Il Torino espugna l’“Ezio Scida” sotto il segno del “gallo” Belotti.

Crotone Torino 0 2 doppietta Belotti
I giocatori del Torino esultano dopo aver battuto per 2 a 0 il Crotone con doppietta di Andrea Belotti, il gallo è il secondo partendo dalla sinistra. Credits: Torino FC

Il ruolino di marcia trionfale dei granata prosegue inarrestabile. Il Torino supera per 0-2 il Crotone e sale a quota ventidue punti, occupando il settimo gradino, in piena lotta per un posto in Europa.

La banda di Mihajlovic inanella il terzo risultato utile consecutivo e si gode un Andrea Belotti stratosferico, che con la doppietta messa a segno al cospetto dei pitagorici, si issa a dieci goal in campionato, balzando in testa alla classifica dei marcatori in compagnia di Dzeko e Icardi. Altro dato confortante, a favore dei piemontesi, è il numero di reti complessive realizzate, ossia ventinove, che collocano il Torino come il secondo attacco più prolifico del campionato, solamente la Roma è riuscita a far meglio con trenta goal all’attivo.

Per i calabresi, invece, è uno stop che brucia e che rallenta il percorso di crescita di una compagine che nelle ultime giornate stava dando segnali di risveglio in zona salvezza. I rossoblù occupano, attualmente, l’ultimo posto con soli cinque punti in cascina ed urge immediatamente un pronto riscatto per iniziare a scalare posizioni e intravedere la luce lontano da questo tunnel buio e angusto in cui si trovano coinvolti. Dopo un primo tempo in cui si sono resi maggiormente pericolosi  i padroni di casa rispetto ad un Torino che ha visto il trio delle meraviglie Ljajic, Belotti e Iago Falque  ben neutralizzato dalla retroguardia calabrese, nella ripresa, il leit-motiv della sfida cambia radicalmente. I granata si portano in vantaggio all’ 80’ con un assist in profondità di Ljajic per Belotti, il quale, seppur in posizione di offside non ravvisata dall’arbitro Celi, si defila sul versante di sinistra e lascia partire una conclusione che trafigge l’estremo difensore avversario Cordaz.

I pitagorici tentano di imbastire una reazione e vanno vicini al pareggio con un colpo di testa insidioso, dall’interno dell’area, da parte del neo entrato Simy. Ma all’89’sono ancora i granata a raddoppiare, con Boyè che porta a spasso l’intera difesa avversaria per poi appoggiare lateralmente per Belotti che scaraventa un bolide su cui Cordaz non può nulla. Doppietta per il “gallo”, decimo goal in campionato per lui e tre punti al Torino che profumano d’Europa. Al termine della gara, il tecnico serbo, Sinisa Mihajlovic, non si lascia trasportare da facili entusiasmi. A suo avviso, i granata hanno ampi margini di miglioramento. Secondo l’allenatore del Toro, l’approccio al match non è stato dei migliori, basti pensare che nella prima frazione di gioco in molti hanno reso ben al di sotto del loro standard generale.

Poi, nella ripresa, c’è stata la svolta, con i suoi ragazzi che sono scesi in campo con tutt’altro piglio e mordente ed hanno conquistato una vittoria sensazionale, affatto facile e scontata e che avrà ancor più lustro se verrà dato seguito a tutto ciò, a partire da sabato prossimo, quando nell’anticipo delle ore 18, i granata affronteranno il Chievo, in una gara da non fallire per proseguire su questo trend assolutamente positivo. In merito a Belotti, Mihajlovic dichiara di non averlo visto particolarmente efficace e convinto nelle giocate nei primi quarantacinque minuti, probabilmente anche a causa degli impegni affrontati con la nazionale italiana, poi, invece, nelle ripresa, grazie anche alla carica giusta fornitagli dall’allenatore serbo, il “gallo” è tornato nuovamente a cantare e lo ha fatto nella maniera che più predilige, ossia realizzando una doppietta decisiva. Secondo Mihajlovic, Andrea Belotti dovrà continuare a lavorare con grande umiltà e a testa bassa perché ha di fronte a sé ancora tanti ampi margini di miglioramento e non dovrà affatto sentirsi appagato oppure inseguire le voci di mercato, molto spesso riportate dai media. Il centravanti granata dovrà fare leva sul massimo impegno e sull’abnegazione, e solo così potrà diventare un attaccante di primissimo livello nel panorama europeo. Davide Nicola, invece, ha ben poco da rimproverare ai suoi ragazzi. Il Crotone, soprattutto nel primo tempo, ha sfiorato in più di un’occasione la rete del vantaggio, dimostrando una spiccata volontà ed una ferrea convinzione nell’aggredire l’avversario. Resta il rammarico per non aver conquistato punti, uscendo, così, dal campo con l’ennesima, la decima, sconfitta in campionato.

Il tecnico dei pitagorici punta il dito, però, sulla prima rete realizzata da Belotti, che ha spezzato l’equilibrio della gara, viziata da una posizione di fuorigioco dell’attaccante granata. Nicola commenta tale accaduto come un qualcosa che non dipenda affatto dai suoi ragazzi, quanto piuttosto da una decisione discutibile dell’arbitro. Detto ciò, prosegue in salita il cammino dei calabresi verso la salvezza, anche se non bisognerà affatto scoraggiarsi ma ripartire dai primi quarantacinque minuti della sfida contro la compagine guidata da Mihajlovic, per tentare di conquistare il maggior numero di punti possibili al fine di lasciarsi dietro le spalle la zavorra dell’ultimo posto in classifica, tornando così a competere con le dirette rivali per mantenere la categoria.

Tags

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close