Sassuolo-Fiorentina: 1-0. Politano decide il match tra Sassuolo e Fiorentina

Analisi del match e dichiarazioni post-gara di Iachini e Pioli

Importante passo in avanti, se non decisivo, del Sassuolo per quanto concerne la corsa salvezza.

Nell’anticipo delle ore 18, valevole per la trentaquattresima giornata di serie A, gli emiliani superano per 1-0 la Fiorentina grazie al gol del solito Politano, autore di cinque reti nelle ultime sei gare disputate. Per la Viola, invece, è una battuta d’arresto che complica, leggermente, i piani per raggiungere un posto per la prossima edizione di Europa League. I neroverdi, a margine di questo trionfo, salgono a quota trentasette, occupando il tredicesimo grandino, distanti momentaneamente nove lunghezze dal Crotone terzultimo. La banda guidata da Beppe Iachini  inanella l’ottavo risultato utile consecutivo, la seconda vittoria di fila in tre giorni e soprattutto torna a conquistare l’intera posta in palio al “Mapei Stadium” dopo l’ultimo successo datato 23 dicembre 2017, in occasione dell’1-0 inflitto all’Inter. La Fiorentina, invece, resta inchiodata al nono posto a quota cinquantuno, distante sempre tre lunghezze dal Milan sesto, ultimo gradino utile per accedere direttamente in Europa League. La Viola subisce il secondo ko di fila, con l’ultima vittoria ottenuta in campionato che risale al 7 aprile scorso, ovvero dallo 0-2 rifilato alla Roma all’Olimpico.

Riavvolgendo il nastro della gara, la prima occasione da segnalare è per i padroni di casa con un tentativo di Adjapong murato da Dragowski, chiamato a sostituire Sportiello squalificato. Qualche minuto più tardi ancora Sassuolo sugli scudi attraverso un calcio di punizione battuto da Lemos ed intercettato senza patemi dall’estremo difensore gigliato. Al 30’ avviene la svolta del match con l’espulsione decretata dall’arbitro Irrati nei confronti di Dabo per somma di ammonizioni. Analizzando attentamente i due cartellini rimediati dal centrocampista francese, emerge più  di un dubbio sulla reale cattiveria messa in mostra nelle due occasioni incriminate. Il primo giallo coincide con il primo intervento un po’ vigoroso di Dabo su Missiroli, passibile anche semplicemente di un richiamo verbale, mentre il fallo che poi gli è costato l’espulsione è figlio di una presunta spinta nei riguardi di Berardi. Rivedendo l’accaduto appare piuttosto evidente che Dabo alzi le braccia dopo aver sfiorato il numero venticinque neroverde. Il signor Irrati ha invece un’altra idea ed estrae il rosso nei confronti del quattordici viola. Con la Fiorentina in dieci, il Sassuolo ha a disposizione maggiori spazi e al 41’ colpisce con Politano, il quale riceve palla dalla destra da Adjapong, per poi lasciar partire, dal limite, una conclusione a giro che si insacca sotto il sette. Rete da cineteca per l’attaccante neroverde che sigla il suo ottavo centro in questo campionato. Nella ripresa i viola stentano a rendersi pericolosi, complice la giornata piuttosto negativa dei suoi uomini offensivi. I padroni di casa, invece, pungono e lo fanno con Politano, il quale servito in profondità si fa ipnotizzare da Dragowski in uscita. A seguire è ancora il Sassuolo a spingere con Ragusa, subentrato al 64’ al posto di Berardi, il cui tiro viene deviato dall’estremo difensore viola ed infine, quasi al tramonto del match, con Matri che dall’interno dell’area non inquadra il bersaglio per una questione di centimetri.

Al triplice fischio finale, esulta il tecnico neroverde Iachini, che intervistato dai giornalisti, giudica così la prestazione della sua squadra: “Sono felice per il risultato e per la prestazione. Abbiamo fatto un grande lavoro come squadra, vogliamo raccogliere il prima possibile i punti necessari per il raggiungimento del nostro obiettivo. Politano? E’ cresciuto molto e ha ampi margini di miglioramento come i suoi compagni”. Queste, invece, le dichiarazioni rilasciate alla stampa dall’allenatore della Fiorentina, Stefano Pioli: “Partita compromessa dall’espulsione di Dabo? Non credo sia solo esclusivamente colpa sua, ma ha inciso parecchio. E’ stata una partita equilibrata, entrambe le squadre hanno commesso diversi errori e non credo che il Sassuolo ci abbia impensierito più di tanto. Sinceramente ho cambiato i giocatori perché li ho visti stanchi, l’unico è Veretout che a mio avviso ha disputato una buona partita. Siamo andati in difficoltà e abbiamo avuto poca lucidità. Per quanto concerne la corsa per accedere direttamente in Europa League? Per avere certe ambizioni bisogna ottenere più risultati positivi possibili, ora avremo quattro partite e dovremo provarle a vincere tutte”.

 

Tags
Mostrami di più

Lorenzo Cristallo

Mi chiamo Lorenzo Cristallo, ho 30 anni e vivo a Torre de' Passeri in provincia di Pescara. Sono diplomato con il titolo di ragioniere. Il calcio e' la mia grande passione. Sono tifoso della Juventus ma seguo il calcio in tutte le sue dinamiche a 360 gradi. Sono un tipo socievole, molto preciso e puntuale e amo molto stare in compagnia. Sono un gran chiacchierone e mi piace discutere di vari argomenti non disdegnando quella sana critica nei giudizi delle cose.

Ti Potrebbe Interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close