trailer di “Creed II” e ci anticipa un film duro sul rapporto tra padri e figli

Il film, diretto da Steven Caple Jr. E interpretato da Sylvester Stallone e Michael B. Jordan arriverà nelle nostre sale il 29 Novembre

L’estate é ufficialmente arrivata, e assieme a lei, arrivano le prime anticipazioni della nuova stagione cinematografica in arrivo. Tra tutte, sicuramente una delle più attese, é il trailer di “Creed II”, secondo capitolo dedicato al figlio di Apollo Creed, nonché ottavo film della saga di Rocky Balboa.

Tanto si è parlato di questo film nei mesi scorsi, tra passaggi di regia (da Stallone a Steven Caple Jr. passando da  Ryan Coogler) e illazioni, più o meno realistiche su trama e cast.

Ora che il quadro é completo, ci é permesso finalmente di dare un primo sguardo al nuovo “Creed”.

“Creed II” e l’eredità dei padri

Come ormai sappiamo  in questo capitolo, il giovane Adonis “Donnie” Creed (di nuovo interpretato da Micheal B. Jordan che somiglia sempre più a Carl Weathers/Apollo) si trova ad affrontare i fantasmi del passato che bussano alla sua porta con le sembianze di Viktor, il figlio di Ivan Drago (il pugile rumeno Florian Munteanu), divenuto pugile a sua volta.

Il giovane Creed decide allora di affrontare il rivale sovietico, proprio come fece il padre trent’anni prima, dando vita così, ad una sorta di estemporanea resa dei conti.

Il suo mentore, Rocky farà di tutto oer dissuaderlo, memore del dolore provato per la perdita dell’amico Apollo ma alla fine cederà all’insistenza di Donnie, che nel frattempo ha messo su famiglia con Bianca (Tessa Thompson) e che quindi ha molto da perdere.

Come già annunciato da Silvester Stallone stesso (e come ci ha sempre insegnato “Rocky”), anche in questi caso la boxe é una metafora della vita e con lei va di oari passo. Se per lo “Stallone italiano” la boxe rappresentava il riscatto, per Adonis racchiude il legame con il padre mai conosciuto. In questo capitolo, in maniera particolare, viene posto l’accento sul tipo di eredità, sportiva ma soprattutto morale, che i padri lasciano ai figli, e questo vale per i Creed come per i Drago.

Per cosa vale la pena di combattere? Cos’é che ti rende davvero un campione?

Un trailer “tosto”

La cosa che colpisce subito del trailer di “Creed” sono le immagini “sporche”, senza fronzoli, quasi cupe direi, rese ancora più dure dall’uso del pezzo rap che gli fa da sottofondo.

Da queste prime immagini evinciamo subito che Donnie ha continuato la sua carriera di pugile e che Bianca lo ha reso padre. Ma l’ombra di Apollo pesa ancora su di lui tant’é che lo vediamo fissare assorto un murales raffigurante il padre. Capiamo che deve affrontare un pericoloso avversario e Rocky tenta di dissuaderlo. Non ci viene mai detto che si tratta del figlio di Ivan Drago fino a quando, al termine del trailer scorgiamo qiesto pugile incappucciato, che voltandosi di spalle mostra il famigerato nome stampato sulla vestaglia.

Nel trailer vediamo brevemente Adonis allenarsi duramente e discutere sia con Bianca che con la madre Mary Anne (la sempre bellissima Phylicia Rashad), anche loro contrarie all’incontro.

Quale sarà la conclusione di questo incontro é impossibile dirlo e infinite sono le ipotesi che ognuno di noi, che eravamo “lì” trent’anni fa, quando Drago uccise Apollo, può divertirsi ad immaginare. Di sicuro la trama é molto molto interessante.

Nel cast, nemmeno a dirlo, tornerà Dolph Lundgren nei panni di Ivan Drago.

“Creed II” uscirà in Italia il 29 novembre mentre sarà nelle sale americane, il 21, giusto in tempo per il Thanksgiving.

 

Tags

Lisa Coraini

Ciao! Io sono Lisa, sono nata a Ferrara nel lontanissimo 1981. Sono la mamma sognatrice di due fanciulli e alla comunissima routine di commessa, contrappongo la straordinaria passione per il cinema: a 3 anni infatti, grazie ai miei nonni metto piede per la prima volta in una sala cinematografica e ne rimango letteralmente folgorata. Steven Spielberg diventa subito il mio regista prediletto. Amo scrivere, viaggiare (meta preferita: la verde Erin) e... La musica! Micheal Jackson, George Michael, Dire Straits e gli U2 sono gli artisti con i quali cresco, ma il mio grande amore sono sempre stati e sempre saranno i grandissimi Queen.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close